Fantini a FI.IT: “I viola devono puntare all’Europa. Viola meglio del Toro, senza Belotti…”

3



fantini

Due squadre appaiate a 13 punti. Da una parte la Fiorentina, che vuole continuare a crescere per provare a togliersi qualche soddisfazione. Dall’altra il Torino, che si è scoperto fragilissimo dopo l’infortunio di Andrea Belotti. La partita del Franchi si presenta così, con il consueto spettacolare gemellaggio sugli spalti e con la battaglia sportiva pronta ad innescarsi. Fiorentina.it ha intervistato in esclusiva Enrico Fantini, eroe della promozione in Serie A con i due gol nel doppio spareggio contro il Perugia.

Partiamo dalla Fiorentina. Che impressione le ha fatto fin qui?
“E’ partita con alcune difficoltà, ma penso che fossero state messe in preventivo da tutti visti i tanti cambiamenti all’interno della rosa. Pioli lo considero un ottimo tecnico, preparato e competente, che ha solo bisogno di tempo per lavorare con i suoi tanti giovani. L’arrivo di un giocatore esperto e di qualità come Thereau gli ha dato una mano. La squadra ha trovato un punto di riferimento ed anche lui, a livello personale, sta facendo molto bene”.

Da ex attaccante, come valuta l’inizio di stagione di Simeone e Babacar?
“Simeone è ancora tanto giovane. A Genova ha fatto bene, ma giocava con un sistema di gioco diverso. Credo che ancora debba capire bene cosa deve fare in campo. Babacar, per me, è un grande punto interrogativo. E’ incompiuto, alterna cose eccellenti a cose fatte male. Nessuno dei suoi allenatori gli ha mai dato continuità, quindi mi viene da pensare che in allenamento non riesca ad esprimersi al meglio. In coppia, per adesso, faccio fatica a vederli. Sono due doppioni, Pioli dovrebbe stravolgere la squadra per farli giocare insieme. Poi nel calcio moderno si può fare tutto, ma mi sembra complicato al momento”.

E di Benassi che dice?
“Al Toro l’ho seguito tanto, è un gran bel giocatore, fidatevi. Non è un trequartista e non è un esterno. Lui è un interno di centrocampo e nelle ultime partite ha dimostrato quello che può fare. Anche lui è giovane, ha margini di miglioramento enormi”.

Che campionato immagina per la Fiorentina?
“L’obiettivo deve essere almeno quello del settimo posto, per provare a tornare in Europa. Poi, se sarà raggiunto o meno lo vedremo più avanti, ma la Fiorentina la ritengo una squadra organizzata e l’arma in più da sfruttare deve essere la spensieratezza dei giovani e la loro voglia di dimostrare quanto valgono”.

E del Toro cosa pensa? Quanto pesa l’assenza di Belotti?
“Lo sapete, io sono un granata-viola, ho il cuore diviso a metà. Da tifoso del Toro dico che questa squadra non mi piace per niente. Corre poco, non è per niente intensa. Oggi Belotti è più del 50% del Torino, è chiaro che la sua assenza sia pesantissima. Da tifoso pretendo di più, vorrei vedere in campo una squadra più vogliosa. In questo momento la Fiorentina è più avanti a livello di organizzazione. Ed anche nel confronto diretto la vedo meglio, potrà sfruttare anche il vantaggio di giocare in casa”.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

Grande Fantini !!! Sono già passati 13 anni dalla mitica notte contro il Perugia !!! Speriamo domani si rigoda !! Forza Viola !!! ….. compro vecchie maglie Fiorentina e non , contattami ad [email protected]

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Ho sognato che si perde 3-1, i sogni raccontano il contrario di ciò che accade quindi… 🙂

Il sogno è vero, non scherzo, ma a parte gli scherzi per i granata sarà molto dura domani e io credo che comunque la partita si deciderà nei primi 10 minuti. Partiamo a mille come succede spesso, qualche bella combinazione con Thereau e Chiesa e gliene schiaffiamo subito 2, visto anche che la loro difesa è abbastanza scacia. Poi controllo del match, e lì Pioli dovrà stare accorto e fare i cambi giusti.

SFV

olegna
Ospite
olegna

come spesso accade, anche stavolta mi prendo la briga, con tutte le conseguenze del caso, di dire che sono anch’io sono convinto che l’occasione di domani sera contro un Toro senza Belotti va sfruttata al massimo (ricorderete come finì lo scorso anno), questo non deve assolutamente tradursi in una guardia abbassata, in una partita “che tanto la vinciamo noi” e quindi giocata con supponenza e superficialità, perchè in quel caso finisce male e sarebbe un peccato mortale.

Articolo precedenteLazio: domani a Bologna scenderà in campo con maglia commemorativa Anna Frank
Articolo successivoNazionale femminile, 3-0 alla Romania con tre giocatrici viola protagoniste
CONDIVIDI