Identità, continuità e una mission (quasi) impossible all’orizzonte: Europa davvero possibile?

16



‘La Fiorentina ha una sua fisionomia, un suo modo di stare in campo’. Era questo il primo obiettivo di Stefano Pioli per la sua Fiorentina. Diventare squadra, avere un’identità. Al di là dei risultati, di valori tecnici più o meno sufficienti. Il percorso di crescita, al netto di scivoloni più o meno pesanti, ha prodotto una Fiorentina che corre, lotta, ha idee più o meno chiare. Sulla base di un 4-3-3 atipico, ma anche del 3-5-2 in corso d’opera. Nonostante sia una squadra che sbaglia, che non sta quasi mai ‘in partita’ per 90 minuti, che pecca di lucidità in alcune fasi di gioco, e di distrazione. Che davanti non sempre trova la combinazione giusta per arrivare al tiro. Ma ora la Fiorentina ha una sua identità.

Dopo quattro mesi di lavoro, ecco una prima bozza di squadra. Il ritorno alla vittoria dopo quattro partite con soli due punti ha dato una boccata d’ossigeno, e soprattutto ha valorizzato il pareggio dell’Olimpico contro la Lazio. Ora l’imperativo è dare continuità. Non solo di risultati ma anche di prestazione. Perché il prossimo ostacolo si chiama Napoli, da affrontare al San Paolo. E per la ‘piccola’ Fiorentina sembra una mission (quasi) impossible.

Se non fosse per quella voglia di giocarsela, adesso davvero, contro tutti. Il punto dell’Olimpico è stato il primo in questo campionato contro una big. Contro l’Inter non c’era stata storia, contro Juve e Roma si erano viste cose interessanti ma anche lacune decisive. Ora il test Sarri, contro Mertens e compagni. Che sono caduti contro la Juventus per la prima volta in questa Serie A. L’anno scorso Napoli-Fiorentina finì con un netto 4-1, e i viola non battono i partenopei da nove partite. Quello di adesso poi è un super Napoli: capolista per 11 giornate, ora deve rincorrere l’Inter (e nel prossimo turno ci sarà Juve-Inter, pericolo motivazionale in più per i viola di Pioli). Nel mezzo, per gli azzurri, la fondamentale trasferta olandese in Champions contro il Feyenoord, con la speranza del passaggio agli ottavi dopo essersela giocata per larga parte alla pari contro il Manchester City nel doppio incrocio.

Energie fisiche e mentali che si possono disperdere, con la Fiorentina che in settimana preparerà la partita per provare quanto meno a giocarsela, e a ribaltare pronostici che sulla carta sembrano scritti. Intanto, anche la classifica è tornata a sorridere, anche se nel ‘marasma ballerino’ che va dal 7° al 12° posto è facile scalare o perdere posizioni in graduatoria. Dalla mediocrità alla zona Europa, il passo è breve. Comunque per la Fiorentina essere tornata alla settima piazza è un piccolo step, visto che non ci stazionava da un mese e mezzo. Ventuno punti insieme a Bologna e Milan, davanti ad Atalanta, Torino e Chievo (tutte a quota 20). Un mini campionato di mezzo che potrebbe comprendere anche Samp (ora 6° a 26 punti) e Cagliari (13° a 16 punti).

Nessuno dall’interno della Fiorentina si pone obiettivi, né tra la dirigenza, né tra i giocatori. Tantomeno l’allenatore si sbilancia. Esser tornati settimi, però, all’alba del mese che segnerà una svolta cruciale per la stagione, è un dato positivo, considerate soprattutto le tante difficoltà di questi mesi. È davvero possibile centrare l’Europa? Primi veri bilanci a fine dicembre, al termine del girone d’andata. Ecco perché questo mese, tra Napoli, Genoa, Cagliari e Milan, con nel mezzo anche la Coppa Italia (la Samp agli ottavi, magari la Lazio ai quarti), rappresenta realmente un crocevia per Astori e compagni. Intanto, numeri alla mano, la Fiorentina tra le squadre in lotta è (forse) quella che più si ‘merita’ il 7° posto: settimo attacco, settima difesa, settima differenza reti, terza squadra per tiri in porta, seconda per corner calciati, prima per chilometri percorsi. Piccoli dati che ‘giustificano‘ la posizione e danno un senso alla perpetua altalena viola. Alla ricerca di continuità.

