Fio-Toro a confronto: di fronte le squadre che corrono più e meno in A. Toro in crisi

2



Fiorentina e Torino si trovano di fronte alla decima giornata con entrambe 13 punti in classifica. Per i viola sconfitte contro Inter, Chievo e Juventus fuori 3-0, 2-1 e 1-0, e Sampdoria in casa 1-2, poi le due vittorie contro Hellas 0-5 in trasferta e col Bologna in casa 2-1 ed il pari ottenuto al Franchi contro l’Atalanta per 1-1 prima delle due vittorie consecutive contro l’Udinese per 2-1 in casa e Benevento fuori 0-3. Fin qui tra le mura amiche, dunque, 7 punti ottenuti su 12 per i viola. Il Toro ha perso solo due gare fin qui, contro Juve 4-0 e Roma 0-1 nell’ultimo turno. Ma allo stesso tempo ha pareggiato contro Hellas, Crotone, Bologna e Samp. Solo tre successi per i granata contro Benevento, Udinese e Sassuolo. In trasferta il bottino per il Toro è di 8 punti in 5 gare con le vittorie di Udine e Benevento, i pareggi di Crotone e Bologna ed il ko nel derby. In casa la Fiorentina ha sempre segnato almeno una rete, subendone però sempre almeno una. Il Toro fuori ha sempre subito almeno un gol tranne che a Benevento, e ha sempre segnato tranne che nel derby.

Con 11 reti al passivo la Fiorentina è l’ottava difesa del campionato. 14, invece, ne ha subite la squadra di Mihajlovic che è la tredicesima difesa del torneo. Alla voce gol segnati, con 15 reti la Fiorentina è il sesto attacco del torneo con 1.67 gol segnati di media a partita. Il Toro, invece, ne ha segnati 14 ed è il nono attacco della Serie A con una media di 1.56 reti segnate a gara. La Fiorentina di Pioli è al quarto posto assoluto per tiri totali: 111. Dato che diventa il settimo assoluto per tiri nello specchio con 57 e secondo assoluto per tiri fuori dallo specchio con 54. Il Toro invece, di tiri totali ne ha scagliati 92 dodicesimo dato del campionato, che diventa l’8° con i 54 tiri nello specchio, e 17° assoluto per tiri fuori dallo specchio con 38.

Dati che evidenziano come il Toro a livello di manovra crei decisamente poco nonostante le aspettative, anche se riesce a centrare lo specchio della porta quasi come la Fiorentina. E segna più o meno come i viola che devono quindi migliorare quanto a cinismo. Malissimo, invece, la retroguardia dei granata.


Piuttosto corale la manovra offensiva viola, che con 31 assist tentati è quinta assoluta in Serie A. Tuttavia, solamente 6 sono andati a buon fine. Dato da metà graduatoria. Il Toro a referto ha 25 tentativi di assist, nono dato della Serie A di cui però 5 andati a buon fine. 115 i cross totali della squadra di Pioli, undicesimo valore assoluto del campionato, 84 invece, per il Toro che sfrutta pochissimo i traversoni. 110.9 i km percorsi di media dalla Fiorentina, che è la squadra del campionato che corre di più in assoluto. Il Toro ne fa solo 102 di chilometri, ed è la squadra che corre di meno in Serie A. Con 54 corner la Fiorentina è la quarta squadra che ne ha battuti di più in Serie A, che vuol dire profusione offensiva. Il Toro ne ha messi a referto solo 44, 10° dato assoluto. Occhio anche al dato sui fuorigioco: il Toro è la squadra alla quale ne sono stati fischiati di più. Ci sarà dunque da fare particolare attenzione per i difensori viola.

Sul fronte dei singoli, Thereau è il miglior marcatore delle due formazioni con 6 centri, grazie anche ai due segnati con la maglia dell’Udinese. Poi a 2 ci sono Chiesa e Simeone. Per il Toro pesa tantissimo il ko di Belotti fermo ancora a 3 centri, gli stessi di Iago Falque e Ljajic. Sul fronte assist Benassi è tra i migliori per tentati, con 7. Solo 1 riuscito tuttavia. Ljajic fa meglio, con 11 tentati, terzo assoluto con però solamente due riusciti. Alla voce palle recuperate Rincon è nella top 15 con 34 recuperi mentre Ljajic è quello che tira di più delle due formazioni con 25 tentativi, di cui 18 nello specchio.

Senza Belotti il toro perde tantissimo. E la crisi di risultati e prestazioni arrivata di recente per Sinisa Mihajlovic non è casuale. Solamente 5 i punti racimolati nelle ultime 5 gare dai granata. E per la Fiorentina la possibilità di continuare a risalire la classifica è più che un’utopia.