Gennaio il tabù di Montella e dei Viola: invertire il trend per inseguire la Champions

    0



    Montella Sassuolo-FiorentinaManca ormai davvero poco alla ripresa del campionato. Le feste sono passate, e dopo il week end di pausa la Serie A tornerà in campo tra il 5 ed il 6 gennaio. In più, qualche giorno più tardi, entrerà nel vivo anche la Coppa Italia, con le gare valide per gli ottavi di finale. Un mese, quello di gennaio, storicamente indigesto per la Fiorentina. Per Montella, il primo mese dell’anno è addirittura un tabù: tra Catania e Fiorentina (a Roma l’Aeroplanino iniziò da febbraio), il tecnico di Pomigliano d’Arco non è mai riuscito a vincere alla ripresa della stagione dopo le feste natalizie. Due sconfitte, a Bologna e Udine, ed il pari in casa con il Parma sulla panchina siciliana, ko contro Pescara (casa), Udinese (fuori), Catania (fuori), il pari con il Napoli (casa), più lo 0-1 di Coppa Italia con la Roma al Franchi per il Montella fiorentino. Un totale di 8 sfide fatte di 6 sconfitte e 2 pareggi nelle gare di gennaio: il mese di gran lunga con il peggior rendimento di risultati per l’Aeroplanino.

    INVERTIRE IL TREND NEGATIVO – Per rimanere in corsa per la Champions, dunque, la Fiorentina dovrà dare una netta sterzata al percorso di gennaio totalizzato nella passata stagione. Ma anche prima di Montella la compagine viola, nell’Era Della Valle in Serie A, ha fatto non poca fatica nelle gare di gennaio. Negli ultimi tre anni solo 3 vittorie nelle 15 gare giocate nel primo mese dell’anno, mentre in generale, dal 2004/2005 (anno del ritorno in Serie A con i Della Valle), la Fiorentina ha giocato 48 partite nel mese di gennaio, con un bilancio di 16 vittorie, 10 pareggi e 22 sconfitte, 59 gol fatti e 65 subiti per 58 punti conquistati ed un rendimento di 1.2 punti a partita. Troppo bassa, questa media, per restare attaccati quest’anno alla zona Champions: la squadra di Montella dovrà fare decisamente meglio sia dell’anno scorso che dell’intera Era Della Valle per continuare la rincorsa al terzo posto. Al rientro dalla sosta natalizia, infatti, il calendario viola prevede 6 potenziali partite nel mese di gennaio (nel giro di 20 giorni): il 5/01 in casa con il Livorno, l’8/01 la sfida di Coppa Italia con il Chievo ancora al Franchi, domenica 12 gennaio il lunch match a Torino con i granata per l’ultima gara di andata; il 19 gennaio, poi, la prima di ritorno a Catania, mentre il 23/01, in caso di vittoria contro il Chievo, ci sarebbe la gara dei quarti di Coppa Italia contro una tra Catania e Siena (in trasferta); il 26 gennaio, infine, la sfida con il Genoa in casa. Cinque/sei appuntamenti da non fallire per continuare la corsa al terzo posto e portare avanti l’obiettivo di un trofeo tangibile come quello della Coppa Italia.

    Il primo avversario del 2014 si chiama Livorno: una partita che, per molti versi, fa tornare gli spettri della debacle clamorosa con il Pescara della passata stagione. Nessuno vuol ripetere gli errori commessi contro gli abruzzesi, ma anche il questo caso, allargando gli orizzonti, la Fiorentina ha un rendimento storicamente molto basso al primo appuntamento del nuovo anno. Nell’Era Della Valle in Serie A, dal 2004/2005 ad oggi, nelle 9 partite di inizio anno la Fiorentina ha vinto soltanto 3 volte: l’ultima risale alla prima gara del 2012, quando i viola espugnarono Novara 3-0 con doppietta di Jovetic e gol di Montolivo. Gli altri successi, invece, furono il 5-1 nel derby con il Siena alla prima del 2010 (andarono a segno Kroldrup, Santana, Gilardino (2) e Mutu) e il 2-1 a Parma nel 2008 con doppietta di Mutu. Per il resto, tre ko (0-2 contro il Pescara nel 2013, 1-2 con il Lecce nel 2009, 0-1 a Bergamo nel 2005) e tre pareggi contro Bologna (1-1 nel 2011), Sampdoria (0-0 nel 2007) e Reggina (1-1 nel 2006).

