Fiorentina con tante speranze, prospettive e molti dubbi. L’obiettivo è però chiaro: tornare in Europa League

35



I viola esordiranno in campionato domenica contro il Chievo. Per Pioli una rosa di ben 33 giocatori, possibilmente da sfoltire, e a fine stagione tutti vogliono tornare in Europa

E alla fine il campionato di calcio iniziò. Sarebbe stato più logico e serio rimandare tutto alla settimana successiva. Prima di tutto viene la vita, il rispetto, il cordoglio di qualsiasi altra cosa. Evidentemente il business ha fatto venire il cuore di pietra a molti.

Resta il fatto che alla fine è partito, con le solite certezze, le solite forze, le vittorie e le sconfitte all’ultimo minuto. Siamo all’inizio della stagione, molte squadre sono ancora in fase di rodaggio e al di là di quanto visto sui campi in questa prima giornata ci sono sei squadre che faranno un campionato a sé. Naturalmente non poteva mancare la sorpresa (domandare all’Inter) ma col passare del tempo i valori delle varie squadre verranno fuori.

E la Fiorentina? Il suo esordio è rimandato a domenica al Franchi contro il Chievo Verona. Una settimana in più per lavorare sul piano fisico e tattico. La speranza è che quella dei viola possa essere una stagione che superi le aspettative, che vada oltre.

Magari sperando anche che qualcuna delle prime sei sbagli stagione e i viola siano capaci di approfittarne. Il tutto senza dimenticare, visto che l’ha detto la società, l’allenatore e i giocatori, che l’obiettivo da raggiungere sarà quello di tornare in Europa League.

Certo è che per Pioli il lavoro da fare è tanto, molto. Con una squadra che ha qualcosa d’interessante e che può rivelarsi positivo e vincente ma anche tanti dubbi da risolvere. Tatticamente ma non solo.

Per prima cosa Pioli deve purtroppo lavorare con una rosa troppo grande, ben 33 giocatori. Questo vuol dire che anche nelle partitelle in famiglia ci sarà una squadra intera che starà a guardare. Mentre la domenica in molti si siederanno in tribuna.

Questo, anche a livello psicologico, non può certo aiutare il lavoro del tecnico viola. C’è solo da sperare che in questi ultimi giorni di mercato (vale solo in uscita) Corvino possa ridurre notevolmente la rosa.

PORTIERE. Tra i pali è arrivato un portiere come Lafont tutto da scoprire ma che in questo pre-campionato ha ben impressionato. Difficilmente Corvino quando ha preso giocatori da 8-8,5 milioni di euro ha poi sbagliato l’acquisto. Lafont è giovanissimo ma può essere sin da subito uno dei punti di forza della nuova Fiorentina.

DIFESA. Rimanendo al reparto arretrato non è stato preso un sostituto dello scomparso Davide Astori. Si è deciso di fare con quelli che già c’erano, anche se poi Corvino ha dato a Pioli una possibile alternativa come Ceccherini.

Anzi, Milenkovic è stato adattato a fare il terzino destro ‘bloccato’. Dall’altra parte Biraghi e Hancko si giocheranno di volta in volta la maglia da titolare con l’italiano che naturalmente parte in vantaggio.

CENTROCAMPO. Sulla cintura mediana e in mezzo al campo la Fiorentina ha perso Badelj, ma oltre al tipo di giocatore e di uomo spogliatoio è stato deciso di cambiare totalmente filosofia.

Corvino ha deciso di puntare su uno sconosciuto come il giovane Norgaard (che dovrà avere il tempo di capire il calcio italiano), ma sin dal primo momento Pioli ha deciso di spostare Veretout in cabina di regia.

Ruolo che il francese deve capire e affinare ma sicuramente i viola in fase offensiva perdono un giocatore che lo scorso anno aveva fatto molto bene. E pensare che le gare contro Chievo Verona e Udinese dovrà saltarle per la doppia squalifica. Un problema in più per Pioli.

Per gli altri due ruoli ci sono Benassi e Dabo ma anche due alternative come il brasiliano Gerson e lo svizzero Edimilson. Giocatori da scoprire, con la speranza che possano essere molti utili, pratici e forti per la causa viola.

ATTACCO. È senza dubbio il reparto di forte su cui Pioli può puntare maggiormente. L’augurio di tutti è che Simeone non solo confermi quanto fatto la scorsa stagione ma addirittura faccia meglio. Il primo obiettivo sono quindici gol, speriamo possano essere anche di più.

C’è poi quel gran talento di Federico Chiesa. Per lui stagione fondamentale. Oltre a confermare quanto fatto fino a oggi dovrà crescere ancora sul piano tecnico-tattico, sulle prestazioni e arrivare in doppia cifra con i gol realizzati. Un passaggio fondamentale per la sua crescita e quella della stessa Fiorentina.

C’è poi il colpo di mercato della Fiorentina: Marko Pjaca. Giocatore che per qualità tecnica e tattica non si può certo discutere. C’è da sperare che con gli infortuni abbia chiuso il suo triste capitolo e iniziando a giocare con continuità possa tornare quello di due anni fa e diventare da subito determinante e fondamentale per la Fiorentina.

Infine, c’è il belga Mirallas. Anche in questo caso sono da mettere nel dimenticatoio le ultime due stagioni (poche partite giocate e pochi gol realizzati) ma se torna quello di 4-5 anni fa allo Pioli avrà una più che valida alternativa per il suo attacco. Tutto da scoprire Vlahovic.

Fisico e voglia di sorprendere non mancano, toccherà a lui sfruttare al meglio le occasioni che Pioli gli concederà. Stesso discorso anche per Montiel. Lo spagnolo ha impressionato tutti a Moena per la sua imprevedibilità e il suo gran sinistro. Il fisico, però, è quello che. Per quello è stato mandato in Primavera ma Pioli lo terrà sotto osservazione di settimana in settimana.

35
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Ricordatevi che questo è il secondo anno di crisantemo (piolo)…………………

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

LEMAC, almeno controlla quello che scrivi. Cacia è stato pagato 6,9mln comprese le due comproprietà.
Semioli e Felipe li volle Prandelli, il primo non fece nulla di eccezionale, il disastro è stato solo il difensore. Pazzini non avrà sfondato ma di certo non ci ha perso. Montolivo ha fatto la merda, Saponara non ha reso ma non vuol dire che non ci possa riprendere quanto ci ha speso.
Dura essere in malafede come te ed essere sputtanati in 3 righe.

LEMAC
Ospite
LEMAC

Io credo che tu invece in 5 righe e una nticchia nn abbia spiegato un bel niente perchè è ridicolo dire che 6,9 mln nn rientrano nella casistica, ahahaha! La differenza è minima come ben sai. Dopodichè il fatto di averli o meno rivenduti nn modifica la questione, tali acquisti milionari sono stati sbagliati punto.

LEMAC
Ospite
LEMAC

Corvino quando ha preso giocatori da 8, 8e mezzo difficilmente ha sbagliato l’acquisto? Cacia 9 mln l’ha sbagliato, Felipe 8 mln idem, Semioli 7,5 mln idem, Pazzini 9 mln idem, Montolivo 8,5 mln idem, Saponara 10 mln idem….vogliamo continuare? .

Xan
Ospite
Xan

Ma Vlahovic? riusciremo a provarlo in serie A?

deno
Ospite
deno

…con i “se” e con i “ma” la storia non si fa….ho l’impressione che non si faccia neppure la classifica

principe
Ospite
principe

E.L.? Uhuhuhuh “ma mi faccia il piacere”

Luigi M
Ospite
Luigi M

Dica 33! Indubbiamente troppi. Ne basterebbero 24 – ma la Viola oltre ad averne troppi ne ha pochi di qualità.

sebastianich
Ospite
sebastianich

ci sono i giocatori e c’è il gioco, 11 bravi giocatori possono fare un gran campionato o uno pessimo, dipende da come si completano, da come si compensano ecc. Insomma dipende dal gioco. A prescindere dai tanti SE di questa rosa, il precampionato e il campionato passato hanno mostrato una squadra senza un gioco valido, tanti scambi nella nostra metà campo poi parte un lancio verso Simeone circondato da un paio di difensori che lo superano in altezza e quindi palla persa, oppure palla portata avanti dall’esterno Chiesa o Biraghi con cross per Simeone circondato come sopra e, in ogni… Leggi altro »

giovanni di Firenze
Ospite
giovanni di Firenze

Mi è sempre stato bene che la Fiorentina partisse come ultima delle grandi, ma aborrisco l’esclusione a priori dal gruppo delle grandi (ove mettono la Lazio e non noi) e il partire inseriti nel gruppo delle medie-mediocri. ove peraltro realtà che abbiamo sempre considerato squadrucce come Atalanta , Torino, Sampdoria, Genoa, Udinese sembra siano le nostre contendenti. DDV è stato, dal gennaio 2016, l’artefice di questo declassamento.

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

Ho visto le prime partite della serie A e tutte le amichevoli della Viola. La mia modesta impressione (siamo solo all’inizio della stagione) è che tolte le solite Juve, Napoli, Inter, Roma, Milan, subito dietro ci sono Toro, Lazio, sicuramente l’Atalanta, e forse il Sassuolo. Oggi Noi, ci giochiamo il 9°-10° posto, xchè invece di Berardi (purtroppo senza soldi, compri poco e male) abbiamo preso il rotto Pjaca, Varetout ch’è stata la rivelazione Pioli lo costringerà ad un altro ruolo, Norgaard, Edmilson, Gerson, Dicks, Vlahovic e Mirallas sono tutti da verificare. Ceccherini non mi sembra all’altezza. X ora promuovo Hancko,… Leggi altro »

Articolo precedenteSerie A, i risultati: Inter ko col Sassuolo. Bene Empoli e Spal. Pari a Parma
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI