I problemi della Fiorentina sono nati e restano a centrocampo ma anche le scelte di Pioli. Adesso tutti uniti per la Coppa Italia, l’impresa resta possibile

127



Troppi giocatori fuori ruoli o non pronti per un campionato importante come quello italiano. La Coppa Italia, però, è un obiettivo che può essere centrato

E adesso? Niente cambierà fino al termine della stagione. La Fiorentina, purtroppo, non ha chiuso il suo campionato con la sconfitta di Cagliari. Sono settimane e settimane, mesi, partite su partite, che i viola erano in cerca di una propria identità per tornare in corsa, in maniera decisiva, per l’Europa League. L’arrivo, nei primi giorni di gennaio, di Muriel aveva cambiato la Fiorentina e sembrava aver cambiato il vento attorno alla squadra di Pioli.

Il solo arrivo dell’attaccante colombiano, però, è risultato non sufficiente. Con Muriel la Fiorentina è diventata più concreta, imprevedibile, ha iniziato a finalizzare meglio le sue azioni da gol, ma ha perso un suo equilibrio tattico che fino a dicembre gli aveva permesso di essere una delle squadre del campionato che aveva subito meno reti.

Muriel, per caratteristiche, è un giocatore, è un tipo di attaccante, che non rientra a dare mano al centrocampo, che non partecipa in maniera continuativa al gioco corale della squadra. Certo, ha provato a essere protagonista anche lui nella manovra viola, ma alla fine è un giocatore che si posiziona prevalentemente in attacco e partecipa meno alla fase difensiva.

Questo non vuol dire che è stato sbagliato il suo arrivo. Anzi, con lui la Fiorentina ha scoperto di avere un grande potenziale a giocare in contropiede anche se poi alla fine Pioli l’ha usato poche volte.

Semmai, insieme all’arrivo di Muriel serviva cambiare, migliorare, il centrocampo. Il vero cruccio di tutta la stagione della Fiorentina. Non è più un mistero che Veretout è un giocatore adattato a giocare in cabina di regia (per gran parte della stagione non ha potuto giocare nel suo vero ruolo di centrocampista interno), che Edimilson Fernandes è un giocatore sulle cui caratteristiche c’è da poterci lavorare ma non da affidargli un centrocampo importante come quello della FiorentinaNorgaard ha mostrato di non avere il passo per un campionato difficile come quello italiano mentre per quanto riguarda Gerson alla fine (tra centrocampista e esterno) le buone partite che si ricordano si contano sulle dita di una mano.

Il tutto senza dimenticare l’incredibile involuzione dei difensori. Milenkovic non è più il giocatore ammirato lo scorso anno e nella primissima parte di questo campionato, Pezzella sembra aver perso tutte quello certezze e sicurezze che lo avevano contraddistinto, Vitor Hugo ha iniziato a commettere errori su errori, partite dopo partite, mentre Biraghi non è stato capace di fare quel salto in avanti che tutti attendevano.

Pioli avrebbe potuto fare di più? Certo che si. Toccava a lui trovare le soluzioni tattiche e di gioco per riuscire a migliorare il materiale a disposizione. Invece per mesi si è andati avanti con la stessa filosofia di gioco, adattandosi spesso agli avversari, e puntando troppo spesso sul solito gruppo di giocatori.

Alla fine, però, il banco sembra essere saltato. Le dichiarazioni fatte al termine della gara contro la Lazio hanno spiazzato un po’ tutti, per prima la società che probabilmente pensava altro sul proprio allenatore. E’ evidente che si successo qualcosa nelle ultime settimane.

Adesso la parola d’ordine è tutti uniti fino alla fine (quando saranno prese le decisioni per la prossima stagione), anche perché c’è in gioco la semifinale di Coppa Italia contro l’Atalanta. E’ l’ultimo obiettivo di una stagione avara di emozioni, vittorie, certezze. L’impresa è ancora possibile e gettare al vento un’occasione del genere, però, sarebbe un grave errore da non commettere.

