Fiorentina-Genoa, squadre a confronto: numeri da incubo. Con il problema di gol e assist

3



GENOA-FIORENTINA 29-12-2018 SALUTI FINALI. GALASSI SILVANO/SILPRESS

Le statistiche tattiche e numeriche della sfida tra i viola ed il grifone. Gironi di ritorno da incubo, problema del gol per entrambe. Occhio ai cross dei genoani

Fiorentina e Genoa si affronteranno domenica per la 19° giornata di ritorno con rispettivamente 40 e 37 punti in classifica. 8 vittorie 16 pareggi e 13 ko per la Fiorentina, 8 vittorie 13 pareggi, e 16 sconfitte per i rossoblu. La Fiorentina è la squadra che ha pareggiato più di tutti con 16 segni X assieme al Sassuolo. Solo due squadre, Chievo e Frosinone, hanno vinto meno di Fiorentina e Genoa in questo campionato.

La Fiorentina in casa ha mandato al tappeto Chievo, Udinese, Spal e Atalanta. Pareggi con Bologna, Torino, Lazio, Inter, Napoli, Samp, Cagliari e Roma al Franchi e ko contro Milan, Sassuolo, Frosinone Parma e Juve. Il successo al Franchi manca da 10 gare interne ai viola in campionato. La Fiorentina in casa ha sempre segnato tranne che in 7 partite, mentre ha mantenuto la porta inviolata solo in 5 gare. Il Genoa in trasferta ha ottenuto 2 vittorie, contro Empoli e Frosinone, 5 pareggi con Spal, Napoli, Chievo, Bologna e Juve, e 11 ko con tutte le altre.

Nelle ultime 5 giornate di campionato nessuno ha fatto meno punti della Fiorentina, 0. Il Genoa ne ha fatti 3. Nessuno ha fatto meno gol nello stesso lasso di tempo dei viola, 1.

Stando al solo campionato, sono 47 i gol segnati dalla squadra di Montella, 12° attacco della Serie A. La squadra di Prandelli ha segnato 39 gol, 16° attacco della Serie A. Ma il Genoa ne ha subiti 57, 5° peggior difesa del campionato. 45 i gol incassati dalla retroguardia viola, sesta miglior difesa del torneo. 8 gare su 37 la Fiorentina le ha chiuse senza subire reti, mentre in 13 non ha segnato.

409 i tiri totali della Fiorentina, settimo dato assoluto della Serie A, di cui 210 in porta e 199 fuori. La squadra di Prandelli è 11° per occasioni create, con 365 tiri di cui 176 nello specchio e 189 fuori. Solo 20 gli assist per i viola, 19° dato, 23 per il Genoa, 16° dato in Serie A. Dato che evidenzia come si affronteranno due tra le squadre che si affidano più ai solisti in attacco. Sfrutta pochissimo i cross la Fiorentina, 15° assoluta. Il Genoa è sesto per traversoni. I viola sono 13° con 107.5 km percorsi di media a gara, il Genoa di poco sotto con 106.2.

19 i gol fatti nei primi tempi, a fronte dei 20 nei secondi per il Genoa. 31 i gol subiti dai rossoblu nei primi tempi, contro i 26 presi nelle riprese. La Fiorentina, ha segnato 30 gol su 47 nella ripresa. Così come nei secondi tempi di gara ha incassato 26 dei 45 gol subiti fin qui, 12 dei quali negli ultimi 15’ di gara.

25’18’’ di possesso palla medio, per la squadra di Montella, dato intermedio. Il Parma arriva a 21’33’’.

Sul fronte dei singoli: Chiesa è quello che ha avuto più occasioni da rete per i viola: 96. Chiesa è a 12 gol se consideriamo anche la Coppa Italia, Benassi è a 9 con la coppa. Muriel è a 8. Per il Genoa Kouame e Pandev sono a 4. Kouame è a 5 assist, come Biraghi migliore dei viola, poi Chiesa a 4. Per quanto riguarda i pali colpiti Chiesa è 2° assoluto in A con 7 legni.  Criscito è terzo assoluto per palloni recuperati in Serie A.

In tutto il girone di ritorno la Fiorentina ha messo insieme 14 punti. Solo il Chievo ne ha fatti di meno, 8, mentre anche il Frosinone ha fatto gli stessi punti dei viola. Il Genoa non ha di certo fatto meglio: 17 le lunghezze accumulate in classifica dai rossoblu.

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Alessandro83
Ospite
Alessandro83

La domanda sorge spontanea: vista la carenza di gol di entrambe le squadre, finirà 0-0 come secondo statistica, oppure una delle due (una a caso, via) lo prende ni’ sellino?

ValdichianaViola
Ospite
ValdichianaViola

Speriamo che Montella, se schiererà in attacco Simeone sin dall’inizio, dopo un quarto d’ora di gioco si ravveda ,vista la scarsezza dimostrata sino all’inverosimile dal cholito e lo sostituisca con Vlahovic. Quindici minuti per riscattarsi sono più’ che sufficienti!

Oranje
Ospite
Oranje

Non ci resta che piangere a leggere questi numeri. Ma la situazione è precipitata da inizio febbraio. Sin lì eravamo con Torino, Samp e Milan.

Articolo precedenteNazionale femminile, ecco le 23 convocate per il Mondiale: ci sono tre viola
Articolo successivoAndrea Della Valle presente all’allenamento a porte aperte al Franchi (FOTO)
CONDIVIDI
((__lxGc__=window.__lxGc__||{'s':{},'b':0})['s']['_217003']=__lxGc__['s']['_217003']||{'b':{}})['b']['_643015']={'i':__lxGc__.b++};