Come se fosse colpa solo dei fiorentini…autocritica, questa sconosciuta. E i milioni investiti in 17 anni rientreranno quasi tutti con la cessione

217



Autocritica, questa sconosciuta nelle stanze della famiglia Della Valle. E i milioni di euro investiti…potrebbero rientrare quasi tutti con il passaggio di proprietà

Un antico proverbio dice: sai ciò che lasci, non sai ciò che trovi. Ed è proprio questo che forse spaventa maggiormente gli scettici nel passaggio sempre più probabile di proprietà dalla famiglia Della Valle a Rocco Commisso. Un salto non proprio nel buio. Perché le referenze sono ottime. Il patrimonio dell’italoamericano è ingente, la sua azienda è forte, e nutre di grande credibilità negli ambienti dell’economia americana. Non proprio l’ultima del mondo. Ma ripensare agli ultimi mesi e anni della gestione Della Valle non riporta alla mente certo grandi ricordi. E’ l’ora di cambiare, ormai ricucire il rapporto è praticamente impossibile.

E nei giorni del sempre più probabile avvicendamento, il veleno continua comunque a piovere sulla piazza viola. Come se le colpe di tutto fossero riconducibili solo a chi ha contestato la società, di chi ha appeso striscioni, o cantato slogan davanti ai negozi Tod’s. Come se dall’altra parte, invece, nessuno avesse sbagliato niente. E come se il peso di un errore commesso da un tifoso, o dieci, o cento, o mille, o diecimila che siano, possa avere lo stesso peso di chi prende decisioni. Per non parlare delle parole. Perché sì, striscioni e cori hanno un peso, soprattutto quando sono offensivi o di scherno, ma una lettera come quella di Diego Della Valle, imprenditore di fama mondiale, ha valore simbolico molto più grande di un lenzuolo apposto da chissà chi. Ma questo, ormai, è il passato. O meglio pare davvero che possa esserlo. Adesso è tempo di futuro.

Già perché mentre sia Diego Della Valle attraverso quella famosa lettera a La Nazione, sia alcuni membri del CdA andato in scena sabato mattina nella pancia del Franchi non perdono occasione di ricordare come la famiglia DV abbia negli anni investito oltre 200 milioni di euro. Che siano 220 o 300, poco importa. E’ il concetto che parte da un presupposto opinabile. E’ vero, innegabile, che i Della Valle abbiano investito tale somma, che secondo i più accreditati organi del settore giornalistico-economico si aggira attorno ai 220 milioni, cifra di poco superiore a quella che rientrerà nelle casse dei fratelli Tod’s all’atto ufficiale della cessione delle quote societarie.

Il tutto al termine di 17 anni di gestione di una delle società più importanti del calcio italiano. Con una perdita, dunque, di poco più di 20 milioni di euro, che diluiti in quasi 20 anni farebbero circa 1 milione all’anno. Qualcosa, in termini di notorietà, sarà pure tornata a favore dei Della Valle, oppure no? In pubblicità per la Tod’s, nello stesso periodo, è immaginabile che sarebbe stato investito di meno. Con una platea di clienti raggiunta e raggiungibile sicuramente differente. Certo, negli ultimi mesi, non è stata proprio una campagna redditizia, in termini di immagine. Ma negli anni, così come è vero che i Della Valle hanno fatto anche tante cose buone per la Fiorentina, è altrettanto innegabile che in quei momenti la reputazione dei fratelli Tod’s abbia ricevuto una importante spinta verso l’alto.

Le premesse erano altre, certo. Ormai è cosa nota. Lo stadio, lo scudetto e tanto altro. Così come è vero che in tantissime idee erano arrivati prima di tutti, salvo poi non riuscire praticamente mai a trasformarle in fatti. Ma come detto, questo è il passato. Adesso c’è da pensare al futuro. Nei giorni dell’ormai probabile definitivo addio, sperando che si possa spargere meno (altro) veleno possibile, una cosa è certa: avevano detto che non avrebbero venduto al primo ‘scemo del villaggio’ quando si sarebbero stufati, ed effettivamente lo stanno facendo.

217
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
gig60
Ospite
gig60

Si.. ho capito, ma se domani vado a comprare la Skoda Octavia e la pago 80.000 euro, non è che poi me la posso rifare con qualcuno e lamentarmi che ho investito 80.000 euro in una macchina ma che nel corso di un anno mi sono accorto che non andava un tubo e rivendendola mi hanno dato solo 6000 euro!!

