Fiorentina e Napoli, strade condivise all’inizio ma che poi si sono divise radicalmente

16



Sul Corriere Fiorentino si ripercorrono le strade negli ultimi anni di Fiorentina e Napoli. Il riferimento è al percorso che entrambe hanno condiviso fin dall’inizio, per poi dividersi radicalmente. Infatti, se si pensa alla finale di Coppa Italia del 2014, la formazione viola era ben più competitiva. L’anno successivo l’allora squadra di Montella sarebbe addirittura arrivata quarta in classifica a scapito dei partenopei, quinti. Poi il club di viale Fanti ha tirato il freno a mano a causa dei costi più elevati dei ricavi, mentre il Napoli ha continuato il percorso di crescita iniziato in precedenza. Del resto i diritti tv hanno sempre avvantaggiato i partenopei, così come il fatturato. Per non parlare del monte ingaggi. Adesso, per riprendere a camminare, sarebbe fondamentale tornare in Europa.

16
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Tristezza
Ospite
Tristezza

La differenza è semplice e anche un cieco la vede: a Napoli fanno calcio per provare a vincere titoli sportivi. qui fanno calcio per fare utili di bilancio.

La voce della verità
Ospite
La voce della verità

Corriere fiorentino detto Della Valle news in questo caso… mamma mia che articolo fazioso…

Matteo Praga
Ospite
Matteo Praga

Sieeeeee ma ancora con sta bufala dei diritti é del budget? Da noi se li mettono in tasca é evidente

Leo
Ospite
Leo

Tra saper fare calcio e non saper fare calcio,ci corrono 2/3 coppe Italia-super coppe e 4/5 qualificazioni Champions(con annessi incassi multi milionari e maggior fascino per qualche bel giocatore indeciso su quale destinazione scegliere)….che dire,poco o nulla.

bob
Ospite
bob

chi non ti mette “like”ha gli occhi bendati!!!!!

Billycobram
Ospite
Billycobram

Hamsik gioca al Napoli ormai da 10 anni. Ve la immaginate quella zecca di gnigni che tiene un top player con ingaggio importante per una decade? VIA I DV

Il David
Ospite
Il David

Se il primo anno di Sousa si fosse tenuto Savic, fatto firmare Milinkovic-Savic, prolungato Neto e riscattato davvero Salah il Napoli di adesso potevamo essere noi!

Sugosa Plusvalenza
Ospite
Sugosa Plusvalenza

Tutti i mali della gestione della Fiorentina…ricerca disperata di plusvalenze da far sparire nelle tasche del “comparto aziendale”, nessun dirigente realmente capace in una società moscia da far paura, Mencucci è ancora lì, non dimentichiamocelo…

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

Dinnanzi ai denari la nostra proprieta’ cala braghe con tutti i tirapiedi incompetenti non sa’ resistere….Dopo il bagno di sangue con Gomes hanno deciso di non rimetterci piu’ un euro ma possibilmente mantenere le tasche piene e puntare al 7 posto.

Guidoviola
Ospite
Guidoviola

A Napoli son stati bravi a vendere e comprare. Cavani, Lavezzi, Higuain son stati venduti a cifre alte, rimpiazzati benissimo con giocatori meno esosi e la differenza è stata investita per coprire i ruoli scoperti.

FrancescoLondra
Ospite
FrancescoLondra

Al Napoli in media comprano gente come Hysai a 5 m, noi Maxi Olivera..Ecco spiegato il mistero della biforcazione.

FrancescoLondra
Ospite
FrancescoLondra

Si, loro hanno dirigenza presente che si dedica alla societa’ di calcio e si circonda di gente che ci capisce di calcio, noi no. Corvino e Gnigni sono il peggio che si poteva avere. Covino ha portato in viola 80 bidoni circa in nemmeno 7 anni di regime totalitario in viola. La lista e’ qui sotto: ha speso almeno 70 milioni in commissioni agli agenti nel frattempo facendo la collezione di gente poi regalata perche’ letteralmente inutile. Ok, ha preso una decina di buoni giocatori ma il rapporto bidoni/buoni giocatori e’ opposto a quello del Napoli , per esempio. De… Leggi altro »

Wade81
Ospite
Wade81

.92 MINUTI DI APPLAUSI! Disamina corretta, ma qui c’è ancora gente che lo difende dicendo che è normalissimo comprare Jovetic e nel frattempo acquistare pure un bidone del suo club di appartenenza e un paio di giovani mediocri assistiti dal suo procuratore; poi se hai una panchina che fa ridere pazienza, in fondo i bisogni della squadra sono secondari. Oppure ti dicono che Mazuch e Van den Borre sotto sotto si sono rivelati buoni giocatori. Poi vedi il Napoli che nel 2006, mentre noi si stava in posizioni di alta classifica (non perché c’era Corvino ma perché la proprietà spendeva,… Leggi altro »

Tifoso
Ospite
Tifoso

Se è ancora inchiodato al suo posto dopo tutti questi scempi, la colpa è solo della nostra “amata” dirigenza che non interessa minimamente delle sorti del “comparto” sportivo ma tirano a campare sperando che prima o poi arrivi uno fuori di testa che compri la Fiorentina alle cifre folli che chiedono loro (che poi sono i soldi spesi fino ad ora per fare pari). Sarei curioso di sapere se un qualunque dirigente di una loro impresa combinasse degli arrosti simili in serie, quanto dura.

Tristezza
Ospite
Tristezza

Non ricordo chi lo disse ma il difetto maggiore di Corvino, quello che non gli farà mai vincere niente, è che per lui le uniche vittorie le considera prendere uno sconosciuto, portarlo al top per farci plusvalenze gigantesche. il suo obiettivo sono le plusvalenze. nessun altro obiettivo. lui è così, e per una società che vuole ambire sportivamente a qualcosa, lui non è adatto. se invece l’obiettivo della società è solo monetario a discapito dei risultati sportivi che non interessano piu di tanto, lui è perfetto…..

Wade81
Ospite
Wade81

Infatti con una società in teoria ambiziosa non dovrebbe azzeccarci nulla. È più forte di lui, cresciuto in società provinciali, mentalità da provinciale e parecchi limiti dovuti al carattere non facile ed alle evidenti difficoltà nel sostenere trattative di medio alto livello. Io sostengo che anche quando i Della Valle ci mettevano i soldi lui sia stato il freno maggiore alla crescita della Fiorentina. Purtroppo non ci può essere la controprova…

Articolo precedenteSarri e quella previsione su Saponara: Ricky tenta lo ‘sgambetto’ al suo mentore
Articolo successivoBadelj, crescono le possibilità per il recupero del croato
CONDIVIDI