Guidi: “Chiesa esempio della giusta politica societaria sui giovani. I nomi per il futuro…”

15



Queste le parole del mister della Fiorentina Primavera Federico Guidi ai microfoni di Radio Bruno: “Non posso parlare di delusione, quando riesci ad arrivare fino in fondo alla manifestazione più prestigiosa non può esserci delusione. La partita è stata interpretata bene, sapevamo che davanti avevamo un Inter con molta più fisicità. Ci abbiamo provato, non ci siamo riusciti. Però resta la grande cavalcata che i ragazzi hanno percorso durante questa stagione. E poi onore agli avversari che hanno vinto”.

Impegno dei ragazzi? Spesso durante la stagione quando non arrivavano i risultati questi ragazzi sono stati etichettati come leziosi e presuntuosi. Io li vedevo allenare quotidianamente e vedevo grande voglia, grande spirito, grande voglia di migliorarsi. A volte non siamo riusciti a metterlo in mostra, però nell’arco di una stagione può succedere. In queste finali è emerso questo: grande sacrificio, umiltà, voglia di migliorarsi. Ringrazio i tifosi che ieri ci hanno incitato tantissimo. Volevamo renderli orgogliosi, ma il fatto che a fine partita ci abbiano chiamato sotto di loro intonando: ‘Vi vogliamo così’ nonostante la sconfitta significa che i ragazzi sono riusciti a mettere in mostra qualcosa di importante”.

Giovani ragazzi a Moena? Per un allenatore del settore giovanile la missione più importante è riuscire a proiettare il maggior numero possibile di calciatori nel calcio professionistico. L’errore che si può fare su un settore giovanile è quella di valutare squadra, allenatore e staff solo in base al risultato. Porto spesso l’esempio di Chiesa: l’anno scorso la politica societaria è stata chiara: quella di ringiovanire la rosa anticipando molti 99 e molti 98. Chiesa era uno dei trascinatori di quella squadra. Non abbiamo vinto, però a fine anno abbiamo consegnato un giocatore figlio del settore giovanile pronto per la prima squadra. Ci ha dato grande spinta per continuare su quei concetti. Quest’anno la squadra era in età e siamo stati protagonisti per tutta la stagione. Auguro a gran parte dei ragazzi di far parte del ritiro di Moena oppure fare un percorso diverso, come quello di Mancini, Bandinelli o Capezzi. Le statistiche dicono che le squadre che raggiungono la finale scudetto hanno 5-6-7 calciatori che poi in un futuro faranno parte dei grandi. Per un allenatore di un settore giovanile non c’è vittoria più bella”.

Nomi? Ricordiamo che non hanno fatto parte di questa spedizione Chiesa ed Hagi, giocatori molto importanti già lanciati in prima squadra. Forse avremmo vinto il titolo italiano ma avremmo tarpato le ali ai vari Trovato, Gori, Mlakar, Sottil. Non bisogno mai perdere di vista l’obiettivo primario. Sottil ha avuto una crescita esponenziale, Gori si è messo in mostra, Mlakar e Perez hanno già esordito in prima squadra. Castrovilli è stato il trascinatore (essendo il giocatore con più esperienza) ed è stato bravo a colmare la sua lacuna: a Bari era un trequartista, secondo me può diventare un centrocampista moderno a tutti gli effetti, abbina a qualità offensive anche qualità difensive. Diakhate purtroppo dato l’infortunio di Valencic si è dovuto cimentare in un ruolo che non esalta al massimo le sue potenzialità, però lo ha fatto crescere”.

Cosa mi porto dentro da questa esperienza? Tanto, perché io sono fiorentino e porterò la famiglia viola nel cuore. Il calore che c’è in questa città non è equiparabile in nessuna altra parte d’Italia. E’ vero che a volte sei sotto critica, ma sono critiche che vengono dall’amore per la maglia viola. Ringrazio la famiglia Della Valle, quando rimani 12 anni dentro la famiglia Fiorentina significa che hai dato tanto e ti sei legato ai valori della società e della famiglia. E se ti tengono 12 anni vuol dire che c’è stima reciproca. Ringrazio il direttore Corvino che mi ha voluto 12 anni fa, il professor Vergine con il quale ho condiviso la quotidianità di ogni allenamento”.

