Gomez, il Genoa e quei primi/ultimi lampi in maglia viola insieme a G.Rossi (VIDEO)

    0



    Rossi e Gomez vs GenoaStasera c’è il Genoa per la squadra di Montella. Una partita da vincere, al di là delle difficoltà di formazione tra infortuni e squalifiche, per accorciare ancora sul Napoli e sulla zona Champions. Un avversario profondamente cambiato rispetto al 1 settember 2013, gara di andata contro il Grifone. Allora c’era Fabio Liverani sulla panchina rossoblu, adesso c’è un Gasperini che ha invertito nettamente il trend con 22 punti in 14 partite dando alla squadra una sua fisionomia. Rispetto alla partita di andata, però, grandi cambiamenti anche in casa viola. Il primo è insieme il più evidente ed il più pesante: mancheranno infatti Rossi e Gomez. La coppia da sogno, bramata per tutta l’estate che proprio quel 1 settembre si mise in mostra nella più alta espressione d’intesa tra i due fenomeni viola. Sponda di Gomez e gol di Rossi per il momentaneo 0-2, poi in successione le altre reti di Gomez, ancora Pepito e di nuovo SuperMario. Quattro gol in due che proiettavano la Fiorentina verso le più rosee aspettative offensive.

     

    Invece il sogno tra i due si interruppe al rientro dalle Nazionali due settimane più tardi (contro il Cagliari, il 15 settembre, il crac per il ginocchio di Mario Gomez). Quelli contro il Genoa, dunque, restano fin qui i primi ed ultimi acuti in maglia viola per il tedesco, che adesso freme per rientrare in gruppo. Un vero e proprio tormentone il suo, ma Gomez è il primo a voler rientrare a tutti i costi al centro dell’attacco gigliato. Dovremmo esserci – il condizionale è ancora d’obbligo –: tra un sorriso ritrovato ed una corsa sul campo Gomez si avvicina davvero al rientro con i compagni. Intanto, è passato un girone esatto da quei due lampi insieme alla ‘metà perfetta’ rappresentata da Pepito Rossi. Per rivederli insieme, Mario e Giuseppe, ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma siamo sicuri che un pensiero a quella gara del 1 settembre, stasera, ce lo faranno entrambi, seppur a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro. In attesa di tornare protagonisti, come quella sera di quasi cinque mesi fa, in maglia gigliata.