    Ecco il riepilogo dei risultati della Fiorentina nelle gare di gennaio nell’Era Della Valle in Serie A. Un percorso fatto di 48 partite con 16 vittorie, 10 pareggi e 22 sconfitte. Rendimento da migliorare per inseguire l’obiettivo Champions League…

     

    2012/2013

    Fiorentina-Pescara 0-2 (Serie A)

    Udinese-Fiorentina 2-1 (Serie A)

    Fiorentina-Roma 0-1 (dts, Coppa Italia)

    Fiorentina-Napoli 1-1 (Serie A)

    Catania-Fiorentina 2-1 (Serie A)

    2011/2012

    Novara-Fiorentina 0-3 (Serie A)

    Roma-Fiorentina 3-0 (Coppa Italia)

    Fiorentina-Lecce 0-1 (Serie A)

    Cagliari-Fiorentina 0-0 (Serie A)

    Fiorentina-Siena 2-1 (Serie A)

    2010/2011

    Bologna-Fiorentina 1-1 (Serie A)

    Fiorentina-Brescia 3-2 (Serie A)

    Napoli-Fiorentina 0-0 (Serie A)

    Fiorentina-Lecce 1-1 (Serie A)

    Lazio-Fiorentina 2-0 (Serie A)

    2009/2010

    Siena-Fiorentina 1-5 (Serie A)

    Fiorentina-Bari 2-1 (Serie A)

    Fiorentina-Chievo 3-2 (Coppa Italia)

    Fiorentina-Bologna 1-2 (Serie A)

    Fiorentina-Lazio 3-2 (Coppa Italia)

    Palermo-Fiorentina 3-0 (Serie A)

    Cagliari-Fiorentina 2-2 (Serie A)

    2008/2009

    Fiorentina-Lecce 1-2 (Serie A)

    Milan-Fiorentina 1-0 (Serie A)

    Juventus-Fiorentina 1-0 (Serie A)

    Fiorentina-Napoli 2-1 (Serie A)

    2007/2008

    Parma-Fiorentina 1-2 (Serie A)

    Fiorentina-Ascoli 2-0 (Coppa Italia)

    Torino-Fiorentina 1-2 (Serie A)

    Lazio-Fiorentina 2-1 (Coppa Italia)

    Empoli-Fiorentina 0-2 (Serie A)

    Fiorentina-Lazio 1-2 (Coppa Italia)

    2006/2007

    Sampdoria-Fiorentina 0-0 (Serie A)

    Inter-Fiorentina 3-1 (Serie A)

    Fiorentina-Livorno 2-1 (Serie A)

    2005/2006

    Reggina-Fiorentina 1-1 (Serie A)

    Juventus-Fiorentina 4-1 (Coppa Italia)

    Fiorentina-Chievo 2-1 (Serie A)

    Sampdoria-Fiorentina 3-1 (Serie A)

    Fiorentina-Messina 2-0 (Serie A)

    Udinese-Fiorentina 0-0 (Serie A)

    2004/2005

    Atalanta-Fiorentina 1-0 (Serie A)

    Fiorentina-Lazio 2-3 (Serie A)

    Parma-Fiorentina 0-3 (Coppa Italia)

    Brescia-Fiorentina 1-1 (Serie A)

    Fiorentina-Roma 1-2 (Serie A)

    Roma-Fiorentina 1-0 (Coppa Italia)

    Cagliari-Fiorentina 1-0 (Serie A)