Futuro? Sto cercando di valutare il progetto, ho avuto offerte da squadre di Lega Pro e Serie B voglio trovare una società che abbia fiducia in me. Starò molto attento senza farmi prendere dalla frenesia. Tornare alla Fiorentina un giorno? Sarebbe un sogno tornare sulla panchina più prestigiosa della società che ti ha cresciuto. Sarebbe il coronamento di un percorso e soprattutto sarebbe bellissimo entrare al Franchi, davanti a quei tifosi che amo tantissimo con il giglio sul petto. C’è qualcosa in più a livello motivazionale”.

15
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
tomcat
Ospite
tomcat

Infatti si e’ visto la politica della societa’…con Chiesa ed Hagi si poteva vincere contro l’inter. Allenatore senza le palle, doveva obbligare la societa’ a dargli i 2 giocatori.

Andrea
Ospite
Andrea

Obbligare la società…. ????… e che fa gli mette una pistola alle tempie?

ennio
Ospite
ennio

ecco perché poteva essere la persona giusta dopo la sconfitta con il Borussia per finire il Campionato e cercare di centrare la qualificazione in E.L. una persona che avesse gli stimoli ed amasse la maglia cosa che Sousa non ha mai avuto. Il suo è sempre stato un rapporto di lavoro, ed ad un certo punto da separato in casa.

marco mugello
Ospite
marco mugello

veroverovero!

Pippo70
Ospite
Pippo70

Che palle con questo Chiesa sembra Messi è tutto il campionato di ritorno che non vede boccia. Lasciatelo crescere in pace.

Viola56
Ospite
Viola56

Dalle ultime parole di Guidi si capisce che significa essere tifosi Viola, Sempre Viola.

claude
Ospite
claude

strisciati andate a serpentare su altro sito. che palle

Bobbo
Ospite
Bobbo

Sottil è l’unico su cui si potrebbe provare a scommettere per la prossima stagione aggregandolo in prima squadra e facendolo giocare ogni tanto. Tecnicamente anche Castrovilli è valido però non ha ancora la giusta personalità infatti nel finale con l’Inter(quando serviva la “garra”) si è troppo eclissato a differenza di Sottil..
Gli altri al momento sarebbero rincalzi anche in B.

Corso
Ospite
Corso

Sottil ha giocato solo un tempo. Castrovilli ha fatto la mezzala per novanta minuti. Oggi se non sei un atleta , alto e veloce nel calcio non sfondi. Gori mi sembra molto potenziale.

marco mugello
Ospite
marco mugello

Diakhatè riserva da B? è una bestia assai tecnica alta 1, 92, è forte nei contrasti , negli interventi, stop perfetto, buon dribling, buon passaggio, una mezzala mediano che ha fatto 9 goal in meno di30 di partite, roba da ottima punta… fortissimo di testa…. DICIOTTO ANNI!!!!!! ripensaci!!!

valter
Ospite
valter

Diakhatè potenziale enorme ma ha la testa di Babacar,se riesci a svitaglierla ed a cambiarla avrai un grande centrocampista,sennò ti rimarrà un mezzo giocatore.Purtroppo!

noairaccomandati
Ospite
noairaccomandati

Raccomandato se eri in un altro paese nemmeno in prima categoria allenavi, se rimangono i ciabattini tranquillo che tra un paio d’anni te la danno loro la squadra.

Jorge Ben
Ospite
Jorge Ben

Brutta bestia l’invidia.

MrBreaker
Tifoso
Strider

A me onestamente Pioli piac, e spero che fará molto bene in maglia Viola, ma prendere un allenatore proveniente dalla Primavera questo o Semplici perché no? Dato che si deve rifondare, e puntare sui giovani perché non uno di questi due?

TEORIA_VIOLA
Ospite
TEORIA_VIOLA

bisognia risparmoare! sveglia

Articolo precedenteLa Fiorentina punta su Gianluca Caprari; concorrenza dell’Atalanta
Articolo successivoL’ex viola Mijatovic denunciato dal Fisco spagnolo
CONDIVIDI