Fiorentina, battere il Sassuolo per ripartire. In cerca di continuità dopo i due pareggi esterni

Di Angelo Giorgetti - Qs-La Nazione

3



Come riporta il Qs-La Nazione, ci sono in giro squadre messe meglio del Sassuolo, che ha perso 3 delle ultime 5 partite e ha cambiato allenatore, ma proprio perché in panchina ci sarà Iachini è difficile fare paragoni. Immaginiamo più densità difensiva – come direbbe chi si intende di calcio – o comunque l’atteggiamento concreto di chi punta a salvarsi. Iachini in questo campo è una specie d’autorità. E comunque se consideriamo gli ultimi 5 turni, fra le squadre messe peggio del Sassuolo c’è anche la Fiorentina (5 punti contro 6) anche se il pareggio conquistato in rimonta contro la Lazio può essere una piccola svolta nell’anno dell’assestamento.

Tanti bassi, qualche alto: i due pareggi esterni consecutivi in rimonta possono essere un buon motivo per fidarsi? Questo dovrà dimostrare oggi la Fiorentina nella stagione in cui è continuamente chiamata a dare prova di essere qualcosa di definito e – possibilmente – in crescita. Pioli è intenzionato a ripartire dal solito modulo, ma sa bene che il ricorso alla difesa a 3 per aprire la strada alla doppia punta è un’opportunità sfruttabile. Così almeno dicono gli ultimi risultati, sebbene in un contesto che prevede Simeone e Babacar debba prevedere un compromesso per la posizione di Chiesa: esterno tutta fascia come nel secondo tempo a Ferrara o per una parte della ripresa, come a Roma contro la Lazio?

Lavori ancora in corso, è il caso di ricordarsi però che siamo alla quindicesima giornata di campionato. Quindi con il massimo rispetto per il Sassuolo e le sue ritrovate energie in prospettiva salvezza, è giusto sottolineare come la Fiorentina abbia un’occasione da non sprecare dopo quelle sciupate contro il Chievo e soprattuto il Crotone, quando i viola lasciarono 3 punti dopo la striscia positiva contro Udinese, Benevento e Torino. La ministriscia ora è molto più modesta (due pareggi), ma il risultato riagguantato nel recupero in casa della Lazio vale più della vittoria contro il Benevento. E comunque la Fiorentina è condannata a guadagnarsi sempre un po’ di stima, guai a non farlo capire oggi al Sassuolo.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Aliush
Ospite
Aliush

Questa è la squadra con cui il Benevento è andato vicino a fare punti. Non c’è da aggiungere altro. Vediamo di non resuscitare anche questi.

onsag
Ospite
onsag

Spero che l’impegno del Sassuolo in coppa Italia ci sia favorevole,
perché c’è ne sarà bisogno., soprattutto se Pioli dovesse decidere
di giocare dall’inizio con Saponara. Sono un sostenitore della difesa
a tre dai tempi di Moena e oggi ancora di più con il Sassuolo, che ha
la sua forza sugli esterni. Però ci vuole un centravanti in grado di
recuperare palloni (cioè Baba) sacrificando Chiesa nel ruolo di
esterno a tutta fascia. Questo però non rientra nei vincoli imposti a
Pioli per dare un senso ai milioni sperperati da Corvino e così anche
oggi saremo lì a soffrire fino all’ultimo, con un’assetto tattico inadeguato
per questi interpreti.

Vitellozzo da Frittole
Ospite
Vitellozzo da Frittole

Cerco di rispettare tutte le opinioni ma quelli che non vanno allo stadio perché son contro la proprietà non li sopporto. Cosa si aspettano in futuro? quando la Viola diventerà cinese o araba questi individui non faranno fatica a trovare nuove scuse per non venire allo stadio….non sarà che i veri “braccini” sono i tifosi che restano a casa con varie scuse???………..
SepreSoloForzaViola!!!!

Articolo precedenteFiorentina, il programma di oggi: alle 15 la sfida al Franchi contro il Sassuolo
Articolo successivoL’ex viola Beppe Iachini: “Fiorentina forte e compatta ma noi l’attaccheremo”
CONDIVIDI