Fiducia Fiorentina. Gol a grappoli nell’inizio di 2019. 17 gol messi a segno in 5 gare

2



UDINESE-FIORENTINA 03-02-2019 ESULTANZA DOPO IL GOL DI EDIMILSON FERNANDES. SILPRESS

Diciassette reti messe a segno in cinque partite, oltre tre a gara tra campionato e Coppa Italia per la Fiorentina

Si concentra sui numeri il Corriere Dello Sport: diciassette gol messi a segno in cinque partite (tra campionato e Coppa), in media oltre tre a gara, il tutto in un pugno di giorni, appena 25, dal 13 gennaio quando la Fiorentina ha fatto il suo esordio stagionale in Coppa Italia a oggi. Più del doppio rispetto a quelli segnati nello stesso periodo dal Napoli (7), il prossimo avversario in campionato, secondo in classifica generale alle spalle della Juventus e terza nella graduatoria dettagliata delle squadre più prolifiche, stavolta alle spalle dell’Atalanta (48) e dei bianconeri(46). C’è da restituire al Franchi l’effetto “fortino”, già che il successo è arrivato solo in una delle ultime sei gare interne dopo che nelle prime quattro partite della stagione la Fiorentina aveva fatto bottino pieno. Luis Muriel ha messo il sigillo su quasi il 24% delle marcature complessive. Federico Chiesa, dal canto suo, dopo aver piegato già almeno due grandi, Milan e Roma, punta a calare il tris: ora tocca al Napoli, squadra a cui in carriera non ha mai segnato. Obiettivo andare oltre la doppia cifra di reti (10, tra campionato e coppa), raddoppiando quello che era il suo massimo stagionale di centri, 6.

2
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
max
Ospite
max

Gool si… ma dove hanno inciso..?? Nel decimo posto in classifica ? Es. domenica a Udine?

Viola Carminio
Ospite
Viola Carminio

Ieri in Lazio-Empoli, più volte, durante punizioni e calci d’angolo della Lazio, venivano lasciate le due punte dell’Empoli larghissime sulla riga della metà campo…. tanto che se ne sono accorti anche i commentatori, perché questo sballava l’assetto normale dei laziali, che portavano in area meno attaccanti e tenevano più indietro centrocampisti e difensori. Questo potrebbe venire adottato sempre dalla Viola, perché noi non abbiamo due attaccantucci, ma due fulmini, mostri del contropiede, Chiesa e Muriel, un vero incubo per gli avversari, perché ogni pallata nel vuoto da una respinta rapida può essere facilmente preda di uno di loro, e allora… Leggi altro »

Articolo precedenteIn principio doveva essere Meret: poi fu Lafont. Domani di fronte. Per ora meglio il viola
Articolo successivoTraoré: non del tutto sufficiente la sua gara con l’Empoli. Rasmussen, solo panchina
CONDIVIDI