Guerre Stellari, Chiesa contro Balotelli: il bene e il male, sfida con sguardo a Mancini

2



Balotelli poteva venire a Firenze, ma Pradè non era convinto. Lunedì sfiderà i viola e Federico: talenti dal percorso diverso.

«La fiducia nel tuo nuovo apprendista mal posta forse è. Come la tua fiducia nel lato oscuro della Forza!». Pensi a Guerre Stellari, e ti vengono in mente le frasi del Maestro Yoda, la lotta tra il bene e il male. Scontri, duelli. Un po’ come quello che, lunedì sera, vedrà confrontarsi Federico Chiesa e Mario Balotelli, scrive il Corriere Fiorentino. Simili, nella forza, opposti in tutto il resto. Mario è Anakin. Cresciuto tra mille tormenti, esploso in tutto il suo fragore fin da ragazzino ma incapace di resistere al richiamo del Lato Oscuro. Fede, è Luke Skywalker. Il guerriero del bene. Mai un comportamento sbagliato, mai un atteggiamento sopra le righe.

MARIO E FEDE. Quella tra Brescia e Fiorentina sarà anche, se non soprattutto, la loro partita. Con un osservatore particolare. Quel Roberto Mancini che, e il pensiero torna ai consigli di Yoda, non ha mai abbandonato l’idea di riportare Balotelli in Nazionale. Ma quando lo ha chiamato Super Mario ha tradito, presentandosi sovrappeso e in ritardo di condizione. C’è chi giura però, che Mancini quella porta la tenga ancora aperta. Dipenderà dal campionato. Lui, Balotelli, ha scelto Brescia per questo. Chiesa invece, anche in chiave Nazionale, deve fare qualche gol in più. L’avvio di stagione del 25 comunque, nonostante l’estate tormentata, è stato positivo. Basta guardare i numeri: un gol, due assist, 2,3 dribbling riusciti a gara (nono assoluto in A), 5,1 tiri a partita. Un rullo compressore.

2
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Marco77
Ospite
Marco77

Ma icchè c’entra Balotelli con Chiesa vienvia: è un giocatore finito a nemmeno 30 anni, altro che stella

lorenzzz
Ospite
lorenzzz

Guerre stellari? Bene-male ?? vaia vaia

Articolo precedenteStadio a Campi incompatibile con l’aeroporto (e la pista che ancora non c’è)
Articolo successivoVenuti: “Felice di essere rimasto. Ho ottenuto tutto col lavoro. Brescia? Gara difficile”
CONDIVIDI