Una ‘bozza’ di filotto, vittoria di qualità e grinta. Chiesa brilla, ora 3 gare per l’Europa

27



Era da febbraio che la Fiorentina non vinceva due partite di fila in campionato. Se si pensa anche al successo di giovedì a Baku, vien fuori quasi un ‘unicum‘ dell’altalenante 2016 viola. Non a caso, nell’anno solare la Fiorentina è al sesto posto come punti ottenuti in campionato. Una ‘bozza’ di filotto, con le trasferte di Genova e Roma e la sfida interna con il Napoli che rappresentano rischi concreti ma anche occasioni importanti in chiave Europa. Fiorentina ora settima, a -2 dall’Atalanta e -5 da Napoli e Lazio, con la gara di Marassi da recuperare giovedì. Niente voli pindarici, la squadra di Sousa non ha ben abituato in quanto a continuità. Ma è chiaro che la strada verso Natale adesso è un po’ più soleggiata.

Intanto, contro il Sassuolo è arrivata una vittoria sofferta, con cuore e grinta nel finale. Determinazione e rabbia, caratteristiche che la Fiorentina non aveva fino a tempo fa. Un po’ di sana paura di perdere tre punti d’oro, qualche pallone in tribuna ma obiettivo raggiunto. Tutti insieme e lottando fino all’ultimo pallone. Certo, si poteva e doveva chiuderla prima. Con una difesa che ancora una volta ‘balla’ e non poco (decimo gol subito nelle ultime cinque partite), e con un Tello che ha almeno due occasioni nitide per mettere la parola ‘fine’ alla gara con diversi minuti d’anticipo. Le note dolenti della serata del Franchi, che per il resto regala anche una prova di qualità della squadra di Sousa.

Vecino-Badelj in mezzo danno geometrie e organizzazione, per qualche tratto sui livelli dell’anno scorso; Kalinic torna al gol al Franchi in campionato dopo otto mesi, con una doppietta di gran classe (10 gol e 3 assist nelle ultime 11 gare giocate); e poi Federico Chiesa. Quel ‘capitan futuro’ lanciato e valorizzato da Sousa un po’ tra lo stupore generale, che si gode il suo momento d’oro. “La settimana perfetta”, l’ha definita Chiesa Jr. Gol decisivo in Europa League, assist decisivo oggi per Kalinic. E soprattutto una prestazione da giocatore vero. Recuperi difensivi, uno contro uno con l’avversario, corsa, tanto sacrificio. E qualità. C’è tutto nella prova di Chiesa, che Sousa ha riproposto titolare (al posto di Tello) per la prima volta in campionato dopo l’esordio (molto a sorpresa, nel lontano agosto) contro la Juve.

E’ lui l’uomo copertina, in una Fiorentina che rimette insieme tre vittorie di fila e finalmente rivede un po’ di luce. Ora l’Europa è un po’ più vicina, ma il calcio ti aspetta sempre alla prova della verità. Ecco perché il trittico con Genoa, Lazio e Napoli non lascia scampo. Tre test veri, primo scoglio Marassi. Arrivare agli scontri diretti con biancocelesti ed azzurri a -2 dalle avversarie (e dal quarto posto), sarebbe tutta un’altra storia.

27
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Fantasma
Tifoso
Fantasma

Col genoa ce la potremmo pure giocare…il napoli e la lazie non solo ci precedono in classifica, hanno anche la statistica dalla loro parte: a Firenze non vinciamo coi pulcinella dal 2009 e la lazie è una delle nostre bestie nere (probabilmente da quando ce ne fecero otto qualche annetto fa…), nonostante la lezione che subirono il campionato scorso a roma …5 punti sarebbero oro colato (per la classifica e per il morale ondivago)

Daniele, Modena
Ospite
Daniele, Modena

Da tifoso viola un po’ deluso dico:
La Toscana è tra le regioni più ricche d’Italia per Pil pro-capite, superiore anche a Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia (e tallona il Veneto)… Firenze nella classifica del Sole 24 Ore del 2016, è al 5° posto assoluto per ricchezza, dietro solo a Milano nelle grandi città, ma gli scudetti li vincono sempre gli altri. Possibile che non si riesca a trovare un Industriale fiorentino o toscano ricco ma passionale? Come mai?

http://impresalavoro.org/pil-pro-capite-regione-regione-la-crisi-aumenta-divario-nord-sud/

http://www.ilsole24ore.com/speciali/qvita_2016_dati/infografiche.shtml

VecchioFrank
Ospite
VecchioFrank

La cosa fondamentale è che abbiamo vinto, il resto non conta. La difesa è “ballerina”, e talvolta la squadra perde equilibrio, ma abbiamo una enorme possibilità di rimettere in sesto una stagione che sembrava compromessa. Andiamo a vncere a Genova e poi se ne riparla.

