Fiorentina e quel tabù da sfatare: l’ultima vittoria in trasferta risale a maggio

di Roberto Vinciguerra - Qs-La Nazione

6



Pegaso Newsport

L’ultimo successo viola lontano dal Franchi il 6 maggio a Marassi contro il Genoa per 3-2. Per quest’anno un solo punto in tre gare

La Fiorentina cercherà di strappare all’Olimpico quella vittoria lontana dal “Franchi” che le manca dal 6 maggio (Genoa-Fiorentina 2-3), unico successo viola delle ultime 6 trasferte, in cui i gigliati hanno collezionato anche un pareggio e 4 sconfitte.

Come riporta il Qs-La Nazione, il rendimento esterno stagionale della squadra di Pioli (un punto in 3 gare) è il secondo peggiore del campionato dietro solo a quello del Frosinone, sempre sconfitto fuori casa.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
marco mugello
Ospite
marco mugello

La precisone nei passaggi e nei tiri in porta è in gran parte un dato genetico….uno può arrivare al suo massimo, in questo, come in qualsiasi capacità calcistica, ma più di li non vai… è l’insieme delle capacità calcistiche massime che definisce il giocatore e determina il fuoriclasse…noi al momento abbiamo un solo supersuper in attacco, con dei difetti che andranno via, è Chiesa!!!! Deve stare vicino alla porta e sul filo del fuorigioco, altrimenti è oro che usi come ottone, zinco, stagno ed altri materiali meno pregiati.

macao
Ospite
macao

Per Massimo, hesgoal.com senza commento ma con gli effetti stadio

Massimo
Ospite
Massimo

Sono lontanuccio, qualcuno mi sa indicare se è possibile vedere la partita, no DAZN, meglio se in Spagnolo o muto!

Matteo
Ospite
Matteo

Abbiamo giocato contro Napoli inter e Sampdoria questi risultati ci possono stare non ne farei un dramma

pippo77
Ospite
pippo77

la differenza la faranno gli errori gratuiti e il cinismo sotto porta. Se si riduce al minimo (o si eliminano del tutto) i primi e si aumenta il secondo è possibile fare risultato, altrimenti è dura. Loro hanno una rosa sulla carta molto migliore della nostra e sarà difficile strappare anche un solo punto ma se la squadra gira bene e chi deve far gol (simeone, chiesa, pjaca) lo fa non ci son problemi. Bisognerebbe però che i nostri capissero di giocare più frequentemente di prima: solo così si anticipa l’avversario, sia sui tiri in porta che con i passaggi… Leggi altro »

danielbertoni
Ospite
danielbertoni

Vero, verissimo, pippo, se si eliminano gli errori gratuiti e si aumenta il cinismo sotto porta, possiamo fare risultato. Basta che la squadra giri bene e che gli attaccanti facciano gol. E, aggiungo io, che gli avversari giochino male. Scusa se mi permetto, ma ti rendi conto di quello che hai scritto, sì? Roba che al confronto Catalano era un dilettante.

Articolo precedenteDopo le ingiuste polemiche Chiesa è pronto a rispondere sul campo
Articolo successivoSorpasso Fiorentina… con obiettivo Europa: nelle ultime 20 gare viola superiori alla Lazio
CONDIVIDI