Gila festeggia il 16° anno in serie A e mette nel mirino Batigol

    0



    Gilardino, Fiorentina-ParmaPochi giorni e riprenderà il campionato. “Era l’ora” dirà qualcuno. E a dare un occhio alle migliaia di persone presenti al Franchi per l’allenamento della Fiorentina di ieri pomeriggio, non ci sono dubbi che Firenze stia vivendo un momento di entusiasmo non indifferente in termini calcistici. Beh, non potrebbe essere altrimenti visto il secondo posto in classifica e la possibilità di allungare il passo sulle dirette concorrenti per un posto in Champions grazie ad un calendario alla portata (almeno sulla carta) che vedrà i ragazzi di Paulo Sousa affrontare prima il Palermo fuori e poi la Lazio in casa prima di capire chi sarà la squadra Campione d’inverno.

    Insomma, il 2016 viola ricomincia dalla Sicilia, dove affronterà una squadra che ha bisogno di punti per allontanarsi dalla zona bassa della classifica, e dove dovrà fare i conti con la voglia di far bene di un grande ex che risponde al nome di Alberto Gilardino. Il bomber di Biella è un attaccante che a Firenze ha lasciato il segno (157 presenze e 63 reti tra campionato, Champions, Europa League e Coppa Italia) e anche un pezzo di cuore. Non è un segreto per nessuno che al Gila sarebbe piaciuto concludere la sua carriera in maglia viola, a Firenze, dove proprio nel 2016 inaugurerà un locale insieme all’amico Dainelli e un altro socio. Ma la Fiorentina, dopo il prestito di sei mesi dal Guangzhou nella passata stagione, ha deciso di non riscattarlo, dunque mercoledì 6 gennaio sarà un avversario. E proprio nel giorno di Palermo-Fiorentina festeggerà i suoi 16 anni di serie A, visto che il suo esordio è datato 6 gennaio 2000: in quel giorno, Gigi Simoni lo gettò nella mischia in un Piacenza-Milan che Alberto non scorderà mai. Lui appena diciassettenne iniziò da lì la sua carriera in serie A (a proposito: Gila è uno dei pochi giocatori a non aver mai giocato in una categoria diversa dalla serie A, mai in serie B, né in C). E da lì ha preso il volo fino a diventare uno dei bomber più prolifici della storia della massima serie.

    Proprio così, ad oggi Gilardino, con 182 gol segnati in 479 gare, è il 12° marcatore della serie A di tutti i tempi e davanti a sé ha il più grande centravanti della storia della Fiorentina, Gabriel Omar Batistuta, fermo all’11° posto della speciale graduatoria con 184 gol segnati in 318 partite. Due sole reti dividono Gila da Bati. E sei lo separano da un’altra accoppiata di goleador di un certo livello, ovvero Beppe Signori e Alessandro Del Piero (entrambi fermi a 188 reti segnate in serie A). Dunque, se è vero che il sogno di Gilardino è quello di raggiungere le 200 reti nella massima serie, non potrà che essere soddisfatto se e quando raggiungerà (e magari supererà) il bomber argentino che ha fatto la storia della Fiorentina prima e più di lui. Auguriamo all’attaccante del Palermo di poter realizzare i suoi sogni. Magari graziando la sua ex squadra e ricominciando a segnare dal prossimo turno, quello del 10 gennaio, che vedrà i rosanero impegnati a Verona contro Toni & Co.

     

    ECCO LA CLASSIFICA DEI CANNONIERI DI SEMPRE DELLA SERIE A

    (in neretto i giocatori ancora in attività nel campionato italiano)

    Silvio Piola 274 gol in 537 partite (media gol a partita: 0,51)

    Francesco Totti 244 gol in 592 partite (media gol a partita: 0,41)

    Gunnar Nordhal 225 gol in 291 partite (media gol a partita: 0,77)

    Giuseppe Meazza 216 gol in 367 partite (media gol a partita: 0,59)

    Josè Altafini 216 gol in 459 partite (media gol a partita: 0,47)

    Antonio Di Natale 208 gol in 435 partite (media gol a partita: 0,48)

    Roberto Baggio 205 gol in 452 partite (media gol a partita: 0,45)

    Kurt Hamrin 190 gol in 400 partite (media gol a partita: 0,47)

    Giuseppe Signori 188 gol in 344 partite (media gol a partita: 0,55)

    Alessandro Del Piero 188 gol in 478 partite (media gol a partita: 0,39)

    Gabriel Batistuta 184 gol in 318 partite (media gol a partita: 0,58)

    Alberto Gilardino 182 gol in 479 partite (media gol a partita: 0,38)