ViOlAdEnTrO
Ospite
ViOlAdEnTrO

Se non capite niente di investimenti evitate di fare analisi col solo fine di aizzare la gente. Andate a vedervi cos’è il valore attuale, fatevi due conti e poi ne riparliamo. Fatevi aiutare da un giornalista che ne capisca di economia prima di riportare certe cose…

Silvano I'Vaia
Ospite
Silvano I'Vaia

Io non credo che nel saldo finale i della valle abbiamo investo chissa che somma. Sono anni che ad ogni mercato spariscono dai 30 ai 50 milioni nell’ormai famoso “buco di bilancio” o nell’altrettanto fantasioso “comparto aziendale”.. Ad ogni modo è palese che una volta svanita l’opportunità di fare affari in città (colpa della solita politica fiorentina/toscana del non far nulla) si sono disinteressati di tutto..
Anche se la nuova proprietà non sarà eccezionale, peggio non potrà essere…

saverio palumbo
Ospite
saverio palumbo

E’ proprio vero l’AUTOCRITICA è sconosciuta: prima di tutto dall’estensore dell’articolo, poi dai tifosi (?) organizzati (organizzati per attendere il risultato delle partite…magari sotto le scalinate), ancora da coloro che hanno contribuito a creare un clima, che definire di rancore e sfiducia è usare un eufemismo, infine della proprietà, che non ha saputo scegliere e intervenire al momento giusto. L’autocritica farebbe crescere, maturare e godere del calcio…..ma noi abbiamo sempre chi ci pensa a distruggere. Speriamo di non dover dire “si stava meglio quando si stava peggio”. Continuerò a gridare forza viola….anche se subissato dai fischi (come lo sanno fare… Leggi altro »

marco
Ospite
marco

partiamo da un concetto base – anzi due – : 1)Commisso non e’ meglio dei DV (anzi e’ uno molto più duro di loro) 2)tutto sommato….nel aver cercato un “non” scemo del villaggio ci hanno fatto un favore (quindi pur capendo che la loro epoca e’ finita non si capisce il perche la ggggente continui ad infamarli) detto questo chi pensa che il futuro sia tutto rose e fiori…e’ uno destinato ad avere grand delusioni…. (un po come chi crede che la povertà possa essere debellata da un decreto del governo e…cioè’ e’ solo uno che ha tanto prosciutto sugli… Leggi altro »

user
Ospite
user

I trolls hanno rotto il giocattolo che significa esattamente?
Dicci dicci…

user
Ospite
user

A parte gli scherzi ragazzi ma è vero,cosi almeno dicevano ad una radio o un giornale non ricordo bene,che dopo un sondaggio veniva fuori che i sostenitori dei DV non sono di Firenze e mediamente sono gente molto giovane? Avete sentito niente in proposito?

Aristotele
Tifoso
Sizza

Che sia gente molto giovane , ma parecchio , si capisce dal tipo di scrittura , non mi stupisce nemmeno il fatto che i più , vengano da fuori . Noi fiorentini si contesta tutto e l’ incontrario di tutto . Ragione o torto non importa , l’importante è contestare .

Mario
Ospite
Mario

Investire, in italiano, significa che si mettono dei soldi per poi averne di più. Ed è quello che i Della Valle hanno fatto!

Ezio
Ospite
Ezio

Loro ci avranno anche messo i soldi; 200 o 3oo milioni, La cosa non ha molta importanza. Sta di fatto che di quei soldi ne recuperano un bel po’. Considerando anche il ritorno che hanno avuto gli sarebbe costato di più fare la pubblicità su Carosello. I tifosi allora quanto avrebbero speso in questi 17 anni? Questi si che sono a babbo morto e perduti definitivamente, ma è logico che la passione non fa di questi calcoli. Metteteci tutte le voci in entrata a partire dalle TV, biglietti, trasferte, gadget e tutta la giostra che ci gira intorno ad una… Leggi altro »

A parer mio
Ospite
A parer mio

Gli “irreprensibili” tifosi lenzuolai si sono trasformati in LECCOROCCO senza se e senza ma !

biascia intingoli
Ospite
biascia intingoli

ah a…..i LECCOROCCO è fantastico !!!

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

riecco all access… TAAAAC SGAMATO!!!

Ravel
Ospite
Ravel

Dai, su. Tutti a scaricare i della valle. All’italiana.

lorenzo
Ospite
lorenzo

Mai caricati, a Vercelli, nostalgico

Articolo precedenteSerie B, che rimontA del Verona: 3-0 al Cittadella, Hellas promosso
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI