Intensità, tattica e… ‘cattiveria’: le insidie viola per la gara più importante dell’anno

19



Una settimana fa, al Borussia Park, la decise lui: Federico Bernardeschi. E dopo la sofferta naftalina contro il Milan, con la tribuna di San Siro per squalifica, il 10 viola è pronto a tornare al suo posto nello scacchiere viola. Insieme a FB10 Sousa ritrova anche Federico Chiesa, il migliore nella buia notte di Milano e assente una settimana fa in Germania. Sono queste le due certezze di Paulo Sousa. Che per il resto, ha due giorni per toccare le corde giuste di un gruppo che ancora un volta ha fallito la prova d’appello in campionato.

Duro e complicato guardarsi indietro e analizzare nel profondo (adesso) motivi ed errori che hanno portato anche al ko di Milano. Problemi che stanno a monte, dalla scelta di continuare un percorso con allenatore e giocatori che nei mesi non si erano mai rialzati, al mercato estivo praticamente bocciato in toto (e che ha portato diversi giocatori non all’altezza), fino alle scelte dell’allenatore nella gestione della squadra e della singola partita. Colpe insomma da condividere, anche con gli stessi giocatori, visto che in campo vanno in undici e sono diversi i (presunti) big che non stanno rendendo al loro meglio.

Tante occasioni sprecate, tanti colpi non affondati, e a San Siro probabilmente la sconfitta che allontana in maniera definitiva i viola dal sesto posto e dall’Europa. Ci sono ancora 13 giornate, d’accordo, un calendario forse favorevole. Ma difficile aspettarsi un percorso continuo da una squadra che negli ultimi 365 giorni ha fatto in sole due occasioni un bis di vittorie di fila in campionato (ad inizio dicembre Palermo-Sassuolo e a metà gennaio Juve-Chievo).

Ecco perché, nei fatti, quella di giovedì al Franchi diventa la partita più importante dell’anno. “Dobbiamo lavorare sull’atteggiamento, sulle posizioni ma soprattutto sulla cattiveria. Siamo stati troppo leggeri. Fa rabbia perdere così”, ha tuonato Astori dopo il Milan. Un gruppo che ha fallito tanti appuntamenti cruciali, ma che nelle grandi sfide ha saputo anche esaltarsi. Al Borussia Park tanta sofferenza ma vittoria raggiunta, giovedì le insidie non mancheranno contro Hazard e compagni. La prima riguarda l’aspetto fisico, l’intensità e la velocità. Quanto ha sofferto, da questo punto di vista, in Germania la Fiorentina. Così come sotto l’aspetto tattico. Almeno per un’ora di gioco: continua inferiorità numerica sulle fasce, oltre alla differenza di passo tra gli esterni tedeschi e quelli viola. Sanchez e Olivera spesso senza raddoppi, tanti rischi provenienti dagli esterni. Con Tatarusanu salvato solo dall’imprecisione sottoporta del Borussia.

E poi quella cattiveria, quella voglia di vincere, di arrivare al risultato a cui faceva riferimento Astori. Bernardeschi e Chiesa, due nuove forze per Sousa e per certi versi anche trascinatori in questo senso. Giovedì forse l’ultima ancora di salvataggio, appuntamento decisivo per continuare a credere ancora in qualcosa. E non rischiare di dire addio ad ogni obiettivo, con zero stimoli, già a febbraio.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Enzo
Ospite
Member

Il nostro genio della panchina visto che abbiamo sofferto sulle fasce ci propinerá il solito assurdo 3-4-2-1 e continueremo a soffrire costringendo Olivera a fare tutta la fascia, quando al massimo puó fare il terzino e Chiesa a sfiancarsi perché un 4-3-3 sarebbe troppo semplice per un genio della panchina.

Paolo
Ospite
Member

spero che ” la gara più importante dell’anno” si ripeta più volte nei prossimi mesi

Ruipersempre
Ospite
Member

Se va bene ne prendiamo solo 2…

Potini
Ospite
Member

Magari lo dicevi anche all’andata

CALENZANO
Ospite
Member

Caricate a molla i tifosi con sta partita piu importante, ma di che? se vai fuori ora o al prossimo che cambia? La decisiva sarebbe una e si chiama finale

Potini
Ospite
Member

cattiveria
cat·ti·vè·ria/
sostantivo femminile

1.
Innata disposizione a far del male, a recar danno al prossimo nelle sue cose o nelle sue aspirazioni.
Con senso attenuato, riferito a ragazzi, carattere indocile e ribelle, dispettoso e prepotente.
2.
Atto provocato da malignità o malanimo: una c. simile da lui non me l’aspettavo; anche, bizza, dispetto.

Cattiveria è una parola ben precisa, solamente negativa, che niente ha che vedere con lo sport. La “cattiveria agonistica” è un’invenzione di qualche calciatore/allenatore a cui non venivano in mente le parole grinta o determinazione. Purtroppo ha preso talmente campo che adesso è universalmente usata anche dai giornalisti. Diventerà un neologismo? Per ora è solamente un errore.

Lupo Ezechiele
Ospite
Member

La partita più importante? Siamo già in finale? O dopo è tutto in discesa…?

gabriella
Ospite
Member

Purtroppo la squadra rispecchia l’atteggiamento dell’allenatore, che da Gennaio è troppo passivo, Sousa non si aspetta niente da questo campionato e i giocatori lo hanno capito, quindi non mettono in campo quella rabbia, quella cattiveria che servono per vincere le partite.
Lo sbaglio è stato tenere questo allenatore visto il suo comportamento.
Lui è triste e i giocatori giocano senza entusiasmo perché lui non è capace di trasmette loro la voglia di giocare con gioia.

