Gasp, visto che succede? Chiesa paga la fama di ‘simulatore’. Domenica ‘derby’ con Immobile

110



Federico Chiesa si è preso un giallo eccessivo. E i retropensieri vanno alle accuse di Gasperini. Che si è ripetuto su Immobile

PREGIUDIZI? SPERIAMO DI NO Dalle accuse di essere un simulatore, mai ritrattate e anzi, confermate e rincarate, di Gian Piero Gasperini nei confronti di Federico Chiesa è ormai passato più di un anno. Eppure, come era prevedibile, quando ti attaccano nomee ed etichette, anche a distanza di tempo, i pregiudizi rimangono. Capita così che il 25 viola si becchi un giallo eccessivo da Calvarese al Rigamonti, e che i retropensieri vengano spontanei. Paga la fama di simulatore che gli è stata attribuita da Gasperini? Più volte è stato chiesto ieri sera a Daniele Pradé e Vincenzo Montella nel post gara di Brescia-Fiorentina. Risposte diplomatiche, come quella del ds viola: “Speriamo proprio di no, e che non c’entrino pregiudizi”. 

GASP, VISTO CHE SUCCEDE? Nonostante Chiesa non abbia assolutamente reclamato il rigore, dicendo chiaramente al direttore di gara di essere solo caduto, Calvarese, da sempre sensibile al tema delle simulazioni, non ci ha pensato due volte ammonendo l’attaccante della Fiorentina. Celebre il doppio giallo estratto dal fischietto di Teramo a Cuadrado in un Fiorentina-Napoli che costò la squalifica al colombiano, nonostante fosse rigore netto. Ma allora non c’era il Var. E se sul tema, allora, si era schierata a difesa del gioiellino viola tutta la società gigliata, portando anche Pioli ad avere un diverbio in campo, e dialettico, con lo stesso Gasperini, anche Montella tornò sull’argomento dopo il tuffo di Mertens in Fiorentina-Napoli alla prima giornata. Per una polemica che difficilmente troverà la parola fine in breve tempo. Il tema, infatti, è annoso.

DA CHIESA A IMMOBILE Il tutto al termine di una giornata di campionato che ha visto il tecnico della Dea scivolare di nuovo in accuse del tutto ineleganti, ancora sullo stesso tema, nei confronti di Ciro Immobile. E come in occasione di quel Fiorentina-Atalanta, anche a questa tornata, sono arrivate le critiche alle parole dello stesso Gasp da colleghi, addetti ai lavori e istituzioni. L’ultimo il Presidente degli arbitri Marcello Nicchi. Il manager dell’attaccante della Lazio ha tuonato: “Le dichiarazioni di Gasperini sono gravi e inaccettabili, Ciro era arrabbiato perché arrivano da un allenatore esperto, non da un tifoso. Non è un simulatore e dà fastidio essere tirati in ballo a sproposito. Se cade o inciampa in area la prossima volta, pensate a Firenze, cosa succede”. Il tutto con comunicati di accuse e repliche. Come quando la Fiorentina replicò nel dopo gara contro l’Atalanta, anche la Lazio ha fatto lo stesso: inaccettabile offesa alla professionalità e alla correttezza di un giocatore come Ciro che non ha mai fatto ricorso a simulazioni nel corso della sua carriera”, con replica ieri del tecnico nerazzurro: “Quel comunicato è demenziale”, e della società bergamasca: “diritto di critica legittimo”.

CADERE NON E’ SIMULARE Cadere in area di rigore, insomma, per Federico Chiesa è ormai diventato un tabù. Come se ogni caduta fosse sinonimo di volontà di simulare. E non è bastato essere accompagnato da fischi e buu a Bergamo (o Parma dove giocava la Dea a inizio anno) in maniera immeritata per le doti umane di Chiesa stesso a far fare retromarcia al Gasp, o a ritrattare, o ad invitare i propri sostenitori ad atteggiamenti più civili. Anzi. Il copione che sta andando in scena, anche con Immobile, che domenica sarà di scena proprio al Franchi con Chiesa dall’altra parte in una specie di ‘derby’, si sta ripetendo.

110
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Oranje
Ospite
Oranje

Sono due giocatori che ci provano. Anche in maniera non tanto inteligente (Chiesa). Quanto a Immobile, basta sfiorarlo per farlo cadere e quasi sempre fischiano il rigore. Il primo rigore vs la Dea è vergognoso. Il ns Chiesino invece, nonostante la situazione, non ha cambiato minimamente atteggiam in campo in questi anni. Se alcuni diranno che è sintomo di intelligenza, io dico che è sintomo di scarsa arguzia. Se si facesse un po’ più furbo nel protestare o cadere, eviterebb tante critiche. Premesso che l ammoniz di Brescia era ridicola.

Angelo
Ospite
Angelo

ANGELO VIOLA

Non capisco il perché dopo che la Fiorentina comincia a girare meglio gli arbitri cominciano a massacrarloa.. Mi piacerebbe sapere che timore abbiano. sicuramente sono in malafede. Sicuramente ci scommettono contro.. non è che uno vuol pensare male.Una parte di colpa diamola pure a quel piagniucolone di Gasperini.. che gli hanno regalato un rigore contro il Manchester City. Il bello é che l’ atalanta se ne prenderá un sacco..ciao ciao Europa..

san drino
Ospite
san drino

Gasperini un giorno si ritroverà sommerso da tuttalamerda che ha seminato in giro per l’italia.

Torino Viola
Ospite
Torino Viola

Simulazione é un giocatore che si butta. Tipo Chiesa ieri. Giallo giusto.

Davide
Ospite
Davide

È un articolo ridicolo che umilia i giornalisti sportivi….

Mattolini
Ospite
Mattolini

Non mi risulta che ciò che è stato fatto per Chiesa abbia precedenti, sarebbe però perverso che alla prossima ammonizione in campionato per il medesimo motivo (simulazione) non si faccia lo stesso. Inoltre se esiste questa “nuova regola ??? ” dovrebbe essere applicata dalla prima giornata e non a torneo in corso. Ergo una multa per Mertens ( va bene pure se in ritardo) non farebbe sembrare quella comminata a Chiesa molto discriminatoria. Ricordo che rispetto a Chiesa Mertens non fu ammonito ma si guadagnò un rigore salvo poi far dire a Rizzoli e Co. che avevano sbagliato tanto è… Leggi altro »

Ezio
Ospite
Ezio

Penso che la maggioranza di coloro che criticano Chiesa lo facciano perché vorrebbero da lui un salto di qualità. Lo sanno anche i sassi che Chiesa ha una data di scadenza e non sarà con noi per molto; penso che a molti girino le OO perché il tempo stringe. Io sarei il primo a rimpiangerlo, ma così com’è ora no di certo. Sarei anche il primo a rimanerci male se diventasse un crack dai gobbi.

Andrea
Ospite
Andrea

Chiesa si butta giusto ammonizione. Articolo solo chiacchiere x difendere il sistema più seri x favore, grazie

vadawaigo
Ospite
vadawaigo

gasp che succede? succede che se ti danno un rigore inesistente contro, come il primo di Immobile, è giusto che la società o l’allenatore si faccia sentire, come abbiamo sempre preteso anche noi.
Quella di Chiesa è una simulazione involontaria, ha un po l’istinto di farlo, infatti se ne rende conto subito anche lui, ma la simulazione rimane e il giallo è giusto. E questo articolo non ha senso.

Giorgio
Ospite
Giorgio

Non sono tifoso della viola ma tifosi così li vorrei nella mia. Complimenti

fabri
Ospite
fabri

Dopo aver letto molti commenti e “mi piace”, continuo a pensare che chi critica Chiesa non voglia sicuramente il bene della Fiorentina. Può darsi che il ragazzo abbia ancora dei difetti e dei movimenti da migliorare (anche se giocare nel vuoto dell’attacco viola è difficile), però non capirne l’impegno e il potenziale vuol dire o non aver MAI giocato a calcio ; oppure sono tifosi di un’altra squadra e si augurano che Chiesa vada da loro. Cristoforo e Gil Diaz, quella è la squadra adatta per voi.

Articolo precedenteChiesa-Badelj sottotono. Erano in dubbio. Ma sono stati loro a chiedere di giocare
Articolo successivoCaceres-Pezzella-Milenkovic: tre moschettieri per Dragowski, imbattuto per la seconda di fila
CONDIVIDI