Fiorentina un po’ Peter Pan e un po’ Babbo Natale: carattere ed errori, ora serve vincere

2



Troppi ‘regali’ nelle ultime partite: per i viola c’è bisogno di tornare al successo. Magari con i gol degli attaccanti.

Un po’ Peter Pan, sempre giovane e un po’ visionaria, ma anche molto Babbo Natale. Perché nelle ultime gare la Fiorentina è stata in vena di regali. Tre pareggi di fila per 1-1 con i viola sempre in vantaggio senza mai riuscire a mantenerlo. Giusto dire che a Torino e in casa con la Roma, per esempio, pareggiare non è sintomo di poca forma, anzi. Assomiglia più a un risultato di qualità. Ma se dopo undici giornate di campionato nessuna formazione di Serie A ha perso più punti dei viola da situazioni di vantaggio, ben otto, qualcosa nella gestione va migliorata. Così scrive La Gazzetta dello Sport.

MERITI E PECCHE. La Fiorentina dal punto di vista mentale ha mostrato i miglioramenti più decisi rispetto alla passata stagione. Sempre attaccata alle gare, non ha mai mollato un centimetro anche davanti alle più forti. Dal punto di vista tecnico però, i risultati sono lontani dal top. «Dobbiamo migliorare nella qualità dei passaggi e nel riuscire a concretizzare là davanti», ammette Pioli. Che il bicchiere comunque continua a vederlo mezzo pieno. Anche trequarti. I viola sono la squadra che ha segnato più reti di tutte sugli sviluppi di calci piazzati, ben sei compreso quattro delle ultime cinque.

VOGLIA DI GOL. A Firenze il tema centrale è più o meno da settimane sempre lo stesso. Le poche reti segnate dagli attaccanti. Poi il discorso si ramifica. Dal perché questo accade al sistema di gioco, passando per i singoli. Stasera contro il Frosinone il reparto offensivo resta sulle spalle di Simeone, fermo a due reti e spesso appassito anche nella prestazione. Pioli non pare preoccupato provando a consegnare certezze. E speranze. «Capisco che per lui e per voi il gol sia importante, ma la sua prestazione contro la Roma è stata molto buona: simile a quelle dello scorso anno e molto migliore delle precedenti. Ha avuto due occasioni, in una ha conquistato il rigore, nell’altra non ha sfruttato la chance. Diventerà un attaccante molto forte, passare momenti delicati dal punto di vista delle realizzazione è normale». Fiorentina ancora a quota zero nelle vittorie esterne. Per tornare in Europa serve un cambio di passo.

2
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
danielbertoni
Ospite
danielbertoni

La squadra che ha segnato più di tutte sugli sviluppi di calci piazzati? Che sviluppi ci sono sui rigori? Rigore con l’Atalanta, rigore con il Cagliari, rigore con la Roma. E per il resto, rimanendo alle ultime partite, in bianco a Roma con la Lazio, un gol a Torino su gentile assist di De Silvestri, a Milano un’autorete dell’Inter su un tiro che andava nettamente fuori, un solo gol “vero”, quello di Simeone a Genova. Ma di che parla la Gazzetta? Sviluppi di calci piazzati?

Osservatorio (calcistico) di Arcetri
Ospite
Osservatorio (calcistico) di Arcetri

Serviva vincere anche una Coppa Italia, nel 2014…
E invece fummo battuti da un certo Genny, da oggi in carcere.
Vuoi vedere che finirà di scontare i 18 anni giusto in tempo per assistere alla prossima 😆 finale di CI della Viola e farcela perdere?
Per maggiori info, amaro ricordo e precisa descrizione dei fatti, vedi https://www.ilmattino.it/AMP/napoli/napoli_condannato_genny_carogna_traffico_droga-4094866.html

Articolo precedentePioli rilancia Pjaca: titolare nel tridente. Possibile variante: Gerson esterno a destra
Articolo successivoPioli e le ‘Cinquanta sfumature di Viola’: “Spero sia solo l’inizio”. Vittoria e poi mercato
CONDIVIDI