ESCLUSIVA FI.IT – Cuello: “Sono stato vicino alla Fiorentina, ma l’Atlético non mi ha voluto cedere. Spero di trovare un accordo”

13



Le dichiarazioni in esclusiva ai nostri microfoni del giovane talento argentino

Nelle ultime ore il profilo di Tomás Cuello è stato accostato nuovamente alla Fiorentina. L’argentino classe 2000 dell’Atlético Tucumán piace alla dirigenza viola (in ottimi rapporti con l’agente Marcelo Simonian) e potrebbe essere uno dei nuovi innesti della prossima stagione, per proseguire quella linea verde già tracciata a gennaio con gli arrivi di Touré, Zurkowski e Rasmussen. Per conoscerlo meglio la nostra redazione ha contattato direttamente il giovane tucumano:

Nelle ultime ore sei stato accostato alla Fiorentina, cosa ci puoi dire sull’interesse del club viola?
“Sono quasi due anni che si parla di un mio trasferimento in Italia, prima l’Inter e ora la Fiorentina. Il mio procuratore sta facendo il possibile per provare a trasferirmi da Tucumán. Le cose qui sono abbastanza difficili per me, se Dio vorrà sarebbe davvero qualcosa di molto bello. In passato questa trattativa è stata in fase molto avanzata: avevo molte speranze di raggiungere Firenze, ma in un momento è sfumato tutto. Il club non mi ha lasciato andare e il mio agente ha fatto tutto il possibile. Non sono stato convocato per le partite di questo 2019, al contrario di quanto mi era stato detto dal club in precedenza. Speriamo che nel prossimo calciomercato si possa raggiungere un accordo”.

Ti piacerebbe giocare in Italia?
“Sì, certamente. Ho sempre lavorato per questo. Sono giovane e l’interesse da parte della Fiorentina nei miei confronti è qualcosa di molto bello”.

Quali sono le tue caratteristiche?
“Sono un esterno sinistro di centrocampo. Mi piace segnare e sono molto bravo nell’uno contro uno. Sono un centrocampista in grado di percorrere tutta la fascia per attaccare ma anche per difendere. Posso giocare anche come trequartista, un ruolo che mi piace molto e in cui ho giocato varie volte. Credo che dovrò migliorare un po’ nella fase difensiva, ma in tutte le partite che ho giocato mi sono trovato molto bene”.

Hai un idolo a cui ti ispiri?
“A Messi più degli altri, per la sua personalità nel terreno di gioco e fuori. Non è un idolo, ma mi piace osservare molto le giocate di Neymar. Messi poi ho avuto modo di incontrarlo con la Nazionale, in una tournée in Australia e Singapore, e nelle qualificazioni al Mondiale contro Perù ed Ecuador, in cui ero stato convocato come sparring”.

Hai un soprannome?
No, tutti mi chiamano Tomy o con il mio cognome”.

Nel 2017 hai debuttato in Primera División, però adesso stai giocando molto poco…
“Qui non mi stanno dando molte opportunità, ma ho fatto molto bene quando ho giocato. Ho risposto sul campo a ciò che mi veniva richiesto. Sono cose molto strane: uno fa molto bene in campo ma non ti danno l’opportunità di fare esperienza. E’ una situazione che mi infastidisce, ma mi alleno giorno dopo giorno per cogliere al meglio le opportunità quando arriveranno”.

Sei stato anche il primo millennial a esordire nel campionato argentino…
“Sì, ma questo non conta molto perché adesso non sto giocando”.

Sei rimasto deluso per non essere stato convocato al Sudamericano Sub20?
In verità me lo aspettavo perché non stavo giocando. Sono contento però per i miei compagni, con cui ho giocato nelle categoria Sub17 e Sub20, e come sparring della Nazionale maggiore. Hanno disputato un grande torneo. Spero di potermi riconquistare la maglia della Nazionale prima del Mondiale in Polonia. Sarebbe un sogno essere convocato al Mondiale Sub20″. 

