Evani: “I miei ragazzi hanno compiuto una vera impresa contro lo Zambia”

5



Evani

“I ragazzi hanno vinto una partita che sembrava persa, compiendo una vera e propria impresa. Hanno ripreso a giocare nonostante l’uomo in meno, e sono stati bravi a creare tante occasioni”. Il ct dell’Italia under 20 ‘Chicco’ Evani sottolinea i meriti dei suoi azzurri che hanno battuto 3-2 lo Zambia nei quarti di finale dei Mondiali pur giocando in 10 dal 41′, a causa del sistema di aiuto tecnologico Var. L’arbitro Zambrano, che aveva assegnato un rigore per lo Zambia a seguito di un intervento di Pezzella su Chilufya nei pressi del limite dell’area di rigore azzurra, dopo aver fatto ricorso alla Var, opta per il calcio di punizione e per il cartellino rosso nei confronti dell’azzurro. “Abbiamo cominciato male – dice Evani – poi abbiamo subito l’espulsione e ho temuto il peggio. La squadra però ha reagito, ha messo grande carattere e abbiamo recuperato per due volte lo svantaggio. I ragazzi sono stati formidabili”. Giovedì in semifinale l’Italia affronterà l’Inghilterra, che oggi ha battuto 1-0 il Messico. Lo riporta l’Ansa.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Una piccola impresa, un ex giornalista Rai ha detto in radio che lo Zambia (che aveva eliminato la Germania) é una squadra di trentenni.

Mastiaccio
Ospite
Mastiaccio

Come da sempre in questa rassegna per le nazionali meno conosciute e controllate a livello mondiale…

Sabaudoviola
Tifoso
Sabaudoviola

Un’impresa contro lo Zambia?!?! L’impresa l’hanno compiuta loro a battere la Germania e quasi a battere l’Italia. Cerchiamo di essere onesti. La differenza tecnica e le dislonibilita’ economiche sono abissali. Loro avevano fame di vittoria

Ezio
Ospite
Ezio

Tutto vero, ma loro giocano con la U30.

Oranje
Ospite
Oranje

Grande Chicco ! Uomo silenzioso e di sostanza.

Articolo precedenteMaspero: “Mlakar mi sembra pronto per la prima squadra. Diakhatè…”
Articolo successivoFiorentina, i Giovanissimi B hanno vinto il Torneo ‘Manlio Selis’
CONDIVIDI