Il blog di Ludwigzaller – Epinicio

1608



Ludwigzaller tesse le lodi di Castrovilli, protagonista (alla prima in Serie A) di un’ottima gara contro il Napoli. E non dimentica neanche gli altri giovani Sottil e Vlahovic

Gli antichi greci dedicavano agli atleti che si erano distinti in competizioni come le Olimpiadi composizioni in versi che prendevano il nome di epinici. Lo specialista era Pindaro, cui sono attribuite quattordici olimpiche, oltre a pitiche, istimiche e nemee. Pindaro era certo che non vi fosse vita più felice di quell’atleta: il ricordo delle vittorie nell’agone lo accompagnava per sempre e lo rendeva un uomo sereno e soddisfatto anche da vecchio.

Della bellezza e necessità dell’epinicio erano consapevoli Leopardi, che ne dedicò uno al vincitore di una competizione di pallone (da non confondere col calcio attuale) e, nei tempi moderni, Gianni Brera, uno dei numi tutelari del nostro blog. E dunque come Pindaro dedicò un’olimpica a Psaumida di Kamarina, vincitore colla quadriga, col carro da mule e nella gara del corsiero, voglio qui offrire un epinicio, con i miei più modesti mezzi a un altro atleta della Magna Grecia, Gaetano Castrovilli, nativo delle Murge.

Benché Minervino non abbia un’antica origine, essa si trova nel centro stesso dei territori conquistati dai greci, la cui capitale era Taranto. Talento giovanile indiscusso passa dalla squadra del suo paese al Bari e qui, notato da un sagace soldato e mercante, quel Pantaleo Corvino cui debbono andare doverose lodi, gioca con i colori della città sacra a Marte un torneo di Viareggio nel quale dà tale prova che la Fiorentina decide di acquistarlo.

Dimenticate lo sguardo fiero dei nativi delle banlieu e dei badboy, il Castrovilli di cui si tessono gli elogi è un ragazzo serissimo dall’espressione mite. Non cerca posti in prima squadra, non pretende nulla ed è disposto a imparare. Ha qualità, è vero, ma poca disciplina calcistica, è abituato a spaziare in ogni zona del campo, e a delibare preziosi palloni per i compagni, ma il calcio di oggi è diverso: bisogna avere una posizione precisa e lavorare per il collettivo.

Migra quindi verso la nebbiosa Cremona, che lo accoglie per due anni. Cambia ruolo, diventa un interno. Le qualità sono sempre quelle. Quando torna a Firenze, non c’è come per Ribery una claque di tifosi ad accoglierlo, non lo presentano in piazza, e neanche i giornali specializzati sembrano prestargli molta attenzione, ma subito convince, si guadagna un posto, fino alla prestazione straordinaria con il Napoli, il suo autentico esordio in serie a, che rende evidente la sua classe, la sua maturazione e visione di gioco.

Gli sono compagni quel giorno altri esordienti, meritevoli anch’essi di lodi olimpiche, come quel Sottil che ha saputo far sprigionare potenzialità che fino a poco tempo fa erano ancora inespresse o quel Vlahovic che in campo e fuori è un capitano. Non me li togliete, non li fate di nuovo scivolare in panchina, non li date in prestito per andare in cerca di costosi sostituti. 

di Ludwigzaller

1608
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Gigliato
Tifoso
Gigliato

Leggo l’intervista di Roco sulla gazzetta della quale se ne trovano ampi stralci anche on line … fa benissimo a picchiare duro sulla questione stadio e fa benissimo a dire che se lo fanno girare a vuoto butta tutto monte. Questi avvertimenti dimostrano una cosa fondamentale; I Dv sullo stadio non mentivano. A Firenze per questa opera c’è un problema enorme di non facile risoluzione. Rocco è ben informato di quanto accaduto ngli anni e parte subito duro … o si fa o tutti a casa. Non ammette soluzioni posticce e pasticciate e fa bene. Sarà il caso che di… Leggi altro »

Uno che se ne intende
Ospite
Uno che se ne intende

I DV hanno ciurlato nel manico con il nuovo stadio e hanno provocato una dispendiosa attività amministrativa, rivelatasi alla fine inutile. Non costringermi ad inviarti le dispense sulla Cittadella Story.

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Puoi inviarmi tutte le dispense che vuoi .. negli anni scorsi abbiamo più volte trattato l’argomento ed ho posto in evidenza le infinite criticità e contraddizioni … i DV mollano, Commisso prende il timone, affronta il tema, si dice fiducioso delle opzioni ma dopo soli 3 mesi si espone parimenti ai DV. Non significa niente per te? Bene, ma non benissimo.

