Fiorentina, tre punti e novanta candeline. La vittoria e poi la festa

    0



    Fiorentina-Chievo Verona 28-08-2016NOVANT’ANNI e tre punti per la Fiorentina, che quasi si smonta per infortuni vari contro il Chievo (Vecino, Tatarusanu, Sanchez) ma porta a casa una vittoria speciale con il timbro della sofferenza. Più di trentamila bandierine viola sventolano alla fine, la festa va in onda in regime ridotto dopo il tragico terremoto e un clima più sobrio avvolge giustamente la notte del super compleanno. In campo decide un gol di testa del nuovo acquisto Sanchez, la rete fa sballare la difesa del Chievo e smazza l’equilibrio di una partita che nel secondo tempo si inclina a strappi a favore del Chievo.

    ILICIC e Borja reggono la baracca, la vittoria alla fine premia una squadra che comunque mette in campo tutta se stessa, seppure con un’intensità assolutamente inferiore rispetto ai momenti migliori della passata stagione. Ora ultimi tre giorni di mercato: e l’impressione è che possano succedere molte cose ancora… Primo tempo molto orizzontale, sulle fasce Tello lo riempie con eleganza nei primi minuti e poi declina dopo aver sparato nel vuoto almeno tre assist, mentre Milic _ in campo a sorpresa sulla fascia opposta _ sembra più difensore che fluidificante. Fiorentina perciò molto piatta, essendo i due trequartisti (Borja e Ilicic) sprovvisti di compagni da innescare, a parte Kalinic super controllato. Centrocampo con Vecino quasi subito ko sostituito da Badelj e Sanchez in versione di rottura, più che di costruzione. Ritmi bassi e porte libere dagli assedi, primo tiro (sbilenco) al 27’ quando Borja si libera bene ma spara una nuvola di borotalco. Sorrentino potrebbe fare forse meglio, ma devia in angolo: è la prima fiammatina, un minuto dopo i riccioli di Sanchez la trasformano in fiammatona, perché la deviazione in area sull’angolo di Ilicic manda al manicomio Sorrentino e tutta la difesa del Chievo, con i lunghi piazzati. Lezzerini nel finale di tempo sostituisce Tatarusanu colpito (involontariamente) duro da Meggiorini lanciato in corsa e il finale viola è discreto: ancora Sanchez si avvicina al gol, il suo sinistro dal limite viene deviato in angolo.

    CHIEVO pericoloso nel secondo tempo con Meggiorini _ Lezzerini devia da sdraiato _ poi Kalinic e Ilicic non beccano la porta. Qualche sbandata difensiva viola fa soffiare il vento dalla parte opposta, si fa male anche Sanchez e Borja arretra per fare spazio a Bernardeschi. La Fiorentina perde il possesso palla e il Chievo spinge, bravo Ilicic a prendersi la responsabilità di iniziative personali che fanno respirare la squadra. Maran fiuta aria di pareggio e fa entrare Pellissier per Birsa. In realtà poi è Ilicic che colpisce la traversa dopo un blitz a destra. La partita finisce dopo 4 minuti di recupero. Lunghissimi.