Guai a snobbare la Coppa Italia. Tentazione Muriel, ma Pioli non vuole perdere Simeone

21



Vigilia di partita per la Fiorentina, che domani si gioca gli Ottavi di Coppa Italia in casa del Torino. C’è subito l’idea di mandare in campo Muriel

Quella di ieri è stata una giornata importante. Stefano Pioli ha fatto il punto della situazione in vista della partita di Torino ed in seguito al mini ritiro di Malta. La squadra sta bene, le soluzioni adesso sono tante. Scegliere la formazione migliore è compito arduo, anche se qualche indicazione c’è già. Norgaard, ad esempio, è uno di quelli che ha ribaltato le gerarchie. Il danese è pronto a prendersi le chiavi della Fiorentina. Lo ha già fatto intravedere, ma la strada è quella ed indietro non si dovrebbe tornare. Pioli ha capito che con Veretout nel ruolo di mezzala la sua Fiorentina guadagna in pericolosità offensiva, strappi, incursioni, dinamismo. Norgaard è chiamato a dare tempi e geometrie: non poco, ma ha dimostrato di poterlo fare, seppur in modo ancora scolastico.

Si riparte dunque da qui, dopo la pausa invernale, con le partite che contano. A Torino è subito dentro o fuori. E c’è una bella differenza per il proseguo della stagione. La Fiorentina è chiamata a non snobbare la competizione. Anzi, potrebbe riservare anche qualche soddisfazione in caso di passaggio del turno se, con un po’ di fortuna, l’ipotetico Quarto con la Roma si disputasse al Franchi (ci sarebbe il sorteggio). Testa ben piantata sul Toro, quindi, perché in assenza di Europa una seconda competizione in cui giocare è fondamentale per non incorrere nel pericolo apatia, da scacciare con tutte le forze anche in campionato.

Proseguendo con l’ipotetica formazione, le attese maggiori sono per l’attacco, dove scalpita Luis Muriel per una maglia da titolare. Il colombiano, oltre ad essere in gran forma fisicamente, ha lasciato davvero un’ottima impressione anche davanti ai microfoni. Deciso, sereno, maturo e ben calato nella realtà. Ottima l’impressione della sua conferenza stampa. In campo è deciso a dare battaglia per prendersi un posto da titolare. Da capire con chi sia in ballottaggio: facile pensare con Simeone, in realtà potrebbe duellare anche con Mirallas.

Pioli è stato vago sull’argomento attacco, facendo intendere che Simeone e Muriel potranno anche giocare insieme, in base alla partita ed all’avversario di turno. E contro il Toro di Mazzarri potrebbe essere pure così, con Chiesa a completare il tridente. Il colombiano agirebbe da seconda punta ed il Cholito occuperebbe il suo solito ruolo. Questo perché Pioli non vuole perdere in alcun modo Simeone. Una panchina in favore di Muriel (versione centravanti) potrebbe abbatterlo ancora di più. Per questo potrebbero giocare insieme, anche per provare a sorprendere il Torino, che una Fiorentina con due punte vere non l’ha mai vista quest’anno. E quindi non l’ha potuta studiare.

21
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Drummer
Ospite
Drummer

Più perso di così!!!! Hai visto mai provarli insieme!!

Kargost
Ospite
Kargost

Il problema del gol comunque non ce l’ha Simeone, ma l’intero parco attaccanti. Speriamo che Muriel sia un killer da 20 gol a stagione (ma il curriculum dice il contrario) altrimenti non servirà a nulla.

Ruipersempre
Ospite
Ruipersempre

Tanto si va fuori…

Geobxl
Ospite
Geobxl

Muriel ha un’autonomia di 30-35 minuti e la partita potrebbe arrivare ai supplementari, meglio inserirlo nella ripresa

andrea
Ospite
andrea

simeone è già perso; si è perso da solo; va venduto subito e riscattato muriel

Andrea
Ospite
Andrea

Con tutte le squadre italiane che non vincono niente, a parte Lei,… mi pare che la bistrattata Coppa Italia non possa essere assolutamente snobbata da chicchessia…

Dalfo
Tifoso
dalfo

Se si abbatte affari suoi. gioca chi è piu bravo. funziona cosi o almeno dovrebbe.

AlecB
Member
AlecB

Noorrgaad e Veretout nel suo ruolo confermati e dentro subito Muriel – altrimenti Pioli vai a casa!!

Magnifico Messere
Ospite
Magnifico Messere

Vedrete che padre PIOlo metterà in campo la solita inutile formazione… magari per peggiorarla poi nel secondo tempo con altrettante inutili sostituzioni.

Viceversa
Ospite
Viceversa

Non credo che sia Pioli a non voler perdere Simeone. È Corvino che non vuol perdere i soldi spesi per Simeone (e la faccia, di conseguenza). E Pioli, che conta quanto il 2 di picche, esegue.

Articolo precedenteLa giornata viola: il riassunto
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI