Gandini-Scolari per il ruolo di AD. Ma Commisso pensa anche ad un manager americano

4



Esperienza con la Uefa per l’ex Milan, Scolari ha incontrato Rocco a Milano. Ma potrebbe essere scelto un manager di fiducia.

Rientrato negli Stati Uniti, Rocco Commisso continua la ricerca del profilo giusto per il ruolo di amministratore delegato della Fiorentina. Serve un dirigente che lo rappresenti in città, un uomo forte anche al cospetto delle istituzioni del calcio. I candidati, al momento, sono due. Da una parte Umberto Gandini e dall’altra Luca Scolari, scrive il Corriere Fiorentino. Il primo ha lavorato per oltre venti anni col Milan ed ha esperienza e contatti con il mondo Uefa. Sarebbe un ottimo gancio anche per presentare la nuova proprietà nella sua credibilità e ottenere fiducia dall’organo di controllo per concedere un po’ di elasticità alla Fiorentina in sede di mercato.

MANAGER. L’altro nome è quello di Luca Scolari, manager con esperienze di varia natura nel mondo dello sport. L’ultima risale a un paio di settimane fa: è stata sua la regia della nascita del Davide Astori Playground, il campo di calcio regalato alla città di Betlemme in onore del Capitano viola. Prima che Commisso rientrasse a New York, lo ha incontrato a Milano. Non sono da escludere mosse a sorpresa. Chi arriverà dovrà lavorare a stretto contatto con Joe Barone.

ALTERNATIVA. Non solo Gandini e Scolari però. Come scrive La Gazzetta dello Sport, Commisso sta anche pensando di assegnare questo ruolo a un manager americano di sua totale fiducia.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Massimo Bianchi
Ospite
Massimo Bianchi

Per me ci mette un parente di Al Capone.
Max

Purpleisthecolor
Ospite
Purpleisthecolor

Gandini, e basta. Viene dal Milan, non da squadrette.
E poi con sta storia di Betlemme, ma che si fa il presepe?
Forza Rocco!

conte_mascetti
Ospite
conte_mascetti

SCUsate l’ignoranza………… ma a cosa serve l’ad? c’e’ barone + antognoni+prade+ripa…………… basta questi 4

Pippo
Ospite
Pippo

BAsta che il manager americano non si chiami Cognignys, poi va bene tutto.

Articolo precedenteCorvino: “DV, cessione rapida perché società sana. Arrivai con 38 mln di rosso e ingaggi a 72 mln”
Articolo successivoBarone ha incontrato Batistuta: subito scintilla. E con Commisso…
CONDIVIDI