Fio-Genoa, l’Album dei Ricordi: dalla quasi morte di Antognoni alla salvezza in extremis

0



I precedenti della gara del Franchi di domenica, tra Fiorentina e Genoa. Dal dramma di Antognoni ai gol di Mutu e Gila fino alla salvezza dello scorso anno

Sono 48 i precedenti in Serie A al Franchi tra Fiorentina-Genoa. Il bilancio dice 30 vittorie viola, 15 pareggi e 3 vittorie del Genoa. Vero e proprio tabù il Franchi, dunque, per il Genoa che a Firenze non vince addirittura dal 1976-77.

Gli altri due successi rossoblu risalgono addirittura agli anni ’30. Fiorentina che per altro, in Serie A, contro il Genoa in casa nelle ultime 6 gare ne ha pareggiate 5. L’anno scorso fu 0-0, con Joe Barone per la prima volta in tribuna al Franchi e un pareggio che permise a viola e rossoblu di salvarsi. 

L’anno prima fu 0-0, e due anni fa 3-3 al Franchi, con il Cholito Simeone che incantò il Franchi e Corvino:

L’anno prima fu 1-0 viola a Firenze con il gol vittoria di Babacar:

Prima di questa vittoria due pareggi, il 3-3 con tripletta di Aquilani e lo 0-0 dell’ultimo anno di Montella. Nel 2012-13 fu 3-2 per la Fiorentina, reti ancora di Aquilani, Cuadrado ed un autogol di Cassani che dettero i tre punti ai viola.

L’anno prima fu 1-0, gara decisa da Lazzari. Quella partita fu la penultima gara sulla panchina viola della carriera di Sinisa Mihajlovic. La giornata dopo infatti arrivò la sconfitta di Verona col Chievo che gli costò l’esonero. Nel 2010-11, altra gara da scaccia crisi per la Fiorentina di Mihajlovic che alla 4° di ritorno con i bassi fondi della classifica vicinissimi vinse 1-0 grazie a Santana, con l’evidente complicità di Eduardo. Nel 2009-10, con Prandelli in panchina, fu 3-0 al Franchi: a segno Santana, Gilardino e Babacar:

Nel 2008-09, alla 5° giornata, Fiorentina-Genoa termina 1-0 grazie ancora a Gilardino, con una delle più belle reti segnate in maglia viola dal bomber di Biella:

Nel 2007-08 3-1 per i viola: Santana, Mutu e Pazzini le firme

Prima del 2007-08, per ritrovare un Fiorentina-Genoa in Serie A, si deve risalire al 1994-95. In B, si giocò Fiorentina-Genoa nel 2003-04, finì 2-2 con reti di Graffiedi e Riganò. In quel 1994-95, anno dei record di Batistuta a segno per le prime 11 giornate di campionato consecutivamente, il Re Leone stendeva così il Genoa in un 3-1 di febbraio. Batigol terminerà la stagione con 26 centri in campionato.

Nel settembre 1992, in un campionato pazzo che vide la Fiorentina andare in B finì 1-1 al Franchi, gol di Effenberg per i viola. Nel 1981-82, il dramma sfiorato di Giancarlo Antognoni. 22 novembre 1981, 55° minuto. Antognoni anticipa di testa l’uscita del portiere del Genoa Martina, che lo colpisce alla tempia. Per alcuni interminabili secondi, il cuore di Antognoni smise di battere. Ennio ‘Pallino’ Raveggi, storico massaggiatore della Fiorentina insieme al professor Gatto, medico del Genoa, riuscirono a rianimarlo. Antognoni fu costretto a rimanere fuori dai campi per diversi mesi. La Fiorentina, per la cronaca, vinse quella sfida 3-2 con reti proprio di Antognoni su rigore, Bertoni e Graziani.

Anche se il ricordo più forte degli ultimi anni, quando si pensa alla sfida col Genoa è il 3-3 del 15 febbraio 2009. Da 3-0 a 3-3, nel segno del fenomeno Adrian Mutu, tre reti in mezz’ora, tre reti decisive visto che a fine stagione la Fiorentina ebbe la meglio sul Genoa nella lotta al 4° posto proprio in virtù di quel pareggio a Marassi. Fiorentina e Genoa arrivarono infatti a pari punti in classifica, all’andata vinse la Fiorentina 1-0 con gol di Gilardino, e Fiorentina qualificata in Champions League, ai danni proprio del Genoa.

Altro ricordo nitido il match del Ferraris del secondo anno di Montella dove la Fiorentina mise al tappeto il Genoa di Liverani 2-5. Doppietta per Mario Gomez, (nella gara successiva si farà male contro il Cagliari) e Rossi, con gol anche di Aquilani.  

All’andata fu 2-1 per il Genoa a Marassi. Pulgar a segno su rigore per i viola::

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteDi Gennaro: “Mandragora buon profilo ma c’è di meglio. Duncan…”
Articolo successivoPillon: “Grande ricordo di Sottil. Deve essere più continuo nella partita”
CONDIVIDI