16
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Grandeviola
Tifoso
Grandeviola

Come detto all’inizio del campionato faremo meglio dello scorso anno nonostante alti e bassi il bello deve ancora venire FVS. Coraggio ragazzi che mandiamo a stendere i critici a prescindere….

GIULIANO
Ospite
GIULIANO

STEFANO HA INIZIATO QUESTO PERCORSO PARTENDO DA ZERO.GRUPPO QUELLO VISTO A MILANO CON L’INTER NELLA PRIMA GARA,COMPLETAMENTE NUOVO,RINNOVATISSIMO,A MILANO NON ERAVAMO UNA VERA SQUADRA,ERAVAMO UN CANTIERE APERTO,UN ABBOZZO DI PROGETTO DI SQUADRA, MA APPUNTO NON UNA VERA SQUADRA,SENZA UNA FISONOMIA,E UN INDENTITà PRECISA,ALLA RICERCA DI NOI STESSI,COME ERA LOGICO PER CHI MASTICA QUALCOSA DI CALCIO ATTENDERSI,EPPURE ANCHE IN QUELLA GARA LI,DEI SUSSULTI C’ERANO STATI,UN PAIO DI PALI COLPITI,UN RIGORE NETTO SU SIMEONE CHE AVREBBE QUANTOMENO NEL PUNTEGGIO RIAPERTO LA GARA.ECCO DA QUELLA SERA LI CON UN SAPIENTE LAVORO PIOLI NEL TEMPO,HA DATO FIDUCIA E CONSAPEVOLEZZA NEI LORO MEZZI A QUESTI… Leggi altro »

Nessie
Ospite
Nessie

Possibile di sicuro, siamo a inizio campionato e nella parte sinistra. Poi secondo me siamo piu’ forti dell’anno scorso
Sportiello – Tata -> meglio Sportiello quindi +
Laurini – Tomovic +
Biraghi – Olivera + (non di molto ma Biraghi gli ha preso il posto)
Astori – Astori
Pezzella – Gonzalo +
Badjeli – Badjeli
Vertout – Vecino +
Benassi – Valero –
Chiesa Chiesa
Thereau – Berna – (per quanto Thereau sia forte)
Simeone – Kalinic – (ma per poco, a me Simeone piace molto)
Pioli – Sousa +
Quindi vittoria per 6-3 sull’anno scorso. E anche la panchina e’ migliorata.

bardo
Ospite
bardo

ancora con ‘sta europa league???? siamo seri, su

si ruzza
Ospite
si ruzza

Da ormai due anni siamo sorpassati da squadre di storia calcistica nettamente inferiore come la sampdoria o addirittura l’atalanta. Per non dire che negli ultimi cinque anni abbiamo preso lezione di gestione sportiva sia dalla lazio che dal napoli che a differenza nostra sono riuscite ad approfittare del tracollo delle milanesi. Dobbiamo esaltarci per un settimo posto? No, grazie. La Fiorentina merita di più. Chi gestisce la Fiorentina non può venir meno a provare ad eccellere come a gennaio 2016 o rendersi irreperibile quando il Real Madrid ti invita in amichevole. E’ una cosa indegna di Firenze.

CarlGustav
Tifoso
Carl Gustav

Solitamente le squadre di pioli vengono fuori nel girone di ritorno, ma data la pochezza tecnica di questi giocatori mi aspetto veramente poco. Siate consci però che qualsiasi posizione al di inferiore al quinto posto è al di sotto del piazzamento medio che registra la fiorentina dal 1929 cari leccavalle.

