Gilardino: “Firenze ha bisogno di uno come Muriel. Simeone non è una prima punta”

di Angelo Giorgetti - Qs-La Nazione

14



Silvano Galassi

Per l’ex attaccante viola il colombiano è in grado di far impazzire la tifoseria viola. E sarà molto utile anche al Cholito, che per lui non è un centravanti

Lunga e interessante intervista del Qs-La Nazione all’ex attaccante della Fiorentina Alberto Gilardino. Molti i temi trattati: dalla squadra viola di oggi a Luis Muriel, fino al suo futuro da allenatore. Su Simeone l’ex viola ha le idee chiare: non è una prima punta ma l’arrivo del colombiano gli sarà molto di aiuto.

«Eh, mi cercate ora dopo i due gol di Muriel…». Alberto Gilardino scherza al telefono, ha appena cambiato nickname (da «bomber» a «mister») e comincia a riattraversare il calcio dalla parte di chi decide la formazione. Gila fa un nuovo mestiere dopo aver giocato l’ultima stagione in B con lo Spezia: ora è il vice allenatore del Rezzato, provincia di Brescia, Serie D.

Terza posizione in classifica, il mister si chiama Luca Prina e aveva allenato Gila tanti anni fa, nei Giovanissimi della Biellese. Alberto vive a Brescia, ma quando può segue la Fiorentina e non gli è certamente sfuggito quello che ha fatto Muriel contro la Samp. «Se uno si presenta così a Firenze fa impazzire tutti, lo capisco… So che cosa vuol dire, perché ho indossato quella maglia. Brividi veri, gioia pura. Comunque di fronte a due reti del genere ci si può esaltare, lo ammetto».

Meglio la prima o la seconda?
«Segnare il primo gol, passare da lì voglio dire, era difficilissimo. Solo Muriel ha visto quella scorciatoia. Top».

La seconda rete è stata quella che ha fatto saltare in piedi lo stadio.
«Ci credo. Tecnica, forza, velocità, freddezza dopo 50 metri di corsa. Repertorio super e in sequenza, roba da brividi. Un’azione da campione vero, per questo dico che Fiorentina può aver trovato il giocatore che sa tirare fuori il meglio anche dai tifosi. Corvino e i Della Valle sono stati bravi ad anticipare i tempi con Muriel, il mercato di gennaio non è mai facile».

E Simeone?
«So che la sua stagione è stata un po’ complicata, i momenti difficili arrivano per tutti gli attaccanti. Io comunque ho un’idea sul suo ruolo…».

Visto che ora fa l’allenatore, sentiamo.
«Secondo me Simeone non è una prima punta».

Più esterno o seconda punta?
«Secondo me l’arrivo di Muriel gli porterà grandi vantaggi, il Cholito ha bisogno di avere un altro attaccante con cui dialogare, scambiare la palla, costruire situazioni di strappo negli spazi stretti. Comunque bravo Pioli a rischiare subito contro la Samp un trio con Chiesa, Simeone e Muriel. Questo significa saper trovare le posizioni giuste, ma non avevo dubbi perché so quanto sia preparato Pioli».

Gila, cinquantadue reti in maglia viola. Quella a Liverpool nel 2009 fu storica.
«Ci tengo tanto, per me resterà memorabile. Ma penso anche al pareggio segnato contro la Juve, 1-1 su spizzicata di Pazzini… E a quella bella girata di sinistro contro il Genoa, 1-0, oppure alla doppietta in Champions a Lione… Insomma, penso a tante cose quando c’è Firenze di mezzo, perché è il posto dove è stato più bello giocare a calcio».

Ha proprio deciso di smettere?
«Da tre mesi vedo il calcio dall’altra parte e questo ruolo mi piace, studio, imparo, mi aggiorno e mi impegno tanto. La serie D mi sembra una categoria giusta per cominciare, ma spero un giorno di salire… E magari di venire a lavorare per la Fiorentina. Il mio sogno, ma forse si era capito».

