I giovani viola premono, Lo Faso è già pronto

2



Come riporta il Corriere dello Sport Stadio, insieme formano il triumvirato degli aspiranti “deb” di movimento, quelli che in questa stagione non hanno ancora conosciuto la gioia dell’ingresso in campo, ma che Stefano Pioli ha già imparato a conoscere molto bene. Per Benevento, oltre ai due portieri Dragowski e Cerofolini, pure loro a quota 0 minuti, sono partiti Lo Faso, Milenkovic e Hagi: già oggi qualcuno di loro spera di mettere nelle gambe in primi minuti. Al massimo nelle prossime due gare, al Franchi contro il Torino, e domenica prossima a Crotone. Il tecnico viola li ha seguiti attentamente, insieme a Zekhnini, che oggi è rimasto a casa, e pure a Hristov, il centrale difensivo bulgaro che intanto si fa le ossa in Primavera. Rappresentano il futuro del club, ma gli ingredienti per diventare presto anche presente ci sono tutte.

Simone Lo Faso pare il più pronto. E’ molto giovane, ma, per dirla con Pioli, interessante e con doti importanti. Il tecnico viola lo ha ribadito anche ieri: non appena ci sarà l’occasione, toccherà anche a lui. E la speranza è che già contro il Benevento le sue qualità possano finalmente cominciare a farsi conoscere.

Aspetta pure Nikola Milenkovic, destinato a rappresentare il futuro della difesa viola, così come Hagi, che durante l’ultima sosta, dal ritiro con la sua Under 21, ha manifestato il proprio malcontento per essere finito ai margini. Eppure Pioli, anche in allenamento, lo ha messo sotto la lente d’ingrandimento, non dimenticando mai di sottolinearne le qualità balistiche. Il ragazzo sta lavorando bene, ha ripetuto l’allenatore pure ieri: fin qui non ha giocato perché non ritenuto ancora all’altezza dei compagni. Parole queste che, c’è da scommetterci, avranno solleticato nell’orgoglio il giovane rumeno. Ci sono due mesi di tempo per convincere, altrimenti potrebbe essere proprio il giocatore a chiedere di essere mandato sei mesi in prestito.

2
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Milan51
Tifoso
Aldo, Lombardia

Per quest’anno è meglio che ho mettano una bella croce sopra.
Debutteranno in una altra squadra se riusciranno ad andarsene. A Firenze i giovani faranno solo panchina.

Goliath
Ospite
Goliath

Lo Faso è sicuramente moooolto meglio di Blablacar, ma per qualche arcano mistero si continua a considerare l’africano a lui

Articolo precedenteFiorentina: questione di testa, non solo per Simeone
Articolo successivoFormazioni ufficiali di Benevento-Fiorentina: Pioli avanti con i fedelissimi
CONDIVIDI