Grande con le grandi, piccola con le piccole. Oggi la Fiorentina non può sbagliare

2



Come sottolinea la Gazzetta Dello Sport, la Fiorentina è allergica alle sfide con le ultime della classe. La Fiorentina ha giocato 8 delle 10 partite in programma con le ultime cinque della classe (mancano Palermo appunto, e Pescara). Soltanto in una i viola hanno vinto facile. Negli altri sette incontri è successo di tutto. Con l’Empoli all’andata fu 0-4 agevole, poi però è arrivato il ko in casa. Con il Pescara in trasferta il successo è arrivato solo allo scadere ed in rimonta, mentre col Crotone all’andata in casa fu pareggio e al ritorno in Calabria vittoria solo nel recupero. Contro il Genoa la Fiorentina ha fatto solo un punto in due partite, mentre contro i rosanero all’andata il successo arrivò solamente nel recupero. Grande con le grandi, piccola con le piccole. Oggi, contro il Palermo ormai spacciato, la Fiorentina non può sbagliare

2
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
olegna
Ospite
olegna

purtroppo:
1) il Palermo è veramente spacciato, ma quando ci siamo di mezzo noi siamo sempre al 50 e 50, ovvero, può essere che vada in campo con le brache già calate, oppure abbia un rigurgito di umanamente comprensibile orgoglio e………non ci voglio nemmeno pensare,
noi, l’anno che finimmo in B che poi grazie a V,C.G. divenne C2, le ultime quattro/cinque partite di A, praticamente non le giocammo, ma noi, come sempre, siamo noi.

Ah…….dimenticavo……mai titolo, ahimè, fu più azzeccato.
Oggi, speriamo di sbugiardarlo alla grandissima.

Scaramouche
Tifoso
Scaramouche

Un analisi cho avevo fatto dopo gia da settimane, La differenza per noi alla fine la faranno Genoa, Empoli e Crotone e speriamo si fermi qui’. Se con le grandi i giocatori trovano piu’ stimoli e concentrazione da soli, con le piccole spesso servono quelli trasmessi anche da societa’ e allenatore, ed e’ li’ che casca l’asino….

Articolo precedenteAndrea Della Valle: “Li ho guardati negli occhi ad uno a uno. Ora 5 finali”
Articolo successivoQuotidiani a confronto: la formazione viola chi l’azzecca?
CONDIVIDI