Bomber
Ospite
Bomber

Pradè ammette di aver fatto bene il suo lavoro solo al 50%; è riuscito a piazzare alcune zavorre, Simeone su tutte, ma è rimasto con il budget in tasca ( 30/40milioni? ). L affermazione che Raphinia a 25 milioni era un prezzo troppo alto mi ha sorpreso; sarebbe stato più corretto dire che “ i francesi ce l hanno soffiato perché stavo trattando e loro invece hanno pagato quanto richiesto “. Il fatto è che abbiamo una squadra incompleta e siamo rimasti con soldi da spendere e quindi il lavoro non è stato svolto come Lo Zio voleva e cioè… Leggi altro »

Maffe
Tifoso
maffe

La vedo esattamente al contrario su Pradè. NON è riuscito a piazzare le zavorre che sono Cristoforo, Eysseric etc. Simeone con quelli ancora in rosa non può essere considerato un peso. Tu vedi Higuain o Icardi o Lukaku in viola ? Non ci sono, c’è Thereau invece ! Il fatto che ci sia una rosa da oltre 30 giocatori rende ancora meglio l’idea sul mercato in uscita: abbiamo venduto praticamente solo titolari (ne sono rimasti 4) e ci siamo tenuti tutte le riserve, a fare le riserve delle riserve nel 2019/2020. Perchè non tenere un po’ di vecchi titolari a… Leggi altro »

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

A voler credere agli odierni resoconti di stampa, Rocco non aveva posto limiti di spesa, però Prade gli ha detto che non era il caso di spendere per spendere e tanto Sassuolo e Udinese non avrebbero mai ceduto Berardi e De Paul.
In compenso, Rocco e Joe non lesinano sui “like” orali, De Paul mi piace, Tonali mi piace.
Anche a me Wanda Nara “mi piace” ma Prade mi ha detto che servono donne “funzionali”: un modo elegante per farmi orientare su una badante ucraina referenziata da amici di amici

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

😂😂
Pradé l’ha detto ieri in conferenza stampa che lo zio gli aveva dato carta bianca.
Però fra quelli che “ci piacevano” qualcosa ha preso: Pedro.

Uno che se ne intende
Ospite
Uno che se ne intende

“Vedo che il Chiesa di qualche anno fa, non gioca mai”, ahahah. Al di là della diversità di vedute sull’ attualità, non c’è dubbio che Zio Rocco sia una pista avanti a tutti. Se avesse tempo e voglia di studiare calcio, potrebbe liberarsi dei sottopancia e diventare più bravo di Don Aurelio.

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

Rocco ha una marcia in più. Riesce a far filtrare raggi di sole anche nel sottobosco

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

E’ anche il modo in cui dice le cose. Forse aiutato anche dal fatto che mischia tre lingue (inglese italiano e calabrese) risulta ironico ed efficace. Come quando ieri gli hanno chiesto di come è stato accolto dai colleghi: “Ancora non mi sono fatto nemici, okay?”. E poi la personalità e il carisma. Il pezzo su Gazzetta.it in cui si introduce l’intervista sulla versione cartacea, svolta nella redazione del giornale, comincia con “Un fiume in piena che ha contagiato la Gazzetta per alcune ore.” Dove va, prende sempre in mano la situazione. Vedremo quando andrà ad una riunione di Lega… Leggi altro »

2z2t
Ospite
2z2t

Ecco, l’importante è che in Lega serie A Rocco non rischi di diventare il “presidente macchietta”, quello che è intelligente e sa fare le battute alle quali tutti ridono ma che poi si tengono ben alla larga da avere legami più utili alla causa, qualsiasi essa sia.
Non penso abbiamo bisogno di un presidente paladino delle piccole società ma eventualmente di uno che sappia farsi rispettare tra chi ha potere facendo valere la sua posizione.

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Bisogna anche saper perdere se poi si vuol vincere, se Commisso ha questa dote la mia stima verso di lui cresce ancora.

Elukas
Ospite
Elukas

La cantavano i Rokes diversi anni fa.
Commisso meno, ma Montella tra Spagna e Italia credo sia a diciassette sconfitte di fila, con un orizzonte di due partite prossime molto nuvoloso.
Se è un record non so, ma ci vuole impegno.
Personalmente saper perdere è una sensazione che mi piacerebbe conoscere il meno possibile, qui mi pare invece che nonostante la striscia terribile ci si voglia assuefare, aspettiamo…ci vole pazienza….la società è nuova…
E certo, e che problema c’è.

