Fiorentina nella tana della big a sorpresa

di Leonardo Bardazzi-Corriere Fiorentino

4



La sorpresa contro la delusione. Atalanta-Fiorentina è la partita degli opposti. Da una parte la squadra sprint di Gasperini, reduce dalla strepitosa vittoria del San Paolo e gasatissima alla caccia di un posto in Europa che manca dai tempi di Mondonico e Stromberg (pare che in città, proprio in onore dello svedese, i tifosi siano pronti a tingersi i capelli di biondo in caso di qualificazione alle coppe).

Dall’altra la squadra di Sousa, fischiata e delusa, ma decisa (almeno a parole) a mettere in mostra il briciolo d’orgoglio rimasto. Il paragone con i nerazzurri però resta scomodo, per certi versi quasi imbarazzante: l’Atalanta (+22 rispetto all’anno scorso), è la squadra che ha migliorato di più la sua classifica rispetto a un anno fa, la Fiorentina invece (-11) è la seconda squadra peggiore della stagione, dietro soltanto all’Empoli. Trentatre punti di differenza rispetto a un anno fa, che solcano una distanza netta in classifica (i nerazzurri sono a +10 sui viola e sognano addirittura la Champions) e nelle ambizioni.

E questo nonostante che il bacino d’utenza e il fatturato non facciano certo pendere la bilancia dalla parte nerazzurra. L’Atalanta fattura poco più della metà della Fiorentina (70 milioni contro circa 130), ha un monte ingaggi da 12 milioni netti e a gennaio ha venduto anziché comprare: Gagliardini è ormai un perno dell’Inter, mentre Sportiello aspetta la sua occasione a Firenze. In più l’altro golden boy Caldara ha già firmato per la Juve.

In totale Percassi si è messo in tasca una cifra vicina ai 50 milioni, ma nonostante questo resta il presidente più applaudito d’Italia. Merito ovviamente del centro sportivo di Zingonia che sforna giovani senza sosta (l’Atalanta nel settore giovanile investe 4 milioni l’anno), ma anche della bravura di un allenatore probabilmente sottostimato come Gasperini. Coraggioso nel ripartire da Bergamo e soprattutto, al contrario di Sousa, nel rivoluzionare le gerarchie a campionato in corso. Paloschi (l’uomo più pagato dell’intera squadra) e lo stesso Sportiello per esempio sono stati fatti fuori in nome delle «scarse motivazioni». Quelle che guarda caso sono mancate alla squadra di Paulo. Gasp così ha dato fiducia a Petagna, mai titolare in serie A prima di quest’anno, dato le chiavi della squadra al Papu Gomez — obiettivo viola mai raggiunto — e lanciato i vari Conti, Spinazzola e soprattutto Kessie (squalificato domani). Uno che già oggi vale 30 milioni. Il risultato è sotto gli occhi di tutto: la sua squadra dribbla e recupera palla come nessuno in serie A e in questo girone di ritorno (7 punti in più rispetto all’andata) sta addirittura volando.

Idee, grinta, corsa e qualità. L’Atalanta dei miracoli è l’intrusa delle parti nobili della classifica e a farne le spese è stata proprio la Fiorentina (che, va detto, arriva comunque da quattro anni di fila in coppa). «La partita coi viola può diventare lo snodo cruciale dell’anno, noi ci crediamo», urla l’allenatore dei bergamaschi. Il pubblico nel frattempo si prepara: già venduti 20 mila biglietti, ancora qualche ora e arriverà il tutto esaurito con relativo record d’incasso stagionale. Sarà un pranzo molto pericoloso insomma. Il rischio viola è farsi travolgere dall’esaltazione bergamasca e da una squadra che arriva da 4 vittorie di fila e che nel girone di ritorno ha perso soltanto una volta: la Fiorentina però è una delle squadre più pazze e imprevedibili che ci siano. Magari questa sarà la domenica buona per rivedere la squadra che fu.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Patcom
Tifoso
Member

Prepariamo la cesta per riportare i palloni a casa.

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

La Fiorentina parte sempre e comunque con lo svantaggio paralizzante di schierare in campo autentici minus habentes nella fase di contenimento: Cappon Gonzalo (il peggiore perché il più presuntuoso), Olivera, che a Firenze non avrebbe mai dovuto nemmeno metter piede, Tello che a difendere è da comiche sganascianti e Tomovic che sul più bello perde il ben dell’intelletto. Con questi quattro vuoti a perdere la Fiorentina non è solo fragile, ma super fragilissima. Sempre e comunque.

Mario Viola
Ospite
Member

Basta critiche!!
FORZA VIOLAAAAAA!!!!!

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

La Fiorentina parte sempre e comunque con lo svantaggio paralizzante di schierare in campo autentici minuscoli habentes nella fase di contenimento: Cappon Gonzalo (il peggiore perché il più presuntuoso), Olivera, che a Firenze non avrebbe mai dovuto nemmeno metter piede, Tello che a difendere è da comiche sganascianti e Tomovic che sul più bello ben dell’intelletto. Con questi quattro vuoti a perdere la Fiorentina non è solo fragile, ma super fragilissima. Sempre e comunque.

wpDiscuz
Articolo precedenteGiovani e brillanti modello Atalanta, il futuro viola prende appunti
Articolo successivoSousa: “Ilicic ok, Berna non si è allenato. Ho detto le mie idee per migliorarci, spettava alla società…”
CONDIVIDI