Paolo@
Ospite
Member

Ma bastaaa avete rottoooo e l’è da agosto vu la menate tutte le settimane con queste gare decisive e gara piu importante dell’anno!!! E l’è un 16° di finale di una coppa che conta il giusto… e ce n’è un po ancora di strada da fare… ma cosa volete importantare… via

claudio1
Ospite
Member

SE DOVESSIMO USCIRE DALLA COPPA TOGLIETECI QUESTO ASINO DALLA PANCHINA…. E SOPRATTUTTO CONTESTAZIONE FINO A MAGGIO. CURVA FIESOLE SMETTI DI ESSERE LA CURVA PIU RIDICOLA D ITALIA E TIRA FUORI LE PALLE

pasquino
Ospite
Member

Ma smettetela di vendere illusioni ma perchè mentite dicendo che è la partita più importante?Quelle importanti le abbiamo perse e per quanto riguarda la coppa ma dove credete che si possa andare con una squadra simile.Dite in modo chiaro che la stagione è fallita punto.

Kiniko
Ospite
Member

Ma quale ancora? Ad agosto, i veri tifosi avevano previsto che questa sarebbe stata un’annata mediocre! Eppure hanno fatto 20mila abbonamenti… adesso andate pure a riempire lo stadio, tanto l facevate per la maglia no? A proposito, siete proprio sicuri che i giocatori, l’allenatore, la società, quella maglia la onorino?!? A me pare di no.

Vio
Ospite
Member

Sousa sei un bischero!

Franco_Thai
Ospite
Member

Ma la societa’ non si fa mai sentire?
E’ perfino imbarazzante se comparato con altre societa’ professionistiche.
Da noi solo silenzio e bischerate da parte di Sousa.
SFV since 1958

polpoviola
Ospite
Member
Per quanto riguarda la bocciatura in toto del mercato estivo vorrei dire una cosa. Qualche giorno fa il cinepanettaro napoletano sbraitò contro il suo allenatore accusandolo di non far giocare i nuovi acquisti non permettendo così di valutarli appieno. Ebbene , li per li’ mi sembrava una delle tante bischerate del cinepanettaro, specialmente perchè detta dopo la partita con il Real, ma riflettendoci bene quella cosa può valere anche per il nostro Sousa. Noi non abbiamo mai potuto vedere i nuovi acquisti ( ma anche quelli vecchi come Tello o i nostri giocatori come il Baba ) giocare nel loro ruolo naturale. Esempio : Salcedo è un marcatore centrale ( come lo era Savic ) ma lì non ci ha mai giocato. Sousa predilige i difensori che sappiano anche impostare e Salcedo non è uno di quelii, ma questo non vuol dire che sia uno scarso difensore. Cristoforo è un… Leggi altro »
CALENZANO
Ospite
Member
Una volta levato Berna da li, ti sei dimenticato di dire, sei passato dalla seconda difesa alla terzultima. Purtroppo anche domenica salcedo non e’ stato messo li per filosofie come pensate voi, ma perche’ voleva limitare suso, come ha fatto. Poi se B. Valero ti regala il 2 a 1 la colpa e’ sempre di Sousa. I giovani li lancia, basti pensare a Chiesa e Berna. Per i nuovi acquisti, Saponara viene da un infortunio quindi giochera’ quando sara’ pronto, per gli altri beh, dicks lo vidi giocare in primavera e oggettivamente era scarso pure li, toledo non mi esprimo, ma nemmeno mi sento di dire che fosse c. ronaldo. Tello sara’ pure proiettile e tutto, ma il barcellona lo vuole sbolognare da anni e faceva panchina in portogallo, o mi sbaglio? e’ un giocatore che sa fare una cosa sola e nemmeno troppo bene, per la difesa nostra gli… Leggi altro »
gianni usa
Ospite
Member

Anche se incazzato con tutti ,da i DV a Corvino passando da tutti quei portaborse tipo Congini,io dico che si passera’ il turno,perche’ i tedeschi sono una squadra di medio valore come noi,e avendo vinto in Germania abbiamo un grande vantaggio.Poi per l’Europa ancora non siamo tagliati fuori.Nelle prossime cinque partite si puo’ prendere anche 11-12 punti,e mi sa che alcune che ci sono abbastanza vicine non ne’ faranno nemmeno 8-9.per via di diversi scontri diretti.

emiliofirenze
Ospite
Member

La “cattiveria” in tanti giocatori viola, a partire dai collaudati centro campisti, è di casa come la neve a Firenze d’Agosto.
Dotati di un’eccellente tecnica, piedi buoni, ma il coltello fra i denti proprio non glielo vedo. Bravi a costruire, molto meno a difendere, quando la perniciosa perdita dei palloni a centro campo fa la differenza. Ogni riferimento all’errore di Borja in occasione del secondo gol del Milan è del tutto voluto.

Gangia
Ospite
Member

Siamo onesti: al Borussia Park abbiamo avuto parecchia ma parecchia fortuna. Se non si fossero mangiati quei 3 gol probabilmente la stagione della Fiorentina sarebbe già finita. Ora mi pare evidente che la prossima partita è l’ultima spiaggia per questa squadra per fare in modo che la stagione non risulti un fallimento completo. Se dovessero ciccare anche questa possibilità la contestazione sarebbe d’obbligo.

wpDiscuz
Articolo precedenteFiorentina Women’s, cinque ragazze viola convocate per la Cyprus Cup
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI