Gerson: “Grato a mio padre e alla mia famiglia. Obiettivo stagionale? La Nazionale brasiliana”

18



Il centrocampista gigliato racconta il suo passato alla tv brasiliana.

In un’intervista rilasciata al portale brasiliano ESPN, il centrocampista della Roma in prestito alla Fiorentina, Gerson, racconta il suo passato. Queste le sue parole:

Infanzia“Ho avuto un’infanzia molto complicata. Mio padre a volte ha preso in prestito denaro per portarmi ad allenarmi. Anche senza niente, mi ha dato tutto il supporto. Mia madre teneva unita la famiglia. C’è stato un tempo in cui mio padre ha dovuto lasciare il suo lavoro per accompagnarmi. Era troppo difficile. Mio padre mi diceva che  vedeva il talento in me. Ha scommesso molto  su di me e mi ha dato tutto per diventare un giocatore professionista. Ha camminato con me su e giù”.

Padre“Devo molto a mio padre per quello che sono oggi. Grazie ai suoi sacrifici ho potuto realizzare il mio sogno. Abbiamo camminato a lungo fino alla fermata dell’autobus e abbiamo preso diverse stazioni. Sono grato di aver passato tutto questo”.

Flamengo- “Mi sono messo in mostra e sono stato invitato a un provino nella squadra di futsal del Flamengo. L’ho superato e sono riuscito a rimanere lì un anno. Dopo di che non riuscivamo a sostenere i costi e ho dovuto lasciare il Flamengo. Poco dopo il mio addio al Flamengo, il Fluminense mi è venuta a cercare aiutandomi anche economicamente e sono riuscito a legare la mia storia a quella del club per 11 anni”.

Sudamericano Sub-20 e nazionale– “Vestire la maglia della nazionale brasiliana è sempre un orgoglio per ogni giocatore. Essere tra i migliori giovani in un Paese con un numero elevato di grandi giocatori è sensazionale e gratificante. Sono stato in grado di maturare molto e farmi anche degli amici. Spero di essere convocato nella nazionale maggiore. Questa è l’obiettivo  di questa stagione”.

Fluminense– “Sono arrivato in un momento in cui, grazie a Dio, ho avuto il sostegno e l’affetto di molti giocatori esperti come Fred, Gum, Diego Cavalieri, Conca e altri. Affetto e supporto di questi ragazzi e questo ha indubbiamente facilitato il mio adattamento nei professionisti. Ci sono stati molti momenti meravigliosi. Sono grato al Fluminense per tutto quello che mi ha dato. E’ stato il club che mi ha professionalizzato e, in un certo senso, mi ha plasmato come un uomo. Il Fluminense è stato il trampolino per essere oggi in Europa, per aver difeso la squadra brasiliana e per avere tutto ciò che ho. Ero molto felice e ho un grande affetto per tutti nel club “.

Ronaldinho “E ‘stato un sogno diventato realtà giocare accanto a uno dei più grandi nel mondo del calcio e un grande idolo. E’ stato un periodo che mi ha fatto crescere. Ha sempre cercato di darmi consigli ogni giorni. Un volto fantastico che sarà segnato per sempre nella mia carriera. Aveva già vinto tutto e è arrivato con un’umiltà insolita. Mi ha insegnato molto e gli sono molto riconoscente”.

Fluminense“Sono riuscito a fare una buona prima stagione e ho avuto alcune proposte, tra cui quelle della Roma. Quando un grande club europeo, come la Roma, è interessato a te non ci pensi due volte. Un grande club, con grandi giocatori e le migliori competizioni”.

Famiglia“Tutto ciò mi ha plasmato come persona. Sono attaccato alla mia famiglia e il mio successo oggi, lo devo a loro. Nutro grande gratitudine per loro e per tutti quelli che mi hanno aiutato. Molti vedono solo ora che sono qui in Europa, ma è già molto difficile arrivare qui”.

 

18
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Giovanni
Ospite
Giovanni

Vediamo se questo riesce ad essere la sorpresa della stagione, mi incuriosice

Denise Maranesi
Ospite
Denise Maranesi

Gerson non parlare sempre della Fiorentina!

