Fiorentina contro le big: buone prestazioni ma pochi punti… fino all’acuto di Roma

5



“Non partiamo battuti. Abbiamo vinto contro la Roma in trasferta, abbiamo messo in difficoltà la Juventus, al di là del risultato, e pure per la Lazio non è stato facile superarci. Al San Paolo, all’andata, siamo stati in grado di costringerli ad un pareggio: per questo dico che siamo pronti a costruire la partita perfetta”. Così suonava ieri la carica Jordan Veretout, parlando al Corriere dello Sport – Stadio. Già, prestazioni in crescendo contro le big del campionato, per la Fiorentina, anche se pochi punti strappati ad avversarie più forti.

Dopo l’esordio shock a San Siro contro l’Inter (0-3), sconfitta anche a Torino contro la Juve (0-1), ma con prestazione più dignitosa. Contro la Roma, a novembre al Franchi, un 2-4 in cui i viola avevano rimontato due volte i giallorossi per poi crollare nella ripresa. Poi la doppia svolta, con le trasferte dell’Olimpico e del San Paolo: 1-1 contro la Lazio, 0-0 contro il Napoli e primi due punti importanti conquistati con le big. Fino al doppio 1-1 maturato contro Inter e Milan, entrambi al Franchi, tra fine 2017 e inizio 2018. Buone prestazioni in questi casi, ma senza la forza di trovare la vittoria.

Contro l’Atalanta nel frattempo era arrivato un doppio pareggio per 1-1, mentre con la Samp una duplice sconfitta (1-2 e 1-3). Soffrì invece al Franchi, a febbraio, la Juve, che passò 2-0 con una punizione di Bernardeschi e il gol di Higuain nel finale in ripartenza, con l’episodio del rigore prima concesso e poi annullato con il Var per fuorigioco molto discusso. Tutto ciò fino alla cronaca recente: prima vittoria contro una ‘grande’ all’Olimpico, con il 2-0 sulla Roma per il 6° successo di fila. Bravura e fortuna contro i giallorossi, sprechi e imprecisioni invece contro l’altra romana, la Lazio, nel rocambolesco 3-4 del Franchi. Una gara persa ma comunque giocata con grande cuore.

In totale, insomma, la Fiorentina ha raccolto 6 punti nelle 9 gare contro le prime cinque della classifica, mentre 9 punti nelle 14 partite contro le prime otto. Numeri non proprio incoraggianti, anche se restano le prestazioni spesso positive contro le big. E non sempre solo con difesa e ripartenze, ma anche aggressività e palleggio.

Al Franchi la vittoria contro una grande manca da un anno, da quel 3-2 sulla Lazio del 13 maggio scorso. Nella scorsa stagione, pur in un’annata molto altalenante e complicata con Sousa, i viola vinsero in casa anche contro Inter (5-4), Juve (2-1) e Roma (1-0), mentre con il Napoli finì 3-3 (con il rigore causato da Tomovic e trasformato da Gabbiadini al 94′). Gioie e soddisfazioni che il Franchi vorrebbe tornare a rivivere oggi pomeriggio. Al penultimo appuntamento interno di questo campionato.

5
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Potini
Tifoso
Potini

Grande vittoria, ma considerare il Napoli una big vuol dire capire finalmente come ci hanno ridotti i Della Valle.

Giovanni
Ospite
Giovanni

Credo che l’unico modo per contrastare il tridente del napoli sia un bel 4-4-2 vecchia maniera. Difesa: Al centro Pezzella e Milenkovic, ai lati laurini e biraghi. Centrocampo: dabo e badelj (benassi) centrali, a destra dias, a sinistra veretout. Davanti chiesa e simeone. Dias e Veretout in raddoppio costante su Insigne e Callejon (tenuti anche da Laurini e Biraghi), per poi ripartire veloci in contropiede. Chiesa anche lui contropiedista e di raccordo a simeone. Contro i loro tre là davanti ci vogliono due centrali, due esterni + i ripiegamenti difensivi dei nostri esterni di centrocampo. Per chiudersi bene e ripartire… Leggi altro »

drummer
Ospite
drummer

Ho già avuto modo di dire e lo ripeto ora che noi l’E.L. l’abbiamo gettata al vento con Spal, Lazio e Sassuolo (per limitarsi alle ultime partite)!

Ponzio
Tifoso
ponzio

hai ragione. Limitandoci a questo segmento di campionato si. Nello specifico è girato tutto contro la SPAL, partita che infatti era stata indicata come la più insidiosa. Contro la lazio poteva starci la sconfitta a priori mentre contro il sassuolo almeno il pari lo dovevamo portare via. VIncere oggi è davvero prendere il jolly dell’anno

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Stanno vincendo tutte le nostre avversarie per la E league sarà dura, anche il Bilan che ritengo la squadra con il peggior gioco del campionato.

Articolo precedenteVeretout carica i suoi: “Quattro partite, quattro finali”
Articolo successivoSerie A, al 45′ vincono Atalanta, Samp e Milan. Gol annullato col Var al Bologna
CONDIVIDI