14
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Frank_eno
Tifoso
Frank Eno

Cosa sia simeone, in questo momento, è un mistero. Non ha i movimenti da prima punta, non ha dribbling e tiro da fuori per fare l’esterno di attacco, non ha la tecnica e la rapidità di pensiero per fare la seconda punta, né la visione di gioco per fare il rifinitore.
Con queste cifre, si può solo sperare che affini il senso del gol e che la prima punta impari a farla, perché con le sole doti che al momento mi sento di riconoscergli-corsa, esplosività e tenacia-non credo che si vada lontanissimo.

Maiunagioia
Ospite
Maiunagioia

Troppo buono Gila….. Simeone non è ne prima punta ne seconda punta, magari terzino.

Anzi lo vedrei bene largo sulla fascia ….molto largo ….fuori dalla linea laterale ….anzi ti dirrò di più ancora più largo magari oltre la ringhiera ….oltre la recinsione dello stadio in viale Fanti al Bar Marisa con un panino in mano

Albe47
Ospite
Albe47

Bravo Alberto
SIMEONE E’ UNA SECONDA PUNTA solo gli incompetenti di calcio non lo capiscono……serviva un centravanti ..tipo Zapata dell’Atalanta ….invece di comprare 5 mezzecartucce COMPRIAMONE UNO BUONO
VERO PIOLI E CORVINO
CAMBIATE MESTIERE PER FAVORE

birillo
Ospite
birillo

fantastica quella notte a Liverpool…

morello
Ospite
morello

gilardino ha solo in parte ragione perche’ Simeone non è neanche una seconda punta. Troppo scarso tecnicamente

Mario.romano
Member
mario.romano

Simeone purtroppo è in uno stato confusionale . Succede. Belotti , Jguain ecc stanno vivendo la stessa
cosa . Nessuno sa come si esce. Se li mandi in panchina vanno in depressione, Se giocano gli aumenta la pressione dell’ambiente e dei tifosi. Credo che Pioli faccia bene ad affiancargli Muriel almeno continua a giocare ma con una pressione minore visto che c’è anche un altro attaccante con cui dividere le responsabilita’ , Se poi Chiesa facesse qualche gol in più sarebbe ancora meglio perchè si può vincere e quando si vince va sempre tutto bene.

Marco ( Foggia - Italia)
Ospite
Marco ( Foggia - Italia)

DITELO A PIOLI !!! Il cholito sotto porta s’incespica e per fino goffo a volte; è un bravo esterno d’area, ma non letale sotto porta…almeno per ORA!!
Concordo in pieno con GILA

Fabio
Ospite
Fabio

Bada montolivo…. Che faccia…….

l'etrusco
Ospite
l'etrusco

Grande Gila!!

Cicciopalla
Ospite
Cicciopalla

Ma la luce la vedi orA?

Alessandro_Toscana
Tifoso
Alessandro_Toscana

Quella della luce fu una bugia bella e buona fatta dire in conferenza stampa a Rossi da corvino, Gila non voleva andare via ma il fattore gli chiese di cercarsi un’altra squadra causa problemi economici(??) quasi supplicandolo!
Gila non voleva e così si inventarono quella storia.

Marco77
Ospite
Marco77

Non è stato il primo e non sarà l’ultimo. Classica tecnica da mezzi uomini quella di scaricare tutte le responsabilità sugli altri, e il pugliese in questo è maestro

Rocco54
Ospite
Rocco54

Simeone non è una prima punta e lo dice chi PRIMA PUNTA lo è stato, e a alto livello.
Pensiamo se accanto a Chiesa e Muriel ci fosse il Gila nei suoi cenci.
Anzi no, non ci pensiamo, a pensarci si sta male.

Malpelo
Tifoso
Malpelo

Gia, Simeone non è una prima punta! E nemmeno la seconda o la terza! Forse potrebbe giocare da mediano, alla Oriali per intenderci! sfv’57

Articolo precedentePjaca, il Genoa insiste e arriva il sì della Juventus. Attesa per la decisione del croato
Articolo successivoEysseric e Thereau, il loro futuro sarà deciso negli ultimi giorni di mercato
CONDIVIDI