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Classifica_perpetua_della_Serie_A_dal_1929

si ruzza
Ospite
si ruzza
Alfredo
Ospite
Alfredo

La cosa che più mi colpisce di questo articolo è che si dà per scontato come se fosse la cosa più naturale del mondo il fatto di non darsi obiettivi a nessun livello. Io ritengo invece che questo sia il primo e più grande problema, Non avere obiettivi è sintomatico dell’attuale situazione confusionaria in cui versa tutto l’ambiente a partire naturalmente dai vertici societari. La proprietà, che gestisce tra l’altro un importante realtà industriale, sa BENISSIMO che i risultati si raggiungono solo attraverso la definizione di obiettivi ,la loro condivisione con i quadri direttivi della società e con il costante… Leggi altro »

brian
Ospite
brian

Sinceramente non mi sbilanceri troppo. Questa è una squadra che sta cercando, e trovando piano piano una sua anima. A nostro favore gioca non l’impellente bisogno di vincere il campionato o entrare a tutti i costi nelle prime quattro. Un esempio lampante è la situazione del Milan, data in estate favorita per vincere il campionato e la champion quasi certa. Grande pressione mediatica e al momento si vedono i risultati. Noi siamo partiti alla chetichella consapevoli che questa era una squadra normale costruita all’ultimo giorno di mercato considerando questo un anno interlocutorio. Quelle che ci precedono onestamente sono meglio di… Leggi altro »

VendettaViola
Ospite
VendettaViola

Tradizionalmente le squadre di Pioli fanno meglio nei mesi invernali per poi sciogliersi a primavera. Sfruttiamo il momento e non facciamoci illusioni: se giochiamo sempre come domenica faremo comunque una bella stagione,

dick purple
Ospite
dick purple

Fare più punti possibile non spaventarsi di chi ti sta davanti l’anno scorso l’Atalanta aveva appena iniziato a risalire la classifica…va a momenti di forma adesso la Lazio lo è ma sembra già in ascesa la stessa cosa che hanno fatto loro chi dice non possiamo farlo noi o il Toro a fine campionato infilando 6/7 vittorie di fila !?

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsi London

Prossima settimana molto dura, sconfitta a napoli (ci può stare per carità) uscita dalla CI e massimo un pareggio col genoa in casa (ma vedo una sconfitta anche col grifo da tanti anni non vince a Fi) per cui lenzuolai all’opera FORZA VIOLA SEMPRE

Icchettuddici
Ospite
Icchettuddici

Ma voi siete briachi. Ma come si fa a scrivere cose del genere?

claudio1
Ospite
claudio1

CONTINUO A DIRE CHE QUESTA FIORENTINA E’ PIU FORTE DELL ANNO SCORSO. CORVINO HA FATTO UN BUON LAVORO. CI MANCA SOLO UN TERZINO SINISTRO. LA ROSA E’ FATTA DAELEMENTI PAGATI PARECCHIO.. PEZZELLA SARA’ RISCATTATO PER 11 MILIONI HUGO NE COSTA 8…. IN MEDIANA ACCANTO A BADELY CE BENASSI 13 MILONI E VERETOUT 7 MILIONI… POI CHIESA CHE HA UN VALORE DI 40 MILIONI, SAPONARA 9 MILIONI, SIMEONE PAGATO 20 MILIONI…. INSOMMA LA LAZIO NON COSTA TANTO…. E’ PIOLI CHE DEVE CONVINCERE LA PROPRIA SQUADRA DI CREDERE NEI PROPRI MEZZI… POI TEREHAU E’ UN GIOCATORE ESPERTO E ILLUMINANTE, LAURINI PULITO ORDINATO… Leggi altro »

Fagin
Ospite
Fagin

Ma se fino a sabato parlavate di mediocrità??? Bello andare dietro agli umori dei tifosi, vero?

gangia81
Ospite
gangia81

Come pronosticato da inizio anno serve armarsi di pazienza prima di giudicare, per vedere che squadra abbiamo per le mani. Anche per questo il mercato di Gennaio non potrà essere un grande mercato: ancora non sappiamo quali giocatori vanno sicuramente sostituiti e quali sono da tenere. Solo il ritorno del campionato potrà darci queste risposte e a quel punto Corvino dovrà fare degli aggiustamenti. Speriamo solo che stavolta prima interpelli Pioli, almeno vedremo allenatore e DS che vanno nella stessa direzione e non portano giocatori dai ruoli già coperti in rosa.

Articolo precedenteSimeone: “Felice e motivato per questo momento personale. E’ solo l’inizio!”
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI