Gonzalo e Borja si separano: due cuori viola sotto la maglia

2



Gonzalo Borja Valero carpi

GONZALO e Borja, Borja e Gonzalo. Arrivati insieme con le valigie piene zeppe di scetticismo, sono stati la costante indiscutibile della Fiorentina negli ultimi cinque anni. Sì, perché il capitano e il sindaco sono questo per Firenze. Uomini prima che calciatori. E se sul campo il rendimento non è forse paragonabile a quello delle scorse stagioni, ciò che rappresentano diventa in un momento di confusione e scoramento come questo, un valore inestimabile. Il saluto del presidente esecutivo Mario Cognigni a Gonzalo ha spento le speranze di poterlo vedere ancora in viola. Così scrive La Nazione. 

LE PARTI hanno deciso di non muoversi di un centimetro dalle loro posizioni iniziali e il dado ormai è più che tratto. Milenkovic e Vitor Hugo per sostituirlo, solo il tempo ci dirà chi ha avuto ragione, sperando di non ripetere l’errore fatto con Pasqual. Borja senza Gonzalo. Dopo sette anni insieme, due al Villarreal e cinque alla Fiorentina, la coppia si dividerà. La lista delle dimostrazioni di affetto di Borja e famiglia verso Firenze si arricchisce giorno dopo giorno. Ultima in ordine di tempo, il tatuaggio della moglie Rocio con le coordinate di Ponte Vecchio.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
PerseoViola
Ospite

A parte la persona meravigliosa che ha dismostrato di essere dentro e fuori dal campo, se lo cercano lazio milan e altre ci sará un motivo (e sicuro gli daranno quello che lui chiede), io nn me ne sarei liberato, anche perche garantisce almeno 5-6 gol a stagione

Fiesolesempre
Ospite

33 anni e un campionato con molti scuri e pochi chiari…ma rimane uno dei migliori difensori a livello di tecnica e pericolosità sotto rete che abbiamo avuto.
Io non me ne sarei liberato senza aver testato il sostituto che arriva da un calcio completamente diverso, Salcedo docet.

wpDiscuz
Articolo precedenteLa migliore italiana di sempre? In corsa anche la Fiorentina di Bernardini
Articolo successivoCognigni rilancia: “Non lasciamo. Parleremo alla città. DDV mi suggerì Corvino…”
CONDIVIDI