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

Nessun problema: da Fiorentina Udinese in poi si comincia a vincere e non ci si ferma più!

Elukas
Ospite
Elukas

Mi piace la tua certezza.
Dopo Napoli la potevo quasi appoggiare, dopo Genova la vedo un miraggio.

Il cliente ha sempre ragione
Ospite
Il cliente ha sempre ragione

Se mi metto nella dura scorza di un emigrato calabrese che dal nulla costruisce un impero e all’età della pensione vuole regalarsi e regalare divertimento, senza buttare via soldi a capoccia peraltro, c’è il saper perdere e il saper vincere, probabilmente.

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Se inizi a giocare sai che puoi perdere , altrimenti hai un delirio di onnipotenza .

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Mi chiedo se nel centrocampo attuale non ci possa essere un ruolo per Montiel, se quindi non sarebbe possibile giocare con Pulgar, Castrovilli e Montiel, ipotizzando per Montiel due ruoli: centrale o mezzala avanzata.

Nessuno
Member
Trusted Member
Nessuno

Forse anche Zurkowski.

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

Montiel non lo so, per il momento lo tengono buono buono dietro il sipario. Ma a Zurkowski prima o poi tocca di sicuro, basta che il ragazzo si comporti bene e dimostri disponibilità.

Bomber
Ospite
Bomber

Montiel mezzala o dietro 1 o 2 punte, per me, sarà provato più volte durante la stagione

Il cliente ha sempre ragione
Ospite
Il cliente ha sempre ragione

A sette minuti dal termine di media?

Gigliato
Tifoso
Gigliato

A spadino bastavano.

Unopeth
Ospite
Unopeth

Forse sì Lud. Ho visto quando ha giocato, che è molto migliorato come pressing e corsa. Non sarà mai incontrista e recupera palloni, ma se riesce a trovare la posizione tra le linee, migliorerebbe ulteriormente la nostra manovra, e ovviamente la quantità di assist. In questo senso i 2 esterni alti bisogna che tornino di più, perché scalare la mezz’ala (che a questo punto sarebbe più un interno di centrocampo) lascerebbe sguarnito il centro. Non capisco perché ormai da anni e con diversi allenatori, concediamo sempre il cross facile agli avversari.

Lorenzo Monaco
Ospite
Lorenzo Monaco

Carissimi tutti, si cercò in tutte le guise di non lasciarsi adescare dalli più vitiosi e lussuriosi delli confratelli e infino a cedersi a un qualsivoglia affaccio nelle vischiose diatribe agostane, sempre di acceso periglio e di niuna verificha nello tangibile dello pallare, si resistette di fronte alle antonin-demoniche artiglierie tentatorie delli infiniti spunti che lo probabile e lo incerto san dischierare nello parto immaginificho di un undici onirico, in spezie dopo le incube ancor madidiche delle scorse recenti vergogne, ma alfin qualchosa mi costrinse a ribaltar lo desco e ad arrischiar lo strangozzamento, non che la chosa sarebbe stata… Leggi altro »

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Lorenzo non sarò io rammentarvi che per edificar la catedrale intitolata a Santa Maria del Fiore, disfecero li nostri antenati fiorentini il tempio sacro a Santa Reparata, il quale a sua volta sorgea ove era edificato quello sacro a Marte. Con ciò non voglio soggiungere che l’opra insigne dello stadio debba subire la stessa sorte, e tuttavia le cipta che hanno lo sguardo al futuro, siccome Nuova York et la Firenze della età di Dante, distruggono e costruiscono, non per biechi istinti marinettiani ma perseguendo maggior bellezza et chomodità, siccome lo vedi anche nella reggia di Pitti, ch’era un tempo… Leggi altro »

Lorenzo Monaco
Ospite
Lorenzo Monaco

Carissimo, lo tema merita dilungamenti estremi che se avrò tempi et modi mi affannerò a cavalcare in lo novello post, datosi che rocchino proprio in sullo ponte vecchio l’è andato a disquisire. Con rinnovata stima et viva cordialitade

