Ferrero: “La Sampdoria non giocherà domenica. Necessario fermarsi”

13



Si attende una comunicazione ufficiale da parte della Lega di Serie A ma in tante squadre spingono per non giocare domenica, a partire dalla Sampdoria.

Giocare domenica sera dopo la tragedia di Genova sarebbe complicato per tutti e per questo si sta pensando di rinviare in toto la prima giornata di campionato.

Intanto il presidente della Sampdoria Ferrero a RMC Sport ha parlato così: “Massimo Ferrero non vuole giocare, le partite si recuperano, i morti no.

Miccichè sta valutando la possibilità di non giocare la prima giornata di Serie A. Sampdoria, Fiorentina, Genoa e Milan non giocheranno.

Ho parlato con Agnelli e anche la Juventus non giocherà sabato (giorno anche dei funerali di stato delle vittime del crollo del ponte Morandi n.d.r.)”.

13
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
claude
Ospite
claude

per me sarebbe stato un bel gesto giocare tutte le partite e devolvere alle vittime ed ai superstiti tutti gli incassi,

CHOCKFAST
Ospite
CHOCKFAST

Domanda.
Sabato sera il dott. Ferrero, in segno di lutto, chiuderà tutte le sale cinema di sua proprietà, rinunciando agli incassi e provvedendo a tutti gli eventuali rimborsi?

Badtzmaru
Ospite
Badtzmaru

La cosa più semplice? Rinviare di una settimana l’inizio della Serie A.
Nessuna partita da recuperare, nessuna classifica sfalsata e soprattutto, messaggio di cordoglio per le vite perse e di vicinanza per le altre vittime del disastro forte e chiaro da parte della Federazione e di tutto il mondo del calcio.

(Di nuovo Ex) Tifoso
Ospite
(Di nuovo Ex) Tifoso

Moralmente è giusto ma dubito il vero motivo del rinvio dell’intera giornata sia questo. Per altre info basta vedere ogni genere di scandalo che sta devastando il calcio italiano. Mi risulta che il Crotone abbia chiesto l’ingresso in sovrannumero in A dato l’allungamento dei tempi per avere una sentenza sul caso Chievo.
Insomma io sono contento non si giochi dopo quello che è successo (noi, samp, genoa e milan non avremmo giocato comunque) ma mi chiedo se non ci sia dell’altro.

REM
Ospite
REM

A uno che ragiona cosí gli darei partita persa a tavolino. Ma chi si crede di essere? Giocare o non giocare non spetta a lui decidere! Far sapere quale é il suo pensiero certo ma se crede di fare come vuole partita persa.
Che ognuno la pensi come vuole che ognuno dica la sua va bene ma ognuno rimanga nel suo campo di competenza.

Leonellolandi
Member
leonellolandi

Non c’è nesso tra la tragedia e l’evento sportivo.. L’unica partita da rinviare è Sampdoria Fiorentina perché distoglierebbe forze dell’ordine da compiti più importanti.. Le altre dovrebbero svolgersi come qualunque altra attività..

Piero
Ospite
Piero

Sono d’accordo. La motivazione “serve un gesto forte, serve silenzio per pensare” non regge più perchè è stata già usata per altri accadimenti ed è valsa zero spaccato.

Fabio
Ospite
Fabio

Quindi per te è giusto giocare gli anticipi sabato 18, giorno di funerali di stato e lutto nazionale?! Casomai è più logico giocare il giorno dopo quando, archiviato il dolore, bisogna ricominciare a “vivere”

Don Draper
Ospite
Don Draper

complimenti; seguiterò a leggerti con piacere se hai feisbuk, uozzappe o tuitter.
Quelli come te, insegnano molto….

Massimo1964
Ospite
Massimo1964

<Allora se non gioca la juve si può sospendere il campionato ma se avesse giocato …. servi della juve, inter, milan .. mi fate tutti schifo dai giornalai servi del sistema alle pseudo società di calcio. Paese pagliaccio, paese Fracchia nei confronti dei poteri forti. Che brutta fine faremo!!! Poveri giovani come si ritroveranno!!!

Daniele
Ospite
Daniele

Io non la penso tanto diversa da te ma bisognerebbe fare urne vuote per Una volta, altro che stadio vuoto.

Marco
Ospite
Marco

Giusto così

sempreviola1
Ospite
sempreviola1

ha pienamente ragione come si può giocare in un clima così……noi ne sappiamo qualcosa

Articolo precedenteUn anno fa esordio shock a San Siro. Pioli si aspetta un approccio diverso dal gruppo
Articolo successivoFiorentina: “Opportuno fermarsi e rispettare in silenzio il dolore”
CONDIVIDI