ESCLUSIVA FI.IT – Santana: “Sarò sempre grato a Prandelli. Alla Fiorentina è mancata la continuità di alcuni singoli”

9



Il doppio ex della sfida di domani a Marassi ha parlato ai nostri microfoni

In vista della partita di domani a Marassi tra Genoa e Fiorentina, la nostra redazione ha contattato l’argentino Mario Alberto Santana, attualmente alla Pro Patria. Queste le sue dichiarazioni:

Che ricordi hai dalla tua esperienza in maglia rossoblù?
“E’ stato Liverani che mi ha portato al Genoa, ma  dopo i primi risultati negativi venne esonerato. Dopo di che è arrivato Gasperini, ho iniziato a giocare le prime partite con lui, ma poi mi sono infortunato e non ho avuto più la possibilità di giocare. Non è stata un’esperienza molto positiva perché non ho potuto dimostrare”.

Oggi sulla panchina del Genoa c’è Prandelli, come lo hai visto in queste prime giornate?
Penso che rientrare a campionato in corso non è mai facile per nessuno. Il mister è una grandissima persona e riesce ad arrivare ai giocatori sia umanamente che professionalmente. Sta facendo bene, con risultati importanti e sono felice che sia tornato ad allenare”.

Il rapporto con Prandelli?
“Mi ha sempre dato fiducia per giocare e c’era tanta stima. E’ uno che mi ha dato tanto in tutti i sensi, personalmente e calcisticamente. Gli sarò sempre grato perché mi ha fatto crescere. Credo che mi stimasse per il sacrificio che facevo per la squadra, non ho mai giocato per me stesso, ma sempre per quello che mi chiedevano lui e la squadra”.

C’è qualche aneddoto che ti va di raccontarci dopo tanti anni?
“Di aneddoti ce ne sarebbero tanti, perché in quegli anni lì eravamo un gruppo, una squadra devastante in tutti i sensi. Ce ne sarebbero tantissimi, ma mi ricordo sempre che mi diceva di risparmiarmi in allenamento, di non andare sempre a cento all’ora perché poi arrivavo alle partite stanco. Voleva che mi risparmiassi perché in allenamento davo sempre il massimo, e ogni volta me lo ricordava”.

Cosa ne pensi del girone d’andata della Fiorentina?
Firenze è comunque una piazza molto impegnativa. A inizio campionato c’erano altre aspettative, ma  la Fiorentina è lì. Purtroppo nel calcio ci vogliono i risultati, e magari si guarda meno la prestazione della squadra. E’ un periodo così, ma credo che abbia i giocatori importanti per tornare a giocare come a inizio campionato”.

Cosa gli è mancato secondo te?
Credo la continuità di alcuni singoli giocatori, che poi fanno la differenza. Hanno bisogno di tempo perché sono giovani e sono in crescita, purtroppo si trovano in una piazza così importante e devono farlo in fretta. Devono scendere in campo ogni domenica e crescere velocemente”.

Che partita sarà domani?
“Il Genoa nelle ultime settimane ha dato segnali importanti come squadra. Si gioca in uno stadio con il campo non in ottime condizioni e quindi mi aspetto più una partita fisica. Sarà una partita difficile. L’atteggiamento dei giocatori sarà molto importante”.

9
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Alois
Ospite
Alois

guardate la foto: Gila e Santana Oggi al posto di Simeone e Piajca basterebbero per giocarci il quarto posto. Speriamo nella campagna acquisti di Gennaio. Ah…..dimenticavo oggi si perde e io spero proprio
di si per Cesare. Forza Cesare battici senza problemi. Siamo scarsi e abbiamo un allenatore inetto Alois

I BISCHERO
Ospite
I BISCHERO

Mi sono rotto dei dv,gnigni,corvo,freitas, ma
TIFARE CONTRO MAI..
Alois ma ti rileggi prima di postare

Illepri
Ospite
Illepri

Il giochetto a nesta cross gol di mutu 1 1!! Che ricordi

california viola (antitrump)
Ospite
california viola (antitrump)

Grandissimo chitarrista, ma come calciatore lento come le capre.

Alebg
Ospite
Alebg

Infatti giocava praticamente sempre titolare per via della chitarra

I BISCHERO
Ospite
I BISCHERO

Non era certo un fenomeno ma l uomo lo saltava spesso

Alebg
Ospite
Alebg

Grande Santana, grande Prandelli, non sempre apprezzati a Firenze come avrebbero meritato.

Potini
Tifoso
Potini

Allenatore bravo, ma che avrebbe sacrificato un Messi in onore dei propri schemi, un giocatore bravo ma fra i più discontinui mai visti a Firenze che parla di mancanza di continuità. Chiaramente se li paragoniamo a ciò che abbiamo adesso sono mille volte meglio, ma all’epoca che cosa mai avrebbero meritato ed in cosa non li avremmo apprezzati scusa?

Grande Cesare
Ospite
Grande Cesare

all’addio di Donadel e Santana c’ero in Curva e si mise lo striscione sarete sempre a casa quando tornate a Firenze….questi sono giocatori che oggi ci servirebbero per lo spogliatoio, ovviamente non proprio loro ormai, ma giocatori con le stesse qualità di uomini fuori e dentro al campo

Articolo precedenteRomulo: “Non potrò mai dimenticare ciò che la Fiorentina ha rappresentato per me”
Articolo successivoVerso Genova: Pioli pensa a Norgaard e Veretout insieme a centrocampo
CONDIVIDI