Fiorentina, batti due colpi lontano da casa: due mesi senza vincere in trasferta

dal QS - La Nazione

3



Venerdì saranno due mesi tondi dall’ultima vittoria della Fiorentina in trasferta (22 ottobre a Benevento), la pillola statistica affianca una squadra che pure ha stabilito la striscia positiva della stagione (6 risultati utili consecutivi, di cui 4 pareggi) senza però trovare una direzione definitiva. Contro il Cagliari, che negli ultimi quattro turni ha messo insieme due punti, servirà una versione molto combattiva della Fiorentina: occhio soprattutto al primo quarto d’ora, il periodo in cui i sardi hanno messo a segno addirittura il 25% delle loro reti subendone solo una.

Partenza sparatissima. Lo stesso atteggiamento lanciato che vede la Fiorentina – dati alla mano – protagonista nel quarto d’ora iniziale della ripresa (6 gol segnati, uno preso). Sbalzi di tensione che Pioli sta cercando di governare riproponendo sempre gli stessi titolari e almeno all’inizio lo stesso assetto, con Thereau esterno molto particolare all’interno del 4-3-3. Dopo Cagliari, la trasferta a Roma contro la Lazio per i Quarti di Coppa Italia.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
ste
Ospite
ste

ma se pioli non porta almeno 2 attaccanti,quando crossano è inutile-
c’è solo simeone solo come un cane.
Minimo dovrebbero essere in 3
ste

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

Se era difficile in casa col Genoa e così è stato, mi immagino fuori casa col Cagliari. La FIORENTINA dovrebbe fare una super partita e trovare un Simeone meno fumo e più gol. FV

Tiziano 51 ( nuovo nn)
Ospite
Tiziano 51 ( nuovo nn)

Per vincere, occorre un gioco di squadra e non il solito “palla lunga e pedalare”, soprattutto se non hai il miglior Ibra davanti, e noi davanti abbiamo un giovanotto di belle speranze che risponde al nome di Simeone. Per vincere bisogna mettere la palla dentro la rete avversaria e se Baba resta in panca e poi gioca 15 minuti, chi la mette dentro? Dai, contiamo di vincere contro il Cagliari, magari con un’incursione di Veretout o un colpo di testa di Pezzella o un gran tiro da fuori area di Chiesa, insomma grazie ad un “colpo” dei tre validi. Contro… Leggi altro »

Articolo precedentePezzella: “Programmato per vincere. Io diverso da Gonzalo. Do tutto per questa maglia”
Articolo successivoCorvino Babbo Natale per il Meyer: “Viola, grandi progetti. Pensiamo a presente e futuro”
CONDIVIDI