127
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Ostaggio dei Della Valle
Ospite
Ostaggio dei Della Valle

Diciamo anche che da quando lo conosco, Corvino non ha mai acquistato un centrocampista dai piedi buoni. Detto questo Pioli ha completato la frittata togliendo tutti da quella.zona del campo lasciando.agli avversari il presidio.incontrastato

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

….con Muriel sembra sia successa la stessa cosa che accadde con Salah : più imprevedibilità, ma la squadra prese anche 4 gol in diverse partite giocando meno coperta, dal momento che il campione difficilmente retrocedeva oltre la linea del centrocampo o giù di lì. Però no credo che la causa sia ma stessa, anche perché Muriel gioca in una parte del campo diversa. La difesa, reparto forte della squadra, é calata per motivi fisiologici temporanei na anche per scelte tattiche. Giocando con un centrocampo a due come a Bergamo o a tre come con la Lazio, la difesa non poteva… Leggi altro »

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Il problema della Fiorentina è il Piolo, è da due anni che ce lo trasciniamo dietro col paraocchi, la proprietà non l’ha mai voluto vederlo, lo scorso anno è stato salvato dall’impegno della squadra dopo Udine, quest’anno ci trascinerà al 12 posto, dietro Genoa e Parma.

L'arrotino e l'ombrellaio
Ospite
L'arrotino e l'ombrellaio

A BG si può fare, dato che manca molto tempo. Le squadre non sono uguali a se stesse nei mesi.
Ricordate come facemmo fuori la Rube all’andata di CI, e ribaltarono facilmente al ritorno? 😡
Noi ci dobbiamo fare trovare pronti a sfruttare uno sperabile calo dell’Atalanta.
SFV!

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

Si, certo tutto vero e poddibile, però una squadra che gioca male per tutto il campionato perche dovrebbe vincere una partita che per i valori di squadra, non parlo dei singoli, no può vincere? Possibile che ci si debba attaccare all’imponderabile vo all’eccezione contro ogni logica? Come quel mio compagno di classe che per cinque anni non prese una sufficienza a Italiano e all a maturità prese un 6, uno dei pochi che raggiunsero la sufficienza. Attaccarsi a soluzioni tipo questa è ancora più triste, almeno secondo me….

L'arrotino e l'ombrellaio
Ospite
L'arrotino e l'ombrellaio

Se fai il tuo dovere prima (e il tempo non manca), che ti costa sperare?

Assenzioviola
Tifoso
Assenzioviola

Il centrocampo lo sistemeremo appena rientra dal prestito la punta di diamante del mercato corviniano il fenomenale Amidu Salifu preso 8 anni fa e mandato a maturare ma ormai ci siamo ad occhio e croce dovrebbe essere pronto per giocare nella viola dall’alto dei suoi 1 gol in 8 stagioni….se non fosse drammaticamente vero suonerebbe come la classica leggenda calcistica che si racconta per farsi 2 risate

Silvano I vaia
Ospite
Silvano I vaia

I problemi della Fiorentina sono nati e restano nella proprietà e nella società e quindi nei sig. della valle..

Luigi M.
Ospite
Luigi M.

Più che i giocatori dei quali la Viola ha bisogno, occorre sapere chi farà la prossima campagna acquisti e mi auguro che non siano gli stessi che hanno contribuito a questo disastro. Per quanto riguarda la semifinale di Coppa; Missione impossibile. L’Atalanta ci ha già castigato e ha ampiamente dimostrato di essere superiore a questa Fiorentina.

Arcibaldo
Ospite
Arcibaldo

Solo il centrocampo ? Portiere giovane bravino ma ancora acerbo..manca un dx da una vita un centrale da affiancare a pezzella e hancko a sx e una scommessa visto che non ha mai giocato. Il centrocampo eccetto vereteau che e in partenza e tutto da fare..manca una vera punta e un laterale sx..
Manca poco?
..

Momo
Tifoso
momo

Sono stravolto ogni volta che leggo i nomi dei nostri centrocampisti. Onore al genio.

Enzo moretti
Ospite
Enzo moretti

Ilicic a firenze non lo voleva più nessuno l’unico problema e che è stato svenduto
Bernardeschi voleva andare alla Juventus
Barca è andato a prendere tanti soldi a Milano
Su badelj forse bastava una offerta migliore per tenerlo a firenze ed è un tipo di giocatore che alla Fiorentina manca

Articolo precedenteMancini: “Chiesa? Giocatore di qualità che può solo migliorare”
Articolo successivoTorneo di Viareggio, le designazioni arbitrali: Fiorentina-Torino a Colombo
CONDIVIDI