Fiorentina, con l’Atalanta è caccia ai tre punti..e al Napoli…

    0



    vargas udinese coppaIl calendario dice che in otto giorni la Fiorentina giocherà davanti ai suoi tifosi tre volte di fila. Campionato, Coppa Italia e ancora campionato. Atalanta, Udinese e Inter gli avversari.
    L’occasione, dunque, è di quelle da sfruttare (a tutti i costi) per scrivere parole importanti sulla stagione. Parole che si rifaranno direttamente alla zona Champions da soffiare al Napoli e alla finale di Coppa Italia, da non consegnare all’Udinese.
    Si comincia oggi con l’anticipo delle ore 18 e contro l’Atalanta di Denis, quel Tanque che nel week-end scorso ha ricevuto tanti applausi dal popolo viola (per aver steso il Napoli), quanti dai suoi sostenitori in nerazzurro. Denis però oggi sarà un nemico da combattere. O meglio, da fermare. Soluzione inevitabile, questa, per chi come Della Valle e Montella hanno chiesto alla squadra di riprendere la strada parzialmente interrotta nelle ultime settimane.
    La Fiorentina vuole e deve vincere, stasera. Alibi o penalizzazioni più o meno marcate, come le decisioni arbitrali, dovranno fare spazio solo e soltanto ai tre punti. No, non ci sono alternative e così Montella si aspetta il cambio di passo (vincente e decisivo) affidandosi soprattutto a tre dei suoi big che per ragioni diverse avranno la possibilità di mettere la firma sulla prova contro l’Atalanta.
    Borja Valero. E’ il cuore della Fiorentina e visto che per squalifica non potrà esserci martedì sera contro l’Udinese, oggi metterà a disposizione della squadra un surplus di energia. Montella ha capito che senza Valero si ragiona e si lavora male. Ma il turn over forzato (causa squalifica) per lo spagnolo può rivelarsi un’arma in più per affondare l’Atalanta.
    Da Borja a Cuadrado. La situazione è diversa. Juan sta attraversando un periodo delicato. Gioca meno bene, rispetto al recente passato. Concentrazione a rischio o guai fisici da recuperare? Una cosa è certa: Montella non può permettersi un Cuadrado a part time.
    E allora ecco la scommessa di questa sera: puntare sull’esterno colombiano per ripartire e per far tornare il giocatore protagonista del sogno viola.
    Infine Matri. I suoi gol per correre verso la Champions. La Fiorentina, in attesa di Gomez, punta tutto ma proprio tutto sulla voglia di riscatto del bomber arrivato dal Milan. Matri sta bene, si è distinto (a Udine) anche per il suo altruismo, ma oggi Montella gli chiederà di segnare e di correre sotto la curva.
    «E’ un momento delicato», sottolinea con realismo l’allenatore della Fiorentina. Già, meglio non nascondersi, meglio far capire che qualcosa, in questo momento, non sta girando come dovrebbe.
    Ma la Fiorentina c’è e sta tornando. La presenza di Della Valle al ‘Franchi’ è attesa, come al solito. Salvo cambiamenti di programma all’ultimo istante, la società vuole essere vicina alla squadra e ricominciare a sognare. Proprio come i tifosi che hanno risposto all’appello di squadra e club sventolando i biglietti per le tre partite di Firenze con postate a raffica su twitter.