“Eppur mi son scordato di te”, JoJo. E Rossi sa il perché..

    0



    Rossi-Jovetic“Eppur mi son scordato di te” cantava Battisti nel 1971, certo senza avere in mente Stevan Jovetic. Chissà, intanto, se i tifosi viola lo ricordano ancora, visto che, in pochi mesi, l’avventura del montenegrino è stata spazzata via.Come ho fatto non so”, continuava Lucio, ma qui siamo sicuri che un motivo c’è ed è noto a tutti e risponde al nome di Giuseppe Rossi. Il talento del New Jersey, con 14 gol in 17 presenze di campionato, ha annichilito ogni possibile nostalgia dopo l’addio (voluto) di JoJo, “fuggito” da Firenze, a caro prezzo, per cercare il salto di qualità a Manchester, sponda City, dove però, fino ad oggi, in pochi si sono accorti di lui.
    Pagato molto, il montenegrino in Inghilterra ha fatto parlare di sé più per infortuni ed assenze che per le prestazioni in campo (5 presenze fra campionato e Capital Cup, con 2 gol al Wigan in coppa, squadra di serie B inglese); in Italia, intanto, a guidare la classifica dei goleador di Serie A c’è un ragazzo italo-americano, che non è una star, ma è un fenomeno sul campo di gioco: Giuseppe Rossi.
    Adesso, tutti si sono accorti (di nuovo) di lui, ma a gennaio fu bravissima la Fiorentina a pagarlo (anche molto, se vogliamo, in relazione alle condizioni fisiche del ragazzo), ad investire su di lui quando nessuno lo avrebbe fatto, a scommettere sul recupero di Pepito per farne colonna portante di una grande Fiorentina.
    Numeri a confronto, il paragone è quasi imbarazzante: in tutta la stagione 2012/2013, Jovetic segnò in viola 13 gol in 31 partite di campionato, Rossi (solo in Serie A) è già a 14 centri in 17 gare, capocannoniere del campionato e leader indiscusso della squadra di Montella. Talento puro, fenomeno dentro il campo e ragazzo comune fuori: Firenze si è innamorata di quel n.49 ed adesso sogna con lui. Nel frattempo, i bei momenti di JoJo in viola sembrano ormai lontanissimi, sbiaditi e quasi svaniti nel nulla: la doppietta al Liverpool, i gol al Bayern, allo Sporting, i centri in campionato, gol che non sono bastati a Stevan per entrare davvero nel cuore dei tifosi, scottati dalle ambizioni del montenegrino.
    Ci dispiace, Stevan, ma sei il passato: il presente ed il futuro si chiama Rossi, un fenomeno che ha già conquistato tutti.