Fiorentina da trasferta in Europa. 20 gare dal ritorno con Montella e solo 2 ko

2



Monchengladbach non è Siviglia, e neanche Londra sponda Tottenham. E soprattutto non deve esserlo, visto che solamente al Ramón Sánchez-Pizjuán ed a White Hart Lane la Fiorentina è caduta in trasferta nelle ultime campagne europee. Da quando con Vincenzo Montella la squadra viola è tornata in Europa nel 2013, ha disputato in trasferta 20 partite, perdendone solamente due.

6 nel 2013-14, con vittorie a Zurigo contro il Grasshoppers al play off 1-2, nel girone a Dnipropetrovs’k col Dnipro 1-2, a Cluj contro il Pandurii 1-2, pareggio a Guimaraes col Pacos 0-0, vincendo a Esbjerg 1-3 e pareggiando poi allo Stadium 1-1 contro la Juventus. Bilancio esterno: 4 vittorie, 2 pareggi. Arrivo agli ottavi.

7 nel 2014-15, con vittorie contro Dinamo Minsk 0-3, Guingamp 1-2, Salonicco col Paok 0-1 nel girone. Pareggio a Londra 1-1 col Tottenham ai sedicesimi, vittoria a Roma 0-3 con i giallorossi agli ottavi, pareggio a Kiev 1-1 con la Dinamo ai quarti, e ko a Siviglia 3-0 in semifinale. Bilancio esterno: 4 vittorie, 2 pareggi, 1 ko. Arrivo in semifinale.

4 nel 2015-16 con vittorie a Lisbona 0-4 col Belenenses, Poznan 0-2 col Lech e pareggio 2-2 col Basilea nel girone. Poi il ko 3-0 col Tottenham.  Bilancio esterno: 2 vittorie, 1 pareggio, 1 ko. Arrivo ai sedicesimi.

Fin qui 3 nel 2016-17 con pareggi 0-0 a Salonicco col Paok, vittorie 1-3 a Liberec con lo Slovan e 0-2 col Qarabag. Bilancio esterno: 2 vittorie, 1 pareggio, 0 ko. In corso…

In totale, dunque, dal 2013-14 ad oggi col ritorno in Europa, la Fiorentina ha giocato 20 gare esterne in E.L. col seguente bilancio: 12 vittorie, 6 pareggi, 2 sconfitte.

Ruolino di marcia ottimo, dunque, per la Fiorentina in trasferta in Europa. Dato che deve essere di buon auspicio per la gara con il Monchengladbach. Uscire indenni dalla gara dell’andata non andrebbe solo a migliorare le statistiche esterne viola, ma potrebbe già essere una pietra importante per il proseguo del cammino europeo 2016-17.