Figc, Tommasi: “A oggi non sono candidato. Serve un progetto sportivo concreto”

1



”Il calcio italiano è arrivato a questo punto perché il progetto sportivo è passato in secondo piano dal settore giovanile alla Serie A”. Il presidente dell’associazione italiana calciatori, Damiamo Tommasi, ai microfoni di radio anch’io lo sport commenta così le parole di Francesco Totti che lo vorrebbe al comando della Federcalcio: ”A oggi non sono candidato, nessuno mi ha candidato e le parole di Totti sono le parole di un amico. La federazione ha bisogno di persone che diano concretezza al progetto sportivo. Le parole di Totti sono le parole di un amico, ma non so quanto visto che il prossimo presidente della federazione ha una grande responsabilità. La nuova federazione – ribadisce Tommasi – dovrà partire da un progetto sportivo”. L’ipotesi commissario? ”Il commissario deve intervenire se ci sono i requisiti, pensare al commissario come unica soluzione ci potrebbe far trovare impreparati nel caso non potesse arrivare”.

A proposito dell’attesa per un presidente della Lega di Serie A Tommasi aggiunge: ”Non ho molte speranze sulla Lega di A, per tanti anni credo che la Lega di A abbia perso tempo”. E il nuovo ct della Nazionale? ”Chiunque arriverà – aggiunge Tommasi – dovrà avere un supporto per ripartire, dovrà essere sostenuto e avere una squadra che remi dalla stessa parte”.