Gomez-Rossi, si riparte da qui. La situazione Cuadrado…

0



Una giornata lunga ed importante è andata in scena ieri a Firenze. Tra Centro Sportivo, Careggi e Mercato di San Lorenzo, è stato segnato l’inizio ufficioso della nuova stagione. Oggi l’ultima parte delle visite mediche – trafila che ha visto impegnati i viola fin da sabato mattina – e domani, infine, la partenza per Moena, sede del ritiro estivo della Fiorentina. Un ritiro che vedrà protagonisti, giorno dopo giorno, Mario Gomez e Giuseppe Rossi. Come l’anno scorso, più dell’anno scorso, la coppia gol sulla carta più forte del campionato è pronta a prendere per mano la squadra di Montella. Sulla sfortuna di non aver potuto ammirare i due all’opera, insieme, per più dei 261′ iniziali, si è detto e scritto tanto. Del resto, il rammarico è ancora tanto, per quel che sarebbe potuto essere e invece, per colpa della sorte avversa, non è stato. Quest’anno, però, più che mai, saranno proprio loro due i nuovi acquisti top della Fiorentina. Quanto meno, riguardo al reparto offensivo.

Se il fronte Cuadrado, infatti, è ancora tutto da decidere, saranno proprio Rossi e Gomez la base di partenza per la nuova stagione. Il fatto che i due possano lavorare con Montella fin dal ritiro è un vantaggio tutt’altro che da sottovalutare. Le rivali di Serie A, infatti, avranno tanti giocatori che si uniranno a fine luglio con i compagni, mentre a Firenze rientreranno ‘in ritardo’ solo Rebic, Aquilani, e lo stesso Cuadrado. In più, per gli stessi Rossi e Gomez, dopo i lunghi infortuni, sostenere una preparazione approfondita e completa sarà una grande base per il completo recupero fisico. Del resto, subito Gomez, al suo rientro a Firenze, è stato protagonista dell’intensa giornata di ieri: prima le visite mediche, poi il ruolo centrale alla presentazione delle maglie. “Gomez è come un nuovo acquisto per noi, dopo la stagione sfortunatissima. Vai Mario!”, ha caricato il tedesco il ds Pradè. Uno che sul numero 33 viola aveva scommesso tantissimo l’anno scorso, e sul quale punta enormemente anche per questa – decisiva – stagione della Fiorentina. Poi il turno di Super Mario, con l’onore – e l’onere – di indossare la prima maglia, quella viola, con la carica e la determinazione di chi vuole dimostrare – sul campo – di valere i tanti milioni investiti dai Della Valle un anno fa. Se i tifosi viola sono rimasti amareggiati per la sfortunatissima stagione di Gomez, è stato proprio il tedesco il primo ad aver sofferto la situazione, impotente di poter dare un contibuto importante ai compagni in maglia viola ed infine escluso dal Mondiale. “Ho voglia di fare una grande stagione”, ha dichiarato brevemente Gomez. Voglioso, appunto, di dimostrare sul campo quello che può dare alla causa fiorentina.

L’altra metà della coppia viola, Giuseppe Rossi, è atteso invece a Firenze nella giornata di oggi. Partito dall’Italia poche ore dopo l’esclusione da parte di Prandelli per il Mondiale (era il 1 giugno), Pepito farà dunque rientro in città dove sosterrà le visite mediche. L’attaccante viola avrebbe diritto ad altri giorni di vacanza, essendo stato impegnato a Coverciano per dodici giorni dopo la fine della stagione fiorentina, e resta dunque da capire se si unirà con il gruppo di Montella fin da subito o nei prossimi giorni (molto probabile comunque che Pepito parta con i compagni per il Trentino). In ogni caso, sarà proprio Giuseppe Rossi uno dei trascinatori della nuova Fiorentina. Non un nuovo acquisto, perché i 17 gol in 24 partite restano e valgono come bottino di un vero Fenomeno. Ma senz’altro ha pesato tantissimo (forse più di quella di Gomez) la sua assenza di quattro mesi dall’attacco viola. Ed il suo rientro, a pieno regime, potrà essere solo un valore aggiunto per la squadra. Giuseppe e Mario, Rossi e Gomez, la Fiorentina ripartirà da loro due nella prossima stagione. Di fatto, il reparto offensivo appare già completo, se non da rimpolpare con qualche comprimario in grado di dare giusto ricambio alla coppia titolare (da valutare in questo senso anche il destino dei giovani, ma sicuramente grandi investimenti davanti non verranno fatti).

Intanto, la Fiorentina ha di fatto in casa un altro giocatore in grado di far saltare il banco, in attacco. La situazione di Juan Cuadrado, però, è tutt’altro che già risolta. La Fiorentina ha fatto il primo, importantissimo passo acquistando tutto il cartellino dall’Udinese. La seconda parte della partita, però, deve essere ancora giocata. Tra contatti, viaggi dell’agente Lucci in giro per l’Europa ed offerte ufficiali che, ancora, non se ne vedono. Lo ha confermato lo stesso Daniele Pradè, che ha smentito anche un incontro fissato con Alessandro Lucci. Le parti, comunque, si incontreranno nei prossimi giorni, ma decisivo sarà il faccia a faccia tra Cuadrado e la società, con Della Valle che proverà a convincere il colombiano a restare un altro anno in maglia viola. Di fronte ad un’offerta irresistibile (50 milioni), la Fiorentina si metterà ad un tavolo a trattare, anche se l’obiettivo primario è quello di vedere JC11 in campo al Franchi per un altro anno. Ma un peso importante sarà rivestito anche dalla volontà del giocatore stesso, che qualora dovesse impuntarsi per la cessione – e ad oggi non risulta questo – difficilmente potrà essere trattenuto (fermo restando l’offerta alla Fiorentina che dovrà essere comunque di quelle irrinunciabili). Il tutto, in ogni caso, si risolverà proprio con il ritorno di Cuadrado a Firenze. Sarà decisivo il confronto tra i protagonisti, dal quale uscirà anche il futuro di mercato dei viola. Inevitabile, comunque, che gli uomini di mercato gigliati abbiano già pronti due piani ben diversi a seconda della permanenza o meno di Cuadrado in riva all’Arno. Resta solo da definire la questione, cosa che non avverrà in tempi brevissimi. Anche perché, al momento, di offerte ufficiali non sono arrivate, ed anche all’estero prima che i vari Barcellona, Bayern Monaco o Manchester United possano sborsare i ‘famosi’ 50 milioni (che non sono noccioline neanche per club ricchissimi) qualche pedina deve andare al proprio posto.

Resta, dunque, il dubbio Cuadrado, che animerà l’estate viola ancora per i prossimi giorni. Intanto, la nuova stagione fiorentina riparte da Rossi e Gomez. Saranno loro, al 100%, a guidare la squadra di Montella, in Italia ed in Europa. Sperando che, a livello di sfortuna, Giuseppe e Mario abbiano già pagato il loro dazio…

Autore: Marco Pecorini – Redazione Fiorentina.it