Fine dell’esperienza al Vasco per Gilberto: un altro esubero per Corvino

13



Si è conclusa con la sorprendente qualificazione alla Copa Libertadores 2018 la stagione in prestito al Vasco da Gama per Gilberto Júnior. Il classe 1992 di proprietà di Fiorentina dopo un buon inizio in cui è stato protagonista della conquista della Taça Rio, ha visto poi ridursi il proprio minutaggio, complice l’avvicendamento in panchina con l’arrivo di Zé Ricardo. Oltre al cambio di guida tecnica anche un infortunio al ginocchio nel mese di settembre che lo ha tenuto lontano dal campo per qualche settimana. La sua esperienza col club carioca è terminata con 42 presenze all’attivo, nelle quali è stato impiegato in più posizioni, da quella naturale del terzino destro al mediano davanti alla difesa, passando per l’esterno di centrocampo e concludendo da terzino sinistro come avvenuto nell’ultima giornata del Brasileirão. Nonostante la sua polivalenza, il suo rendimento non è stato positivo. Il giocatore si è distinto in maniera negativa come riportato anche dal sito brasiliano Torcedores, che mostra come sia stato il giocatore della rosa con più passaggi errati (160) in campionato (fonte Footstatics).

Il giocatore attraverso il proprio profilo Instagram ha già salutato il club negli scorsi giorni in attesa di capire quale sarà il suo futuro, che con tutta probabilità sarà lontano da Firenze: “Oggi devo solo dire grazie! Un’altra stagione si è conclusa, e di nuovo, abbiamo la sensazione di essere soddisfatti. Il Vasco è un gigante. E non ho parole per descrivere come è stato indossare quella maglia. Tra le critiche, i cattivi momenti, innumerevoli persone incredule, i nostri problemi privati, tra le altre cose che sono successe quest’anno, una delle cose che mi ha aiutato è stata quella di inginocchiarmi di notte e ringrazio Dio per armi fatto indossare questa maglia. Mi ha fatto lavorare sodo, per raggiungere il campo e dare la vita come sempre. Dio è meraviglioso, il nostro obiettivo è stato raggiunto, grazie ad un gruppo di guerrieri, di uomini con onore, una guida tecnica molto intelligente, il sostegno delle persone all’interno del Club, e il sostegno incondizionato dei nostri sostenitori. Questo è solo l’inizio!!! Congratulazioni a tutti!!!!!!”.

Hoje só tenho a agradecer!! Mais uma temporada se passa, e mais uma vez, fica a sensação de dever cumprido. O Vasco é gigante. E não tenho palavras pra descrever como foi vestir essa camisa. Em meio a críticas, fase ruim, inúmeras pessoas desacreditando da gente, problemas particulares, entre outras coisas que aconteceram este ano, uma das coisas que me aliviavam era ajoelhar à noite e agradecer a Deus por estar vestindo esta camisa. Isso me fazia trabalhar muito, pra chegar no campo e dar a vida como sempre foi. Deus é maravilhoso, nosso objetivo foi concluído, graças à um grupo de guerreiros, de homens com honra, uma comissão técnica muito inteligente, suporte de pessoas dentro do clube, e apoio incondicional dos nossos torcedores. Isso é só o início!!! Parabéns a todos!!!!!! #libertadores #vasco #Deusnocontrole #personalidade ⚫️⚪️💢🙏🏽👊🏽

A post shared by ⚽️🙏🏽😃 (@gilbertojr93) on

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Frunky69
Ospite
Member

Da quando Dio fa il calciomercato? vaia vaia buffoni con l’amico immaginario che pensa solo a loro…

Aristarco Scannabue
Ospite
Member

Forse non significa niente ma a me uno che dice “questo è solo l’inizio” tutto mi fa pensare tranne al fatto che stia salutando!

robi
Ospite
Member

Un errore poco comprensibile di Pradè. Prendere un ‘puffo’ nel calcio moderno è assurdo. Per una volta Corvino non c’entra, per una volta…

SATANELLO VIOLA
Ospite
Member

CHI CRITICA L’OPERATO DI PANTALEO E’ SOLO UN GOBBO……………VADA A CRITICARE LA TALPA GOBBA…………………..

Fabius via dell\'Oriuolo
Ospite
Member

Come mai i brasiliani, soprattutto le pippe, devono sempre scrivere ‘ste menate su Dio e tutti i santi? Che ogni notte si inginocchiano sui ceci ecc. ecc.?? Boh, mistero. Forse proprio perché son pippe….

Frunky69
Ospite
Member

perchè sono ignoranti e la religione è per ignoranti

viceversa
Ospite
Member

Potrebbe essere un’alternativa come esterno di centrocampo davanti a una difesa a 3.

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

Gilberto è più tecnico e veloce di Gaspar. Ma meno pronto per il calcio europeo. Di classe comunque ne ha.

Ioannes
Ospite
Member

i capolavori di Pradè

Mike71
Ospite
Member

Vuoi mettere i capolavori di Panzaleo? Maxi Oliveira, Milic, Biraghi, Gaspar e, udite udite Dikcs. Roba da far tremare i polsi a Bale e Sergio Ramos…

Ioannes
Ospite
Member

No, meglio Marin, Llama, Larrondo, Mario Suarez, Tomovic, Octavio, Matri, Munua, Sissoko, Rosi, Kurtic, Richards etc…

Mau 46
Ospite
Member

Sarà proprio quella ciofeca che tutti dicono? Io lo riproverei a Firenze anche perchè ,con l’esclusione di questo articolo, mi sembrava che da sei mesi a questa parte non parlassero male di lui. È sempre un bene Viola e prima di abbandonarlo ci penserei due volte. Alle brutte,visti i giovani acquistati da Panzaleo sarà uno dei tanti!
Ha però un grande difetto: mi sembra sia stato comprato da PRADÈ, quindi piacerà al Vernolese come il fumo negli occhi!

Francesco
Ospite
Member

A mio parere, Gilberto, che brocco non è, è stato un altro acquisto inutile della Viola. Servono laterali di copertura (una volta si chiamavano terzini alla Facchetti) e invece si è comprato un’altra ala destra, così come prima avevamo comprato l’altro brasiliano che ora è al Verona (mi sono dimenticato il nome) dopo essere passato dalla Juve.
Sono anni da quando Hufalusi è andato via che non abbiamo un terzino destro degno di questo nome. Ci avrebbe fatto comodo Savic (a destra era meglio che a sinistra), ma per ragioni di cassa si è venduto. Oggi un altro come Gilberto si chiama Gaspar che pur non essendo brocco, come terzino non vale una cicca.

wpDiscuz
Articolo precedenteChampions League, le formazioni ufficiali di Roma e Juventus
Articolo successivoLa giornata viola: il riassunto
CONDIVIDI