FUORI CAMPO di MASITTO: “Speriamo che l’acquisto di gennaio si chiami…fortuna”

    0



    masittoSiamo ad un giorno dalla chiusura del calciomercato e credo che la società viola sia concentrata a finire di sfoltire la rosa. E quindi su qualche uscita (la prima è stata Vecino, poi Olivera, ma credo che ce ne saranno altre). In entrata faranno qualcosa solo se capiterà l’occasione giusta, anche perché il gruppo viola è già molto competitivo e può fare bene su tutti i fronti. Semmai… speriamo che l’acquisto di gennaio sia… la fortuna. Proprio così, perché credo non si scandalizzi nessuno se si afferma che la Fiorentina è stata la squadra più sfortunata del campionato, visti gli infortuni a catena capitati a giocatori importanti. Troppo importanti.

    E a proposito di giocatori importanti: l’aver appreso che Pepito Rossi non si dovrà operare, è stata una bellissima notizia. Ho tirato un sospiro di sollievo. Davvero. Adesso il suo rientro dipenderà da come reagirà il ginocchio alle terapie, ma dipenderà anche dal suo carattere. Da quanto sarà forte. E seppur sia giusto non mettergli fretta, sono convinto che sarà proprio lui l’uomo in più per il rush finale che affronterà la Fiorentina. E se sarà così, sarà devastante… Intanto c’è da sottolineare la forza della Fiorentina, perché ha saputo reagire a tutta questa sfortuna: se una squadra come quella viola si trova in questa posizione di classifica nonostante tutto, significa che alle spalle c’è un grande lavoro tattico.

    Ma facciamo un passo indietro e torniamo alla partita di domenica scorsa col Genoa. È stato un vero peccato pareggiare quel match perché, al di là del fatto che la squadra di Gasperini è veramente tosta (e lo ha dimostrato anche a Firenze), gli episodi hanno influito negativamente, hanno fatto la differenza. Insomma, gli uomini di Montella, in questo momento, devono essere più forti anche della sfortuna se vogliono agguantare il Napoli al terzo posto in classifica. Rimanendo al match di domenica scorsa, vorrei sottolineare l’esordio di Anderson. È stato buono, positivo. Ha dimostrato personalità e il tecnico gigliato ha fatto bene a metterlo subito dentro. Così come aveva fatto bene a schierare subito Matri a Catania. Anderson, secondo me, sarà un giocatore molto molto utile da qui a fine stagione. La partita di Cagliari? Sarò retorico, ma difficile. Ma se la Fiorentina sarà la vera Fiorentina…

     

     

    Commenta la notizia

    avatar
    Articolo precedenteFiorentina, per la difesa oltre a Dainelli, Diakitè spunta Tonci Kukoc Petraello
    Articolo successivoTelevisione, questa sera torna Viola d’amore
    CONDIVIDI