Frattura Pioli-società, ma lo spogliatoio è con l’allenatore

51



Le parole del tecnico e la risposta della società hanno destabilizzato il gruppo, che però resta con Pioli in questo momento complicato.

Da una parte c’è Pioli, dall’altra la società. Come due rette parallele, che non si incontrano mai. E se invece si trovano non hanno più punti in comune. L’addio a fine anno, non annunciato ma certo, dell’allenatore sta incidendo sul rendimento della squadra. Ieri è arrivata la sconfitta contro il Frosinone, ma Pioli rimarrà sulla sua panchina. In mezzo a questa totale assenza di certezze c’è tutto il resto: i punti persi, la classifica sgonfia e una squadra che si sta perdendo. Così scrive il Corriere Fiorentino.

FRATTURA. Sono lontani i tempi dell’unità di intenti, in cui Pioli ha avallato pubblicamente anche le scelte su cui, almeno apparentemente, non era del tutto d’accordo. La faglia che si è creata ha un’origine ben precisa. «So già cosa farò al termine di questa stagione» disse lui dopo il pareggio contro la Lazio. «Parole illogiche» fu la risposta del presidente Mario Cognigni. Rottura. Questo episodio non è piaciuto alla squadra e si è tradotto in un momento di grande difficoltà. «Lo scambio fra l’allenatore e la proprietà non ha fatto bene allo spogliatoio — ha detto a fine partita il capitano Pezzella, ancora arrabbiato per la sconfitta — Non va bene quando queste cose escono fuori dal centro sportivo. Noi giocatori siamo tanti, l’allenatore è uno: quando le cose vanno male le colpe vengono sempre date all’allenatore. È inutile sottolineare che noi siamo con lui».

SPOGLIATOIO. Restano molti interrogativi su come Pioli e la squadra potranno uscire da questa lunga astinenza di vittorie casalinghe (l’ultima a metà dicembre contro l’Empoli) e a due settimane circa dalla partita di Bergamo. Pioli, già sicuro di proseguire altrove la sua carriera il prossimo anno, resta sospeso. Lui è convinto di poter preparare il riscatto contro il Bologna, la trasferta in casa della Juventus e la partita di Coppa Italia. Con la certezza che lo spogliatoio per ora è dalla sua parte, nelle prossime 48 ore affronterà con la società il discorso sul suo futuro.

51
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Ezechiele 25:17
Ospite
Ezechiele 25:17

Urca, si vede da come giocano che sono con l’allenatore…..se erano contro Pioli allora che facevano? Svenivano a ripetizione?

Horsenoname
Tifoso
Horsenoname

Nel senso che stavano tutti al CTO per far curare la frattura ?

Augusto
Ospite
Augusto

Se la squadra sta con Pioli lo dovrebbe dimostrare in campo. Troppo facile schierarsi con il tecnico a parole: ci vogliono i fatti!!!

Arminio
Ospite
Arminio

Non è solo lo spogliatoio ad essere con Pioli. Anche qualche milionata di tifosi.

Roquefort
Ospite
Roquefort

Ma si cambiamo allenatore, magari il prossimo riesce a far diventare Lafont un muro, Laurini un terzino che difende corre e crossa, Dabo un regista coi fiocchi, Simeone un cecchino infallibile e soprattutto riesce a far sudare Gerson in una partita che sia contro la Roma

I soliti idioti
Ospite
I soliti idioti

Pioli ha solo il grande merito di avere unito il gruppo dal lato umano ed è ovvio che i giocatori sono con lui. Ma ormai è demotivato e così anche i giocatori che hanno capito che non ci sono obiettivi e progetti futuri. La Coppa è solo una scusa per tirare avanti e questo fa vergogna. Con questa scusa di pensare solo a questo obiettivo da 2 mesi abbiamo assistito ad spettacoli e umiliazioni indicibili in campionato ed è inaccettabile. Neanche se vincessimo la coppa intercontinentale cambierebbe il giudizio sulla Fiorentina e la sua gestione …capito leccaciabatte?

Franco
Ospite
Franco

se stanno con l’allenatore allora c’è un accordo per il male della Fiorentina se la squadra sta con Pioli sono una banda di buffoni via tutti da Firenze

Veleno
Ospite
Veleno

Come con Prandelli, come con Montella, come con Sousa…

Deaffy
Tifoso
Deaffy

Scusate: cerco da ieri le dichiarazioni di Pezzella (un video o un audio) per capire cosa abbia detto a microfono accesso. Ne trovo soltanto in cui lui dice che “hanno patito la situazione”; dice che il rapporto è buono e non potrebbe del resto dire altrimenti. Non ne trovo, invece, una in cui dica pubblicamente e inequivocabilmente che “è inutile sottolineare che noi siamo con lui”. Quando l’ha detto? Avete un audio di questa sua dichiarazione? Perchè da un “il rapporto è buono” detto di facciata, a “noi siamo col mister (e quindi contro la società che, fino a prova… Leggi altro »

Jap72
Tifoso
jap72

Come fa una squadra ad esser contro il suo allenatore in questi casi. È ovvio comunque che nello spogliatoio qualcosa serpeggia e ieri è stata un ulteriore prova che in questo momento, ognuno pensa a tutto meno che a Firenze e la Fiorentina!

Articolo precedentePioli in scia Delio Rossi-Mihajlovic: è la terza peggior Fiorentina dell’Era Della Valle
Articolo successivoIeri spettacolo indegno: rassegnazione e tristezza. E i tifosi…
CONDIVIDI