Nessuno
Member
Trusted Member
Nessuno

Tutto ‘sto teatro palesemente ruffiano non piace nemmeno a me, ma cerco di digerirlo come a suo tempo ho cercato di digerire peraltro senza riuscirci gli ammonimenti ricattatori del suo predecessore. Per ora lo considero un effetto collaterale, vediamo come va. Il Franchi, stadio storico, ha fatto il suo tempo e non serve più al calcio moderno. La conservazione ha comunque bisogno di idee e soldi e a un certo punto bisogna decidere se il gioco vale la candela. Diamogli un altro uso, curiamolo, o sostituiamolo con qualcos’altro di più funzionale. Penso che si potrebbe costruire un nuovo stadio più… Leggi altro »

gianni usa
Ospite
gianni usa

Facendo il riassunto delle prime due partite dico la mia opinione anche se ha poco valore. COSE POSITIVE : A ) Castrovilli che sicuramente [puo’ essere titolare e avra’ un gran bel futuro.. B) Chiesa che e’ gia’ in forma anche se il gol ancora non e’ il suo forte.C) Sottil,che a Genova non e’ andato bene pero’ ha mostrato delle doti davvero interessanti. COSE DA RIVEDERE A) Tutti i nuovi che sono scesi in campo per p[iu’ di un’ora.e che non hanno portato nessun miglioramento da l’anno scorso. e il portiere . COSE NEGATIVE A) Badelj che a vederlo… Leggi altro »

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Il post a lui dedicato ha portato bene a Castrovilli che anche a Genova è stato il migliore, una crescita costante a mano a mano che prende sicurezza. Mi pare che a Genova abbia coperto più campo. Chiesa è indubbiamente maturato ancora e mostra la sua classe. Commisso sempre intelligente, mette ko i giornalisti che avevano ipotizzato l’esonero di Montella. Ci manca una vittoria pulita, che metta tutti d’accordo. Sarebbe bello se accadesse contro la Juve.

lorenzzz
Ospite
lorenzzz

Dragowski penso sia da difendere, fa ancora qualche errore di troppo ma è ancora molto giovane, bisogna avere pazienza perchè i mezzi per diventare un grande portiere li ha. Sui nuovi io spenderei due parole su Pulgar che fra tutte le difficoltà di un centrocampo nuovo ce la mette tutta e dimostra personalità non solo dal dischetto, mi sembra già una piccola certezza. Quindi rispetto a quello che dici su cui concordo in larga parte metterei Pulgar fra le cose positive e viceversa Sottil fra quelle da rivedere perchè fra la brillante partita con il Napoli e il quasi nulla… Leggi altro »

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

Probabilmente sarà altalenante per buona parte della stagione. E’ giovane, fa fatica ad adattarsi, l’incostanza ci sta.
Contro il Napoli si è ritrovato avversari forti ma ancora fiacchi, che hanno dovuto picchiarlo per tenerlo buono. Quelli del Genoa andavano di più, noi non giravamo e quindi ha trovato difficoltà.

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

Confido nella crescita della condizione e dell’intesa. Magari prenderemo ancora due o tre rovesci dato il valore degli avversari, ma da un certo punto in poi, se stanno lavorando bene sul campo, cominceremo ad ingranare.
Tre problemi da aggredire:
1. Squadra troppo lunga, dobbiamo sempre rincorrere gli avversari
2. Marcature larghe in area
3. Difesa a zona sui calci da fermo.
Se riusciamo a migliorare in questo dovremmo già riuscire a prendere la metà dei gol.

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

La difesa a zona sui calci piazzati andrebbe eliminata , non migliorata , secondo me .

Gigliato
Tifoso
Gigliato

L’amore di Giuffredi per Pradé.

Pierre Bayle
Ospite
Pierre Bayle

Lui amava tanto il Corvo

Il cliente ha sempre ragione
Ospite
Il cliente ha sempre ragione

Il bello di questo blog, massima stima al suo creatore, è la durata dei post, che ne rendono la navigazione più lenta, come il centrocampo della Viola, di altri e quindi più sontuosa in alcuni momenti ma anche interessante, perché perigliosa, come la nostra difesa, in altri, quindi alla fine più godibile e organica, come sarà la nostra manovra in attacco appena registrate le intese tra i reparti.
Voltaire diceva: ‘la sanità mentale è una questione di consenso’.

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

” La sanità mentale è una questione di contenimento del dolore ” . Questo è un altro punto di vista…

Articolo precedenteLa sfida di Marassi in numeri: Montella ok, il precedente del 2013…
Articolo successivoPedro sempre più vicino alla Fiorentina, e il mercato viola non è ancora finito
CONDIVIDI