Hai dovuto fare molti sacrifici per giocare a calcio?
“Moltissimi. Ho messo tante cose da parte per fare quello che mi piace. Ho cercato sempre di rinunciare alle feste, alle uscite con gli amici e molte volte anche alla famiglia. Sono cose che a lungo andare portano a una ricompensa. Questo non è un momento positivo per me, ma fare il calciatore è molto bello”.

Quanto è stata importante la tua famiglia?
“Il loro appoggio è stato veramente importante. Quando uno si abbatte per gli scarsi risultati che ottiene sul campo, che in certi momenti ti danno delusioni forti, loro sempre mi sono stati vicini e mi hanno aiutato tantissimo. Loro hanno sempre lavorato per darmi il meglio, a volte non ci sono riusciti, ma io voglio ripagarli degli sforzi fatti”.

Qual è il tuo sogno più grande?
“Giocare un Mondiale e in un grande club europeo”.

E la Fiorentina lo è?
“Sì, ovvio. Ci hanno giocato tanti giocatori forti come Batistuta, e adesso ce ne sono due che giocano in Nazionale come Simeone e Pezzella, che ha giocato e vinto con la maglia del River Plate. La verità è che ha giocatori importanti e mi piacerebbe giocarci perché è una grande del calcio italiano”.

13
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
MAU 46
Ospite
MAU 46

Una mezzasega deperito e nano che in Italia non giocherebbe nemmeno nello Scandicci, ma si sa, piace a Corvino! Se poi è un bidone come Zekchnini e costa un botto cosa vuol dire!!! In Fiorentina si licenziano gli allenatori mica chi dovrebbe fornire a loro la materia di prima qualità per coprire con ragione i ruoli scoperti!!!

fer Aretto
Ospite
fer Aretto

“Corvino, scelga un giocatore”
“Vediamo un pò… cuello!”

Totò
Ospite
Totò

La domanda più intelligente: hai un soprannome?…

antiultras
Ospite
antiultras

se tu sei bono che la fiorentina ti compri l’è cuello…

Zandim
Tifoso
zandim

E t’e’ andata bene!

Bagnolesi Giovanni
Ospite
Bagnolesi Giovanni

La Fiorentina grande club? Forse in altri tempi del secolo scorso ma non certo con la gestione dei Calzolari. Ricordo a tutti che finora con una proprieta’alla quale non manca niente non abbiamo neanche vinto il campionato di serie B. Via i Della Valle da Firenze unici responsabili con Corvino dell’attuale situazione catastrofica. Siamo lo zimbollo dei tifosi di tutte le altre squadre.

Riccardo
Ospite
Riccardo

ehhh tanta roba … apparte tutto io non lo conosco , ma transfermarkt lo valuta 175mila euro , mi sa’ che tutto questo fenomeno non’è…..

andrea
Ospite
andrea

Cuelo vuol giocare nella Fiorentina o in un grande club europeo? la seconda che hai detto.Ecco vacci subito bellino

Marco tifoso 56
Ospite
Marco tifoso 56

Notizia di mattina… INSEGUIAMO CUELLO… speriamo non scappi troppo veloce. Un buongiorno a tutti i tifosi viola tristi… Questo è quello che passa il convento-valle… Cosa penserà Chiesa a vedere Bernardeschi ieri sera?

Vincenzo Grisorio
Ospite
Vincenzo Grisorio

Chiesa pensa e spera di portarci la fiorentina a quel livello, mentre quello che pensi tu è da frustrato!

Zeba
Ospite
Zeba

Vincenzo, ma chi è più frustrato, marco o te che vivi nel mondo delle nuvole, che ti accontenti della mediocrità assoluta e che ti convinci Chiesa voglia farne parte?

Totò
Ospite
Totò

E tu gli rispondi anche?

Roncisvalle
Ospite
Roncisvalle

Il frustato non è chi si accontemta ma il gattino che crede di essere un leone

Articolo precedentePioli e il chiarimento con i Della Valle: prima campionato e Coppa Italia, poi il futuro
Articolo successivoVerso Cagliari: per Chiesa possibile recupero in extremis, Dabo al posto di Veretout
CONDIVIDI