FUORI CAMPO di ROBBIATI: “Juve agli ottavi? Non vedo favorite. A Parma è decisiva”

    0



    Anselmo RobbiatiIeri in Danimarca si è rivista una squadra viva, non come quella vista nelle ultime partite. È vero, nell’ultimo periodo la fase difensiva lascia un po’ a desiderare, ma le cause sono da ricercarsi nelle assenze e nel fatto che Montella sta cambiando spesso uomini e modulo. Ho sentito sminuire un po’ la vittoria ottenuta contro l’Esbjerg, squadra decisamente abbordabile. Ma attenzione, anche le partite contro compagini alla portata nascondono insidie e se non le si affrontano psicologicamente al meglio, si rischia di fare una brutta figura. Come è successo alla Lazio contro il Ludogorets, per esempio… Invece la Fiorentina ha dimostrato sempre di avere la mentalità giusta. E questo è un grande merito.

    Gli ottavi di finale contro la Juventus? Io non credo ci siano favorite quando si arriva a  disputare certe partite. E la Fiorentina non deve pensare di partire come sfavorita, anche perché è l’unica squadra del campionato che è riuscita a batterla la Juve (poi è successo anche alla Roma in Coppa Italia). Insomma, i viola hanno dimostrato di essere all’altezza dei bianconeri. È logico che sulla carta sarà una partita difficilissima… ma lo sarà per entrambe. Poi sarà il campo a dire chi sarà la favorita. Certo… un po’ dispiace che una partita del genere arrivi agli ottavi. Sarebbe stato meglio più avanti…

    Ma prima di pensare agli ottavi di Europa League c’è da giocare il ritorno contro l’Esbjerg e, ancor prima, la trasferta di Parma. Una partita, quella del Tardini, che in qualche modo potrebbe essere decisiva per la lotta Champions, se si pensa che il Napoli (a 6 punti di distanza) giocherà in casa contro il Genoa, un avversario a mio modo di vedere più abbordabile, in questo momento. Perché il Genoa è più abbordabile del Parma? Per gli emiliani parlano i 12 risultati utili consecutivi. La squadra di Donadoni sta disputando un’ottima stagione ed ha giocatori di qualità che possono risolvere la partita in qualsiasi momento. Anche il 4-0 di Bergamo è un segnale di forza, la dimostrazione che in rosa ha giocatori tecnicamente forti e abili nelle ripartenze. Soprattutto la Fiorentina dovrà fare attenzione a Biabiany, oltre che a Cassano. Insomma, la Viola dovrà tirar fuori il meglio di sé per portar via un risultato utile da Parma. Per fare punti.

    Gomez? Sta arrivando il suo momento. Ancora non è al massimo, ma ha già dimostrato che può essere pericoloso. Poi ci sono i vari Matri, Ilicic etc, ma ora è il tedesco che deve prendere campo ritrovando minutaggio e continuità. Perché è un grande giocatore, uno che dà profondità, che dà presenza in attacco. Si fa sentire. Non so se partirà titolare a Parma, ma di certo è una carta in più per Montella che, però, adesso credo abbia più problemi in fase difensiva che offensiva, visto che i gol, bene o male, i viola li hanno sempre fatti.