Andrea
Ospite
Andrea

Per arrivare in nazionale deve per forza di cose fare una grande stagione con la Fiorentina, quindi speriamo che arrivi in nazionale no?

GiacomoRoma
Ospite
GiacomoRoma

Umiltà questa sconosciuta…

Epicuro
Ospite
Epicuro

L’umiltà lasciala a Ceccherini.

danielbertoni
Ospite
danielbertoni

Questi brasiliani hanno tutti una storia strappalacrime. Prima Hugo, ora Gerson. Comunque, almeno Hugo è un vero giocatore di calcio, e fortunatamente è nostro, questo più parla e più ne parlano e più mi sembra invece il classico brasiliano che ha sempre la testa da un’altra parte. Ho l’impressione che la Roma abbia preso una bella sola, come dicono da quelle parti. Intendiamoci, si vede che sa giocare a pallone, ma ho l’impressione che sia uno dei tanti che sanno giocare ma spariscono dalla circolazione perché la testa non si accoppia con i piedi.

CoccodrilliViola
Tifoso
Coccodrilli Viola

Graças ao Google translator, o mundo inteiro é um país.

Ma almeno le concordanze maschile/femminile potevate correggerle

Miglio
Tifoso
Miglio

Ma lascia stare… Manco uno che ha fatto tre lezioni di Babbel farebbe una traduzione così!

emilio
Ospite
emilio

… SPERIAMO NON SIA UNA BUFALA…. BRASILIANA… CE NE SONO ANCHE LA !!!!

Lapalisse2
Tifoso
Lapalisse2

Non sarà una volpe dialettica ma si capisce che intervistato da un sito brasiliano parli del sogno di arrivare alla nazionale, non in EL con noi. Comunque ora è qui, se davvero vuole andare in nazionale se la deve conquistare convincendo con la maglia viola. Auguri Gerson e saluti anche al cugino.

jack_ryan
Ospite
jack_ryan

Questo non ha ancora capito che ci sta a fare a Firenze e non vede già l’ora di togliere le tende…

Dickens
Ospite
Dickens

Ah per un attimo come obiettivo stagionale pensavo tu dicessi il 3 posto….

Massimo Bianchi
Ospite
Massimo Bianchi

Obbiettivo personale: la nazionale.
Della serie, penso ai fatti miei e della squadra mi frega il giusto.
Iniziamo bene,
Speriamo !
Un saluto al Viola Club Legnano (MI)

Max

Leo
Ospite
Leo

Se arrivasse a conquistare la nazionale vuol dire che ha fatto un grande campionato con la Viola….ti farebbe schifo??

2z2t
Ospite
2z2t

una cosa è collegata all’altra non credi? se giochi da solo, o sei forte forte, ma ce ne sono una manciata nel calcio di oggi, oppure finisci per fare panchina e quindi la nazionale la vedi in tv o al massimo allo stadio. gerson in un anno in italia non ha dimostrato nulla, è stato un acquisto (per così dire) sulla fiducia. infatti il prestito secco sta a significare questo: nessuno sa ancora fino a che a punto può arrivare o sprofondare, quindi entrambe fiorentina e roma si tutelano con un prestito secco.

Epicuro
Ospite
Epicuro

Leo e 2z2t avete del tempo da perdere. Uno che ragiona così secondo voi merita anche una risposta? È una perdita di tempo, date retta.

sch8les
Ospite
sch8les

Tutto bene, tutto giusto. Mi sfugge però che tutela sia prenderlo in prestito secco.

www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

In bocca al lupo , la tua storia ė molto bella e per Vs fortuna ha un lieto fine … mi immagino quando calciatori hanno fatto i vs sacrifici per non arrivare da nessuna parte …. .. AAAACERCO vecchie maglie Fiorentina anni 80-90 e vecchie sciarpe gruppi tifosi, contattatemi ad [email protected]

Articolo precedenteFiorentina Women’s, Durante convocata in Nazionale per il match con il Belgio
Articolo successivoDabo convocato dal Burkina Faso per la gara con la Mauritania
CONDIVIDI