Fiorentina Women’s, obiettivo chiaro: non fermare mai la corsa

di Andrea Pratellesi - Qs La Nazione

0



Ormai si può tranquillamente parlare di conto alla rovescia. Non verso lo scudetto, visto che ancora da questo punto di vista è meglio mantenere un po’ di scaramanzia, ma quantomeno verso lo scontro diretto contro il Brescia, che davvero potrebbe essere lo spartiacque decisivo per la stagione della Fiorentina Women’s. Prima di affrontare la seconda della classe (distante comunque sei punti), le viola dovranno giocare ancora tre partite, la prima delle quali è in programma oggi ed è valida per la quindicesima giornata di serie A: alle 14.30, al ‘Bozzi’, arriva il Chieti terzultimo in classifica, e i bookmakers probabilmente non quoterebbero nemmeno questa sfida, alla luce delle quattordici vittorie consecutive di Guagni e compagne e della superiorità che hanno dimostrato nei confronti di tutte le avversarie, come dimostrano i 56 gol fatti e i soli 4 subiti. «Loro cercheranno di venire a Firenze per raccogliere qualche punto in ottica salvezza – avverte il tecnico della Fiorentina Sauro Fattori – ma noi dobbiamo proseguire per la nostra strada, anche per non far perdere significato alla splendida vittoria di Verona. Anche questa volta faremo di tutto per dimostrare che la nostra posizione ce la meritiamo in pieno».

Nessun timore quindi di un Chieti che anche all’andata fu battuto per 6-0, e che come detto dovrebbe costituire solo un primo ostacolo verso la partita che conta di più: è vero, in settimana c’è stato lo stage della nazionale che ha tolto diverse giocatrici a Fattori e Cincotta, e mercoledì prossimo ci sarà anche l’impegno di Coppa Italia, ma al momento la condizione fisica è ottima e quindi non dovrebbe esserci neanche la necessità del turnover. «Lo farò in Coppa – annuncia Fattori – perché abbiamo una rosa importante, ma tengo moltissimo al campionato e quindi dobbiamo proseguire senza una minima incertezza. Vogliamo dare ancora soddisfazioni ai nostri tifosi, ma soprattutto vogliamo portare questo scudetto a Firenze, e sarebbe una gioia immensa sia per me che per tutto l’ambiente».