Fair Play Finanziario: Le perdite e i debiti sono in netto calo. Salgono i ricavi ma…

    0



    Focus sul fair play finanziario sul Corriere Dello Sport. La Uefa ha monitorato fino al dicembre 2015 tutte le società che partecipano alle coppe (239 tra Champions ed Europa League, compresi i preliminari) più molte altre (700 in tutto). Dallo studio è venuto fuori che il calcio europeo è in discreta salute perché la somma dei ricavi annuali complessivi di tutti i campionati (analizzato solo il principale torneo di ogni nazionale) anche nel 2016 è in crescita del 6,3% rispetto all’anno precedente. Premier League e Bundesliga dominano, mentre l’Italia è al quarto posto, a poca distanza dalla Spagna. Impressionante il dato medio dei ricavi di ogni club: una società della Premier guadagna più del doppio rispetto a una italiana. Sul mercato questo gap non può non pesare. La Serie A registra una tendenza positiva nel 2015 rispetto al 2014: la crescita complessiva dei ricavi è stata di 170 milioni, maggiore rispetto a tutte le altre leghe, un risultato raggiunto grazie ai soldi arrivati dall’Uefa (+30 milioni) e dal nuovo contratto delle tv. In altre nazioni (Spagna e Turchia) la crescita dei ricavi è stata registrata grazie all’aumento degli spettatori; Inghilterra, Russia e Germania hanno visto lievitare i ricavi commerciali che viceversa sono diminuiti in Italia e in Francia. L’introduzione del Fair Play ha limitato i costi, ma non ha frenato gli investitori se è vero che nel 2015 in totale i proprietari di club europei hanno investito 6 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto ai 3,2 del 2011, quando il Fair Play non c’era. Positivo è anche il fatto che le perdite di tutti i campionati siano in calo rispetto al 2012 (da 1.076 milioni a 323 milioni); la cifra sarà ulteriormente tagliata nel 2016 con il rispetto dei parametri delle società sotto settlement agreement.  

     

     

    fair play

     

    Poco sotto alla top 30 dei fatturati la Fiorentina che non arriva a 130 milioni. L’obiettivo dichiarato della socità viola è quello di arrivare almeno a 150 milioni.