Fiorentina, grana lista UEFA. Ballottaggio Matri-Anderson

    0



    MunuaMunua in uscita dalla Fiorentina. E questa non è una notizia, perché il portiere uruguaiano sta risolvendo il proprio contratto con la società viola per tornare e chiudere la carriera al suo Nacional. Ciò che interessa adesso è che l’uscita del n.12 complica (e non poco) la composizione della lista UEFA, che Montella dovrà compilare e consegnare entro il 3 febbraio, aggiornata dei tre cambi che sono possibili. Mettiamo ordine: Rossi e Gomez sono già dentro e non usciranno, fuori resteranno sicuramente Alonso (partito per Sunderland), probabilmente Iakovenko e quasi certamente Munua, se sarà confermata la partenza per tornare in patria. Tre fuori dunque, e solo tre possibili nuovi innesti. Il problema sorge qui, perché obbligatoriamente la Fiorentina occuperà una casella con un nuovo portiere (per l’art.18 del regolamento UEFA in lista A devono esserci almeno 2 portieri, al momento i viola hanno solo Neto); o Lezzerini verrà promosso in lista A (difficile visto che ha il vantaggio di poter essere inserito nella lista B ), o, con ogni probabilità, il posto verrà occupato dal neo arrivo Rosati. Restano dunque solo due caselle e per il momento fuori ci sono Matri, Anderson e Vargas, ma con ancora sedici giorni di mercato a disposizione non è escluso che possano arrivare nuovo innesti, in ogni reparto. Ecco perché Munua complica la vita alla Fiorentina che in Europa dovrà rinunciare almeno ad uno dei tre suddetti, se non a qualche nuovo arrivo. Una grana non da poco che la Fiorentina può risolvere solo negando la rescissione all’uruguaiano. Se infatti Munua restasse a Firenze, la Fiorentina avrebbe a disposizione un altro cambio per sostituire un giovane partente (Bakic?) ed inserire un nuovo acquisto.

    AGGIORNAMENTO: Visto che molti lettori ci hanno segnalato di non aver capito il punto della questione, cerchiamo di riassumere. Se Munua parte, uno dei tre cambi viene necessariamente utilizzato per inserire un altro portiere e dunque uno dei tre nomi citati (Matri, Anderson, Vargas) o eventuali altri arrivi verranno esclusi. Se Munua restasse, ipotesi difficile, tutti e tre i cambi a disposizione verrebbero utilizzato per inserire giocatori di movimento.

    ULTERIORE AGGIORNAMENTOLe nuove norme Uefa, da quest’anno, prevedono la possibilità di inserire in lista Uefa un solo giocatore che abbia già disputato una competizione europea. Nel caso della Fiorentina, Anderson è stato in campo 11 minuti in Champions League, mentre Matri ha giocato per 104 minuti nella stessa competizione. Ecco quindi che la Fiorentina dovrà scegliere chi inserire fra loro due. L’inserimento di entrambi non è possibile in alcun modo. Il problema potrebbe anche ampliarsi, nel caso in cui Pradè e Macia decidessero di prendere un nuovo giocatore che ha già disputato una competizione europea nel corso di questa stagione. A quel punto il ballottaggio sarebbe ancora più ampio per l’unico posto disponibile.