Aliush
Ospite
Aliush

Ora dobbiamo affrontare due squadre di calcio, le frattaglie sono finite. Come se ne esce dirà molto.

ALE68LEBAGNESE
Tifoso
ALE68LEBAGNESE

I’ SE E I’ MA LLE’ I’ PATRIMON DE’ BISCHERI

Quasar-Scandiano
Ospite
Quasar-Scandiano

La matematica non è il mio forte ma 26+3 dovrebbe fare 29 e se dovessimo vincere a Genova andiamo sesti a 2 punti dalla Lazio e mi fermo qua.

Giuseppe
Ospite
Giuseppe

Ieri siamo stati una squadra di dilettanti (salvo Kalinic) allo sbaraglio. Non facciamoci ingannare da risultato. Prossime tre partite: 0 punti

michele
Ospite
michele

Crepi l’astrologo, caro il mio bel fiato di baule

FabioLAquila
Tifoso
Fabio L\'Aquila

Ma ne vogliamo tenere conto degli avversari o no!

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

no zero no, verosimilmente 1 o 2.

il gigliato
Ospite
il gigliato

mi scusi sig.Pecorini ma lei è un giornalista sportivo??????la partita l’ha vista????di qualità NON c’è stato nulla….e mi fermo qui!!!!!!!!!!

FabioLAquila
Tifoso
Fabio L\'Aquila

Io ho visto a tratti (come specificato nell’articolo) la qualità a centrocampo degli anni passati.
Certo che con Tello al posto di salah o Joaquin è tutta un’altra storia.

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

eh sì, c’è tortello, sancez, mini olivera, salsedo, tomovicce, paperarusanu, milicce, fantasmatoledodiks, tanta qualità

Alé pt
Ospite
Alé pt

Eh già quando s’aveva Cois quanti scudetti si è vinto…

rotlf
Ospite
rotlf

Ma esattamente cosa si intende per grinta e qualità? E’ un’invenzione questa perchè non abbiamo nè grinta nè qualità. Ieri s’è vinto ma si poteva pure pareggiare o perdere, nel primo tempo gol per incapacità altrui poi abbiamo subito. Sempre in affanno, insomma la solita Fiorentina di sempre. La nota lieta è Chiesa, speriamo continui così perchè di correre, di fame e di grinta, per l’appunto, ce ne è davvero bisogno. Sono contento perchè il babbo ha giocato e lo ha fatto bene per la Fiorentina, speriamo possa diventare almeno la metà di quello che era Enrico, cmq bravo ieri

Ginolasalsa
Tifoso
Ginolasalsa

Gentile Marco Pecorini
Scrivo solo per ricordare che il sognificato di volo pindarico è riferito al passare da un argomento ad un altro senza un evidente legame logico, non quello da lei usato di volo di fantasia o di proiettarsi in un futuro diverso.
Ultimamente è utilizzato frequentemente e a sproposito su queste pagine, fateci più attenzione.
Grazie

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

Questo è interessante, anche io pensavo fosse qualcosa tipo “volo con la fantasia”, grazie per la spiegazione.

Walter
Ospite
Walter

Intervengo in difesa di Marco Pecorini.
Solitamente l’espressione “fare dei voli pindarici” viene attribuita a persone che tendono a proiettarsi in un mondo irreale, creativo, dunque a sé stante. Il termine deriva dal nome dell’antico poeta e cantore greco Pindaro, uno dei più grandi esponenti della lirica corale, per intenderci.
Insomma un vero e proprio trionfo della fantasia, nella sua più larga accezione del termine.
Lei Sig. Ginolasalsa si sbaglia con “saltare di palo in frasca”
Forza Viola!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Articolo precedenteOnofri: “La Fiorentina sta trovando equilibrio, colpito da Chiesa”
Articolo successivoEx obiettivi viola: Walace piace al Leicester di Ranieri
CONDIVIDI