Il 2015 viola, LUGLIO: guerra Salah, Milinkovic e Savic

    0



    Tra sogni, incubi, vittorie e sconfitte, il 2015 è ormai giunto al termine. E la Redazione di Fiorentina.it, come ogni festività natalizia che si rispetti, vi propone mese per mese tutto ciò che è accaduto in casa Fiorentina in questi 12 mesi. Continuiamo con Luglio:

     

    Il mese di luglio si apre con la guerra tra Salah e la Fiorentina. Mentre Andrea Della Valle parla di un’offerta al giocatore da 3 milioni di euro più bonus professando ottimismo, con poi anche voci su una volontà da parte della società viola stessa di riscattarlo subito per 18 milioni (soldi da mettere a bilancio però solo da Gennaio), spunta la clausola della discordia.

     

    salah

    Il giocatore, si legge nel documento, avrebbe potuto opporsi alla permanenza in viola. Documento, tuttavia, considerato non valido dalla Fiorentina (che però lo ha firmato con Mencucci) perchè non depositato in Lega. Per l’entourage di Salah l’accordo è invece valido. E Salah non vuole rimanere a Firenze. Si disquisisce, inoltre, sul chi avrebbe dovuto dire cosa. Per l’entourage di Salah il non comunicare niente alla Fiorentina equivaleva ad un manifestare la sua volontà di non rimanere. Mentre la Fiorentina, non sentendo nulla da parte dell’egiziano, considerava il silenzio un tacito assenso alla permanenza. E parte la guerra. Nel frattempo la Fiorentina lo convoca per il ritiro di Moena, e parte un’altra guerra: stavolta con l’Inter.

     

    INTER

    E l’Inter risponde così:

     

    inter

     

    Alla fine, però, Salah finirà alla Roma nonostante il “Mai in Italia di Rogg e Cognigni”. Intanto la campagna abbonamenti è partita. Le nuove soluzioni con pagamenti a rate non fanno comunque impennare le vendite. L’accordo con le Coq Sportif entra ufficialmente in essere. Ed il 6 luglio vengono presentate le maglie in Santo Spirito.

     

    Sousa conquista la folla, ed il ritiro di Moena è pronto a partire. Intanto Babacar rinnova il suo contratto con la Fiorentina:

    Babacar rinnovo

    Sepe arriva in prestito oneroso dal Napoli, mentre le voci su Destro e Walace si fanno sempre più insistenti. Balotelli è più che un’idea, ma non se ne fa di nulla. Roncaglia è destinato al Marsiglia, ma Sousa ci pensa. Vecino torna dal prestito da Empoli, mentre iniziano a circolare le prime voci su Savic all’Atletico Madrid. Gomez, intanto, è sempre corteggiato dal Besiktas. Intanto la Fiorentina si prepara a volare negli States per la ICC, mentre spunta l’interesse per Milinkovic-Savic.

    Il 19 luglio la Fiorentina vola in America per affrontare le prime gare della ICC.Ma Savic non parte. Per lui c’è l’Atletico Madrid. Suarez è in arrivo. Intanto accade l’imprevedibile sull’altro Savic. Il centrocampista del Genk  dice si alla Fiorentina volata in Belgio con Andrea Rogg. Arriva a Firenze, viene portato in sede per le firme, ma…all’ultimo decide di prendere ulteriore tempo. E Daniele Pradé esce dalla sede gigliata tuonando: “Abbiamo trovato l’accordo con il Genk e con il giocatore ma lui è ancora titubante, non possiamo stare ad aspettare un ragazzo di 20 anni”. Rottura improvvisa, e firma con la Lazio il giorno successivo.

     

     

     

    L’estate viola si fa sempre più difficile. Intanto Astori è ad un passo. Bruciato il Napoli. Camporese va all’Empoli. Gomez, il 30 luglio, diventa ufficialmente un giocatore del Besiktas, ma in prestito:

     

    Mario Gomez lettera

     

     

    Bernardeschi, intanto, rinnova.

     

    SEGUE…